laRegione
Ambrì
5
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 1-3)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-2)
erdogan-fa-retromarcia-non-espellera-gli-ambasciatori
Keystone
Il presidente turco Erdogan
Estero
25.10.21 - 21:590

Erdogan fa retromarcia, non espellerà gli ambasciatori

Il presidente turco: ‘Promettono di non interferire’. Ma resta lo strappo sul filantropo Kavala. Gli Usa: continueremo a promuovere lo stato di diritto.

a cura de laRegione

Istanbul – Retromarcia di Erdogan sugli ambasciatori occidentali. Dopo le minacce di espulsione dei 10 diplomatici che avevano chiesto il rilascio del filantropo Osman Kavala - tra cui quelli di Usa, Francia e Germania - il presidente turco all’ultimo momento ha tirato il freno, evitando la definitiva deflagrazione di una gravissima crisi diplomatica.

“È arrivata un’altra dichiarazione da parte di questi ambasciatori che cita il loro impegno rispetto all’articolo 41 della Convenzione di Vienna e credo che ora saranno più cauti“, ha detto il Sultano in un lungo discorso alla nazione, evocando un comunicato con cui le ambasciate occidentali avevano in realtà difeso l’appello per l’attivista, definendolo in linea con la Convenzione di Vienna, che impone alle missioni diplomatiche di non interferire con le leggi degli Stati che li ospitano. “Non volevamo provocare una crisi ma la magistratura turca non prende ordini da nessuno” e la loro "mancanza di rispetto doveva ricevere una risposta”, ha affermato Erdogan, scagliandosi ancora duramente contro gli ambasciatori e parlando di "dichiarazioni infondate e irrispettose”.

Il fattore monetario

L’appello per Kavala, detenuto da oltre quattro anni senza alcuna condanna, era stato siglato una settimana fa dalle ambasciate in Turchia di Usa, Canada, Francia, Germania, Olanda, Finlandia, Danimarca, Norvegia, Svezia e Nuova Zelanda per sollecitare Ankara a scarcerarlo, come stabilito da una decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 2019. Intanto, il filantropo ha già annunciato che non si presenterà alla prossima udienza del suo processo, in programma il 26 novembre. Solo pochi giorni dopo il Consiglio d’Europa potrebbe aprire un provvedimento disciplinare nei confronti della Turchia, nel caso Ankara continuasse a dimostrarsi inadempiente verso la sentenza della Corte di Strasburgo.

A pesare sulla retromarcia di Erdogan è stato probabilmente l’ennesimo tonfo della lira turca, che questa mattina ha toccato nuovi record negativi alla prima apertura dei mercati dopo l’attacco di sabato ai diplomatici. Secondo alcuni media turchi, in questi giorni il ministero degli Esteri avrebbe tentato di dissuadere il Sultano e alcuni funzionari del governo lo avrebbero anche informato rispetto alle possibili conseguenze negative sull’economia.

Al G20 di Roma colloquio Erdogan-Biden

Nonostante il passo indietro, la crisi dei diplomatici è destinata comunque a pesare ancora sulle relazioni sempre più complicate tra la Turchia e l‘Occidente. Al G20 in programma a Roma nel fine settimana, Erdogan incontrerà le massime autorità di alcuni dei Paesi di cui aveva dichiarato gli ambasciatori ad Ankara ’persona non grata’. Tra questi anche il presidente americano Joe Biden, con cui spera di riuscire a risolvere le varie crisi che da anni separano Ankara da Washington, come l’acquisto da parte della Turchia del sistema di difesa missilistico russo S-400, il sostegno degli Usa alle milizie curde in Siria, che Ankara ritiene terroriste, e la mancata estradizione del predicatore turco residente in Pennsylvania Fethullah Gulen, che Erdogan considera la mente del tentato golpe del 2016.

Gli Usa intanto promettono di “continuare a promuovere lo stato di diritto” in Turchia ma cercheranno la cooperazione con Ankara sulle priorità comuni, ha detto il portavoce del dipartimento di stato Usa Ned Price.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
7 ore
Zaki sarà scarcerato, ‘ma non è stato assolto’
Lo studente egiziano dell’Università di Bologna era stato arrestato in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva
Francia
11 ore
Esplosione: crolla un edificio, un morto accertato
Una donna e il suo bebè sono invece stati estratti vivi dalle macerie
Estero
1 gior
Gli Usa vogliono boicottare le Olimpiadi di Pechino
Nessun rappresentante del governo statunitense sarà presente ai Giochi invernali di Pechino. La replica: ‘Offesa al popolo cinese’
Confine
1 gior
Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato
L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 gior
A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati
Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
1 gior
Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba
Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
1 gior
Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame
L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
1 gior
Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Il premio Nobel per la pace è stato condannato per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti-Covid
Francia
2 gior
La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri
Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
2 gior
‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani
A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile