laRegione
cop26-paesi-poveri-delusi-dal-g20-nessun-piano-concreto
Keystone
01.11.21 - 12:49
Aggiornamento: 14:16

Cop26, Paesi poveri delusi dal G20: ‘Nessun piano concreto’

Secondo questi Stati, la prospettiva di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali si sta allontanando

Delusi dai risultati del G20 in tema di impegni sul clima, i leader dei Paesi poveri, che rappresentano oltre un miliardo di persone, sperano ora nella Cop26 di Glasgow. “Siamo estremamente preoccupati”, hanno dichiarato al Guardian, sottolineando di aver sperato di più dal vertice del G20 a Roma e affermando che la prospettiva di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali, una soglia vitale che gli scienziati definiscono un “confine planetario”, si sta allontanando.

“Da quello che ho visto sembra che supereremo gli 1,5 gradi. Siamo molto preoccupati per questo. Per noi è una questione di sopravvivenza”, ha dichiarato Gaston Browne, primo ministro di Antigua e Barbuda e presidente dell’Alleanza dei piccoli Stati insulari, che rappresenta 39 Paesi, dando la colpa all’influenza dei potenti interessi di “aziende e lobby multinazionali molto potenti... che beneficiano dei sussidi ai combustibili fossili”.

Secondo i Paesi poveri, non sono accompagnate da piani chiari le promesse del G20 di raggiungere zero emissioni entro la metà del secolo e agire in questo decennio per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. L’esortazione ai leader del G20 presenti a Glasgow per due giorni di colloqui con più di altri 100 capi di Stato, che saranno seguiti da quasi due settimane di colloqui tra alti funzionari, è di elaborare piani più ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra. “Sono estremamente preoccupato, ma nonostante la delusione sono ancora fiducioso”, ha detto ancora Browne.

“I progressi non sono sicuramente sufficienti fino a ora. Siamo molto lontani da un percorso di 1,5 gradi. Abbiamo bisogno di loro (dei Paesi ricchi, ndr) per aumentare il livello dell’asticella. Abbiamo fatto la nostra parte e abbiamo contribuito meno al problema”, ha detto a sua volta Sonam Wangdi, presidente del gruppo dei Paesi meno sviluppati, che rappresenta più di un miliardo di persone a livello globale.

Tra l’altro a un livello di riscaldamento che supera 1,5 gradi, ha ricordato Browne, molte piccole isole subiscono inondazioni dovute all’innalzamento del livello del mare, ma anche i Paesi sviluppati sono a rischio in quanto “molti di loro hanno anche zone costiere”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cop26 g20 riscaldamento globale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
50 min
La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola
L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Estero
2 ore
‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’
Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
3 ore
Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia
L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
5 ore
Centovallina, traffico internazionale bloccato
In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
9 ore
Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette
Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
la guerra in ucraina
23 ore
Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin
I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato
stati uniti
23 ore
La Corte Suprema Usa piccona anche la lotta per il clima
La Casa Bianca: ‘Decisione devastante per l’ambiente’
Estero
1 gior
Morto Sonny Barger, fondatore degli Hells Angels
Aveva 83 anni ed era malato di cancro. Negli Stati Uniti il club di motociclisti è giudicato un’organizzazione criminale
Estero
1 gior
Spesa record per la famiglia reale, imbarazzo in tempo di crisi
I costi pubblici per il mantenimento di casa Windsor sono schizzati per la prima volta oltre la soglia dei 100 milioni di sterline.
Estero
1 gior
Coronavirus, impennata di casi a livello mondiale
Secondo l’ultimo bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, il picco maggiore lo si è registrato nel Mediterraneo orientale (+47%)
© Regiopress, All rights reserved