laRegione
italia
19.10.21 - 21:01

Caso Open: Renzi indagato con altri 14

Il leader di Italia Viva: ‘Pericoloso sconfinamento dei giudici in politica’

caso-open-renzi-indagato-con-altri-14
Un murale dedicato a Matteo Renzi (Keystone)

La procura di Firenze chiude le indagini su Fondazione Open, la cassaforte di Matteo Renzi quando era segretario del Pd, che sostenne le sue iniziative politiche, tra cui la kermesse della Stazione Leopolda. Oltre 3,5 milioni di euro di donazioni di denaro, in violazione delle norme sul finanziamento ai partiti, scivolati nella contabilità di Open fra il 2014 e il 2018 sono al centro dell’inchiesta e delle accuse, a vario titolo, per 15 indagati, 11 persone fisiche e quattro società. A tutti è stato notificato l’avviso di conclusione indagini e tra loro c’è l’attuale leader di Italia Viva.

Il senatore Renzi è ritenuto dagli inquirenti il direttore di fatto della ex fondazione, è accusato di finanziamento illecito ai partiti in concorso con l’ex presidente di Open, l’avvocato Alberto Bianchi, e con i componenti del cda, gli amici e compagni di strada Marco Carrai, Luca Lotti e Maria Elena Boschi. Tutte contestazioni prive di fondamento secondo lo stesso Renzi che, ricevuto l’atto, parla di “sconfinamento dei giudici in politica”.

La difesa dell’ex premier

“La Leopolda - afferma - non era la manifestazione di una corrente o di una parte del Pd, ma un luogo di libertà, senza bandiere e con tutti i finanziamenti previsti dalla legge sulle fondazioni. Quando il giudice penale vuole decidere le forme della politica siamo davanti a uno sconfinamento pericoloso per la separazione dei poteri. Loro vogliono un processo politico alla politica. Noi chiederemo giustizia nelle aule della giustizia”, ha concluso Renzi. Il finanziamento illecito è solo uno dei reati contestati nell’inchiesta condotta dal procuratore aggiunto Luca Turco e dal pm Antonino Nastasi.

Dovrà difendersi, in più, dall’accusa di corruzione l’onorevole Luca Lotti: per la procura si sarebbe adoperato affinché in Parlamento venissero approvate disposizioni normative favorevoli al concessionario autostradale Toto Costruzioni spa, una delle società che guardava a Renzi e al suo mondo. In cambio di queste attenzioni il parlamentare, all’epoca dei fatti influente sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e pure segretario del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica), avrebbe ottenuto finanziamenti per Open.

La ricostruzione

In particolare, sostengono i pm, come ricompensa per l’operato di Lotti, il gruppo Toto avrebbe versato al presidente avvocato Alberto Bianchi, 800.000 euro a fronte di una prestazione professionale fittizia. Di questa somma, Bianchi avrebbe poi versato 200.000 euro a Open e altri 200.000 al Comitato per il Sì al referendum sulla riforma costituzionale che Renzi peraltro perse.

Per questi fatti oltre a Lotti sono accusati di corruzione Bianchi, l’imprenditore Patrizio Donnini e Alfonso Toto referente di Toto Costruzioni. Sempre in relazione allo stesso episodio, a Toto viene contestato anche il reato di finanziamento illecito ai partiti. Sia Alfonso Toto che Patrizio Donnini inoltre devono rispondere dell’accusa di traffico di influenze in concorso illecite: per l’accusa, Donnini, si sarebbe fatto pagare da Toto circa 1 milione di euro per una sua mediazione illecita con Luca Lotti. Donnini è accusato anche di autoriciclaggio.

Lo schema delle modifiche alle leggi in cambio di donazioni a Open - è sempre ricostruzione dell’accusa - si sarebbe ripetuto anche con la British American Tobacco Italia: tra 2014 e 2017 Luca Lotti si sarebbe adoperato su disposizioni normative in materia di accise sui tabacchi lavorati, ricevendo in cambio tra l’altro finanziamenti a Open per oltre 250.000 euro e la nomina di un manager gradito nel collegio sindacale della British American Tobacco spa. Sempre riguardo ai finanziamenti ricevuti da Open, l’ex presidente Alberto Bianchi è indagato anche per emissione di fatture per operazioni inesistenti e per traffico di influenze.

Nell’inchiesta sono indagati anche l’imprenditore Riccardo Maestrelli, il vicepresidente del cda della British American Tobacco Italia Giovanni Carucci, il responsabile delle relazioni esterne della spa Gianluca Ansalone e Pietro Di Lorenzo. Le società che hanno ricevuto l’avviso di conclusione indagini sono Toto Costruzioni Generali, Immobil Green srl, British American Tobacco Italia spa e Irbm spa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Gallery
Italia
3 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
18 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
2 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
© Regiopress, All rights reserved