laRegione
28.10.21 - 21:36

Escalation nella guerra del merluzzo tra Parigi e Londra

La Francia blocca un peschereccio britannico nella Manica. La Gran Bretagna risponde convocando l’ambasciatore francese.

escalation-nella-guerra-del-merluzzo-tra-parigi-e-londra
Keystone
In acque agitate i rapporti tra Londra e Parigi

Parigi – Non è una battaglia navale ma un po’ ci assomiglia. La cosiddetta ‘guerra’ del merluzzo e delle capesante tra Francia e Gran Bretagna ha raggiunto proporzioni inedite, con lo scambio di accuse e veleni tra le due sponde della Manica, il sequestro di un peschereccio britannico da parte dei gendarmi francesi e, in serata, la convocazione al Foreign Office dell’ambasciatore francese a Londra Catherine Colonna, cui è stata consegnata una nota ufficiale di protesta. E c’è da giurare che nel loro incontro al margine del G20 di Roma tra Emmanuel Macron e Boris Johnson, questo sarà l’argomento clou.

Il nodo della contesa riguarda il ristretto numero di licenze sulla pesca concesse da Londra ai pescatori francesi che Parigi considera in violazione degli impegni assunti da Londra nell’ambito degli accordi post-Brexit. Le tensioni sono riesplose ieri quando l’amministrazione del presidente Emmanuel Macron ha annunciato misure di ritorsione, a partire da martedì 2 novembre, a meno che entro quella data la politica britannica non rispetti i patti sulle licenze.

Prima raffica di sanzioni

Questa prima raffica di sanzioni, ha precisato il portavoce del governo francese Gabriel Attal, riguarderà “controlli doganali e sanitari sistematici sui prodotti sbarcati in Francia nonché il divieto di sbarcare prodotti del mare“. Il portavoce ha inoltre evocato una risposta graduale, con una “possibile seconda serie di ritorsioni "; in particolare, "misure energetiche che riguardano la fornitura di corrente elettrica per le isole anglo-normanne”, incluso Jersey.

“Le minacce della Francia sono deludenti e sproporzionate e non corrispondono a quanto potremmo aspettarci da un alleato e partner vicino”, ha ribattuto un portavoce del governo britannico, citato in un tweet del segretario di Stato per l’attuazione della Brexit, David Frost. Un botta e risposta a cui è seguito il fermo di due navi da pesca britanniche per controlli sulla Manica. Una delle due imbarcazioni è stata dirottata al porto di Le Havre con la scorta da una pattuglia della gendarmeria. Il primo è stato solo multato per "intralcio ai controlli”, mentre il secondo rischia sanzioni penali, il sequestro del natante e la confisca del prodotto della pesca perché non sarebbe in possesso di una licenza valida.

‘Con Johnson serve il linguaggio della forza’

Questi controlli, abituali nella stagione della pesca alle patelle, rientrano anche nell’inasprimento dei controlli sulla Manica nell’ambito delle discussioni sulle licenze di pesca fra il Regno Unito e la Commissione Ue, seguite alla Brexit, ha riconosciuto la ministra francese del Mare, Annick Girardin. Il carico da 11 è arrivato in seguito dal segretario di Stato agli Affari Ue, Clément Beaune, per il quale con l’attuale esecutivo di Boris Johnson si deve "parlare il linguaggio della forza perché temo sia l’unico che capisca”.

Il portavoce di Downing Street ha precisato che oggi sulla questione si è tenuta una riunione tecnico-governativa presieduta da Lord Frost. Riunione durante la quale le iniziative della Francia sono state qualificate come “inaccettabili e non compatibili né con l’accordo di libero scambio e cooperazione (Tca) sottoscritto con l’Ue” per il dopo Brexit, "né con il diritto internazionale più ampio". "Ci rammarichiamo - prosegue Londra - del linguaggio provocatorio ripetutamente usato dal governo francese su questo dossier, che non aiuterà certo a rendere più facile la situazione. Noi abbiamo già sollevato con forza le nostre preoccupazioni tanto con la Francia quanto con la Commissione Europea e, come prossimo passo, la ministra degli Esteri ha incaricato la sottosegretaria Morton di convocare l’ambasciatore francese”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Giappone
1 ora
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
2 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
4 ore
Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang
Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
medio oriente
14 ore
Droni colpiscono sito militare in Iran
Lì si producono armi che vanno in Russia. Secondo il Wall Street Journal sono stati gli israeliani con il benestare degli Usa
la guerra in ucraina
16 ore
Putin ha deciso: addestramento militare nelle scuole russe
Come accadeva in Unione Sovietica si insegnerà l’uso di mitragliatrici e bombe a mano
Liechtenstein
18 ore
‘Faites vos jeux’... Anche nel Principato
Respinto in votazione popolare il divieto di casinò. Quasi tre cittadini su quattro (e tutti gli undici Comuni) si sono espressi negativamente
Italia
21 ore
Psicofarmaci per sballo, è boom in Italia
Gli psichiatri suonano il campanello d’allarme: ‘Dipendenza in crescita, necessario contrastarne l’abuso’
Regno Unito
1 gior
Grave violazione del codice ministeriale: Zahawi licenziato
Via lettera, il primo ministro britannico Rishi Sunak silura il ministro senza portafoglio
Estero
1 gior
Forte scossa di terremoto nella notte in Iran
Il sisma di magnitudo 5,7 è stato localizzato nel Nord del Paese. Il bilancio parziale è di tre vittime e diverse centinaia di feriti
Stati Uniti
1 gior
Incidente di caccia in Kansas, ma a sparare... è il cane
Calpesta l’arma nel retro del pick-up: parte un colpo che colpisce il cacciatore seduto davanti, uccidendolo
© Regiopress, All rights reserved