laRegione
13.10.21 - 16:22
Aggiornamento: 17:53

Corea del Nord, i soldati hanno la testa dura

Dimostrazione di forza del regime di Kim Jong-un, con i militari impegnati in prove di rottura di mattoni a pugni e capocciate per impressionare i nemici

corea-del-nord-i-soldati-hanno-la-testa-dura

Una prova di forza come monito ai nemici: un corpo militare d’élite nordcoreano si è esibito davanti al leader Kim Jong-un, alla potente sorella Kim Yo-jong e a tutti gli alti funzionari militari e di partito in prove ad alto rischio e spettacolari come la distruzione di mattoni a pugni o a testate oppure prove di difesa con il solo uso delle mani con le tecniche del taekwondo, l’arte marziale coreana.

La Kctv ha trasmesso le immagini dell’esibizione andata in scena lunedì, dopo che il leader aveva visitato la “Self-Defense 2021”, l’inedita esposizione dedicata agli arsenali di auto-difesa del Paese eremita destinati a crescere fino alla costruzione di un “esercito invincibile” nell’ambito dei festeggiamenti del 10 ottobre per i 76 anni della fondazione del Partito dei Lavoratori.

Nel filmato si vedono pezzi di marmo in frantumi poggiati su petti muscolosi e rotti con pesanti martelli o braccia usate come scalpelli per disintegrare una pila di tegole. Bastonate sulle gambe e volteggi spettacolari a scavalcare un’auto e tubi di metallo piegati solo da due soldati con il collo. Kim, dalla tribuna, ha seguito e applaudito divertito le prove facendo dei commenti, mentre la sorella è apparsa in piedi alle sue spalle.

Della giornata, tuttavia, oltre ai missili di vario tipo testati a settembre e mostrati all’expo, incluso quello ipersonico, hanno fatto colpo i sandali di cuoio indossati da Kim – un modello comune in Italia – con calzini abbinati sotto un abito scuro formale e con pantaloni molto larghi. Un look che, insieme alla camminata usando la parte esterna del piede, ha rinnovato le voci sul possibile stato di salute del leader dovuto al peso, inclusa la gotta che può causare gonfiore ai piedi.

Kim ha perso una quantità significativa di peso intorno a maggio e giugno, tra i 20 e i 30 kg, mentre a settembre è stato visto in piedi su stuoie imbottite durante lunghi discorsi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
1 ora
Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena
I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
1 ora
Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato
È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
2 ore
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
4 ore
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
6 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
6 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
7 ore
La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città
Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
8 ore
Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanisetta
In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
8 ore
Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone
All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washingon
Estero
18 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
© Regiopress, All rights reserved