laRegione
Ambrì
5
Langnau
6
fine
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
fine
(2-1 : 3-1 : 1-3)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
fine
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
fine
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
fine
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
fine
(0-1 : 0-0 : 0-2)
facebook-alle-corde-per-zuckerberg-e-la-crisi-peggiore
Keystone
Il Ceo Mark Zuckerberg
Estero
25.10.21 - 19:420
Aggiornamento : 21:18

Facebook alle corde, per Zuckerberg è la crisi peggiore

I ‘Fb papers’ denunciano disinformazione, allarmi ignorati e odio. I manager della società avrebbero avuto un ruolo chiave nella disinformazione

a cura de laRegione

New York – Segnalazioni inascoltate, allarmi ignorati, appelli all’azione caduti nel vuoto. Ma anche interferenze dei manager per spianare la strada a politici e vip. I Facebook Papers aprono probabilmente la crisi peggiore di sempre per il social di Mark Zuckerberg che, dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, pensava o quantomeno sperava di aver superato il test maggiore. Passate al setaccio da 17 media americani, le 10’000 pagine di documenti interni alla società consegnati alla Sec offrono uno spaccato di una Facebook dove – come denunciato dall’ex dipendente talpa Frances Hughues – i profitti e la crescita sono favoriti rispetto a tutto il resto, anche alla sicurezza degli amici.

Proprio per non pesare sui conti Zuckerberg, campione dalla libertà di espressione negli Stati Uniti, si è piegato alla richiesta del Partito comunista vietnamita di censurare i post anti-governativi. Non farlo avrebbe esposto Facebook al rischio di finire offline nel paese dove, secondo alcune stime, realizza un miliardo di ricavi l’anno.

Interferenze dei manager a favore dei vip

Sempre su Zuckerberg ricadrebbe la responsabilità di diverse decisioni sui post su politici e celebrità. I documenti rivelano interferenze dei manager per consentire ai vip di postare qualsiasi cosa a prescindere da eventuali violazioni delle regole. “In molti casi la decisione sul mancato rispetto delle norme” da parte di persone di alto profilo “è stata presa da manager e in alcuni casi da Zuckerberg”, ha denunciato un dipendente.

Accuse pesanti per il 37enne amministratore delegato e fondatore di Facebook, un gigante controllato da Zuckerberg che è anche presidente del Consiglio di amministrazione oltre a detenere il 58% delle azioni con diritto di voto, con le quali il suo potere è praticamente senza limiti nella società ma anche di fronte al board. Una posizione quindi di estrema forza che lo espone ora a dure polemiche. “Invece di cambiare nome, Facebook dovrebbe cambiare amministratore delegato”, affermano alcuni critici riferendosi all’atteso cambio della denominazione e del logo del social per riflettere meglio il metaverso.

Disinformazione su elezioni e assalto al Congresso

Oltre a gettare un’ombra su Zuckerberg direttamente, i documenti sollevano dubbi sul ruolo di Facebook nella disinformazione sulle elezioni e l’attacco del 6 gennaio, con l’incapacità di agire sul movimento ‘Stop the Steal’ dei fan di Donald Trump. Ricerche interne a Facebook hanno mostrato la consapevolezza dei manager della società sui problemi legati ai discorsi d’odio e alla disinformazione, alla quale – rivelano i file – contribuiscono proprio i prodotti creati da Facebook e le sue politiche.

La lotta alla cattiva o falsa informazione – hanno denunciato ancora i dipendenti – è minata dalle considerazioni politiche. Il problema dei discorsi di incitamento all’odio non riguarda comunque solo gli Stati Uniti ma si spinge ben oltre i suoi confini fino ad arrivare all’India e all’Etiopia.

La fotografia scattata dai documenti – che includono anche segnalazioni sul traffico di esseri umani – mostra un Facebook in qualche modo spietata che rischia di attirarsi ancora di più i malumori e le critiche delle autorità di tutto il mondo. A Wall Street comunque Facebook qualche ‘amico’ ancora lo ha e nonostante la tempesta che si sta scatenando avanza decisa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Zaki sarà scarcerato, ‘ma non è stato assolto’
Lo studente egiziano dell’Università di Bologna era stato arrestato in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva
Francia
11 ore
Esplosione: crolla un edificio, un morto accertato
Una donna e il suo bebè sono invece stati estratti vivi dalle macerie
Estero
1 gior
Gli Usa vogliono boicottare le Olimpiadi di Pechino
Nessun rappresentante del governo statunitense sarà presente ai Giochi invernali di Pechino. La replica: ‘Offesa al popolo cinese’
Confine
1 gior
Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato
L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 gior
A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati
Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
1 gior
Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba
Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
1 gior
Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame
L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
1 gior
Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Il premio Nobel per la pace è stato condannato per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti-Covid
Francia
2 gior
La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri
Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
2 gior
‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani
A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile