laRegione
31.10.21 - 16:56

G20: più vaccini ai paesi poveri

Il documento presentato dal Gruppo dei 20 punta anche a un tasso d’immunizzazione del 70% entro la metà del 2022

Ats, a cura de laRegione
g20-piu-vaccini-ai-paesi-poveri
Keystone

«Per contribuire ad avanzare verso gli obiettivi di vaccinare almeno il 40% della popolazione in tutti i paesi entro la fine del 2021 e il 70% entro la metà del 2022, prenderemo iniziative per contribuire ad aumentare la fornitura di vaccini e prodotti e strumenti medici essenziali nei paesi in via di sviluppo e rimuovere i relativi vincoli di approvvigionamento e finanziamento». Lo si legge nel documento finale del G20.

Il comunicato finale prevede poi che i leader delle 20 maggiori economie del mondo si impegneranno a sostenere gli sforzi per ridurre a 100 giorni il periodo necessario per sviluppare nuovi vaccini, farmaci e test in caso di nuove pandemie. «Sosterremo la scienza per abbreviare il ciclo per lo sviluppo di vaccini, terapie e diagnostica sicuri ed efficaci da 300 a 100 giorni».

I leader del G20 riuniti a Roma si sono pure impegnati a riavviare i viaggi internazionali «in modo sicuro e ordinato»: «a tal fine - si legge nella bozza della dichiarazione finale - prendendo in considerazione le politiche nazionali di salute pubblica, riconosciamo l’importanza di standard condivisi per garantire viaggi senza interruzioni, compresi i requisiti e i risultati dei test, i certificati di vaccinazione, l’interoperabilità e il riconoscimento reciproco delle applicazioni digitali, pur continuando a proteggere la salute pubblica e garantendo la privacy e protezione dei dati».

Migranti, donne e Wto

E ancora, nel documento si afferma che «l’impatto della pandemia ci ha messo di fronte a nuove sfide per quanto riguarda le migrazioni nelle nostre economie globalizzate. Ci impegniamo ad adottare misure per sostenere la piena inclusione dei migranti, compresi i lavoratori, e dei rifugiati, nello spirito della cooperazione internazionale e in linea con le politiche, la legislazione e le circostanze nazionali, garantendo il pieno rispetto dei loro diritti e libertà fondamentali indipendentemente dal loro status migratorio».

«Riconosciamo inoltre l’importanza di prevenire i flussi migratori irregolari e il traffico di migranti, come parte di un approccio globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare, rispondendo al contempo ai bisogni umanitari e alle cause profonde dello sfollamento».

Per quanto riguarda le donne, «riaffermiamo il nostro impegno per l’uguaglianza di genere e sottolineiamo il ruolo fondamentale dell’emancipazione e della leadership di donne e ragazze a tutti i livelli per uno sviluppo inclusivo e sostenibile».

«Ci impegniamo a mettere le donne e le ragazze, che sono state colpite in modo sproporzionato dalla pandemia, al centro dei nostri sforzi per andare avanti meglio», si legge ancora nella dichiarazione finale. «Ci impegniamo ad attuare la roadmap del G20 verso e oltre l’obiettivo di Brisbane e a migliorare rapidamente la qualità e la quantità dell’occupazione femminile, con particolare attenzione a mettere fine alla al gap salariale di genere».

Infine, «restiamo impegnati a lavorare attivamente e in modo costruttivo con tutti i membri della Wto per intraprendere la necessaria riforma dell’Organizzazione» mondiale del commercio, dichiarano ancora i leader del G20 nel comunicato finale del vertice, ribadendo l’impegno per un successo in tal senso della Conferenza ministeriale della Wto di fine novembre.

I 20 lavoreranno, in quell’occasione, «per migliorare la capacità del sistema commerciale multilaterale di aumentare la nostra preparazione e resilienza alla pandemia e alle catastrofi” e per “migliorare l’accesso tempestivo, equo e globale ai vaccini».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio
Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
4 ore
La Cina sceglie la repressione, ma non solo
Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
Estero
12 ore
L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0
Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
Thailandia
13 ore
Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista
Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
Estero
1 gior
La protesta cinese è un foglio bianco
Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
1 gior
Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia
Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
1 gior
A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo
I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Estero
1 gior
Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti
Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
1 gior
In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc
Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
1 gior
C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia
Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
© Regiopress, All rights reserved