laRegione
il-ciclone-uragano-medicane-ora-fa-davvero-paura
Keystone
Catania sommersa
Estero
27.10.21 - 19:290
Aggiornamento : 19:47

Il ciclone-uragano MediCane ora fa davvero paura

Muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo portando morte e devastazione

MediCane fa paura. Il ciclone che si è abbattuto sulla provincia di Catania provocando tre morti, mentre una persona risulta ancora dispersa, oltre a danni ingenti ancora da quantificare, si sta trasformando in uragano: muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo come mostrano le immagini satellitari trasmesse dalle tv italiane. Secondo le previsioni degli esperti, toccherà il picco venerdì proprio nella zona del Catanese per poi spostarsi velocemente in Calabria.

A Catania, e nei Comuni limitrofi, l’allerta è massima. La gente è terrorizzata dopo quello che ha dovuto affrontare negli ultimi due giorni, con città e paesi sommersi da acqua, fango e detriti e con le strade piene d’acqua e le piazze sommerse. Gruppi di volontari si sono dati da fare per ripulire quanto più possibile, molti rifiuti trascinati dall’acqua sono finiti in mare. I commercianti hanno sistemato barriere in ferro nei negozi per proteggere il più possibile le proprie merci. Già a partire da giovedì le scuole e tutti gli uffici pubblici rimarranno chiusi in quanto il bollettino della Protezione civile indica allerta arancione, rossa dopodomani.

Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha telefonato al sindaco di Catania, Salvo Pogliese per avere informazioni sulla grave emergenza e per esprimere la sua vicinanza alla città così colpita dal maltempo. E ha garantito il massimo sostegno con interventi rapidi ed efficaci di tutte le istituzioni. “L’evento non è finito”, ha avvertito infatti il responsabile della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, giunto a Catania per seguire in prima linea le operazioni. “Diciamo ai cittadini di mantenere alta l’attenzione, di seguire le indicazioni delle autorità perché si aspettano in questa area delle ore che possono essere complicate”, è l’appello di Curcio, anche perché “i valori parlano in maniera molto chiara”.

In seduta straordinaria e urgente, il governo regionale, convocato dal presidente Nello Musumeci proprio nella sede di Catania, ha già deliberato lo stato di emergenza regionale, atto propedeutico per chiedere al governo centrale il riconoscimento dello stato di calamità nazionale. Qualche ora dopo, Musumeci ha chiesto a Roma una “legge speciale” con una dotazione “almeno di tre miliardi” per contrastare il rischio idrogeologico e le frane provocate proprio dagli eventi ambientali.

La ricognizione dei danni – per la quale sono già stati attivati gli uffici regionali della Protezione civile, del Genio civile e degli Ispettorati agrari – sarà possibile solo dopo il cessato stato di allerta, che purtroppo potrebbe protrarsi fino a domenica, sottolinea la Regione. “In 49 anni di vita vissuta in questa città non avevo mai vissuto questo fenomeno”, commenta il sindaco di Catania Salvo Pogliese. “Sono stato nel centro storico e in alcuni quartieri periferici e non avevo mai visto immagini di devastazione simili – dice il sindaco – le immagini della Pescheria sono emblematiche: non era un fiume in piena, era un lago che sommergeva il livello di piazza Duomo”.

Militari e mezzi dell’esercito sono impegnanti nell’opera di soccorso e messa in sicurezza di Scordia, il paese della piana di Catania tra i più colpiti dal nubifragio dove è morta una persona e la moglie risulta dispersa. La seconda vittima è Paolo Claudio Agatino Grassidonio, 53 anni, volontario dell’associazione nazionale carabinieri (Anc) di Nicolosi. “Noi non sappiamo se si stesse recando a prestare soccorso a qualcuno in quegli istanti – scrive la Protezione civile regionale su Facebook – è però andato incontro al suo destino, travolto dalla furia di un evento inimmaginabile”.

Guarda 3 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Eitan torna in Italia, la Corte Suprema rigetta il ricorso
Secondo la Corte israeliana il bambino non può essere allontanato dalla sua residenza abituale, ovvero l’Italia, in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita
Estero
1 ora
Nel 2020 è morto di Aids un bambino ogni 5 minuti
Circa l’88% delle 120’000 morti di bambini legate all’Aids è avvenuto nell’Africa sub-sahariana. Almeno 310’000 i bimbi contagiati nel 2020
Estero
2 ore
Tempesta nel Regno Unito blocca 61 persone due giorni in un pub
La bufera Arwen ha bloccato con un metro di neve la porta del pub più alto d’Inghilterra, a 528 m s.l.m. Tutti in salvo dopo 48 ore
Estero
3 ore
Boss fedelissimo di Riina trovato morto su un binario a Genova
Il boss di Sciacca Totò Di Gangi, 79 anni, scarcerato perché molto malato, era stato fatto scendere in quanto senza green pass. Si ipotizza una disgrazia
Estero
5 ore
L’Oms avverte: possibili gravi conseguenze da variante Omicron
L’avvertimento è contenuto in un documento tecnico pubblicato oggi dall’Oms. Nessun decesso legato alla variante segnalato finora
Estero
6 ore
Etna, soccorritore morto durante un intervento di salvataggio
Un appartenente al Soccorso alpino e speleologico siciliano è morto a causa di un malore durante il recupero di un escursionista caduto in un canalone
Estero
7 ore
Olanda, fuggono da un hotel di quarantena: arrestati sull’aereo
La coppia era stata posta in quarantena dopo l’arrivo dal Sudafrica
Estero
8 ore
Paura Omicron, il Giappone chiude le frontiere agli stranieri
Lo ha annunciato oggi il governo nipponico. Il Paese era ancora chiuso ai turisti ma aveva riaperto a inizio mese a viaggiatori d’affari e studenti
Estero
16 ore
Barbados diventa Repubblica e rimpiazza Elisabetta
Il 30 novembre, a 50 anni dall’indipendenza dal Regno Unito, s’insedierà la prima presidente. Alla cerimonia parteciperà anche il principe Carlo.
coronavirus
19 ore
Avanza la variante Omicron, un caso sospetto in Svizzera
Gli esperti: ‘Più contagiosa, ma meno pericolosa’. Israele chiude i confini e aumentano i casi rilevati in Europa
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile