laRegione
04.10.21 - 08:14
Aggiornamento: 20.12.21 - 09:26

Una talpa contro Facebook: Profitti al di sopra della sicurezza

Frances Haugen, ex dipendente del social network, ha rilasciato un’intervista alla Cbs

Ats, a cura de laRegione
una-talpa-contro-facebook-profitti-al-di-sopra-della-sicurezza
(Keystone)

La “talpa” dietro la fuga di documenti interni di Facebook che ha allarmato il pubblico e i funzionari eletti negli Stati Uniti da domenica ha un volto. Frances Haugen, 30enne ed ex ingegnere di prodotto di Facebook, ha accusato il gruppo di “(mettere) il profitto al di sopra della sicurezza” dei suoi utenti, in un’intervista trasmessa dalla CBS.

La trentenne sarà ascoltato martedì dalla Commissione del Commercio del Senato degli Stati Uniti. Domenica, il senatore democratico Richard Blumenthal, membro della commissione, ha reso omaggio al coraggio della whistleblower.

Effetti sugli adolescenti

Prima di lasciare l’azienda a maggio, Frances Haugen aveva portato con sé numerosi documenti provenienti da ricerche interne all’azienda e affidati al Wall Street Journal. In un articolo pubblicato a metà settembre, il giornale ha rivelato, sulla base di queste informazioni, che l’azienda ha condotto ricerche sul suo social network Instagram per tre anni per determinare i suoi effetti sugli adolescenti. La ricerca ha rivelato che il 32% delle ragazze adolescenti ha percepito che l’uso di Instagram le ha fatte sentire peggio riguardo ai loro corpi quando erano già insoddisfatte di sè.

Controllo dei danni

Già domenica, il vicepresidente del gruppo Nick Clegg ha rilasciato un’intervista alla CNN e ha cercato di limitare i possibili danni che l’intervista del whistleblower avrebbe causato. “La nostra ricerca, o quella di chiunque altro, non supporta il fatto che Instagram sia negativo o tossico per tutti gli adolescenti", ha detto l’ex vice primo ministro britannico domenica. “Non trovo sorprendente, intuitivamente, che se ti senti già male con te stesso, andare sui social media può farti sentire ancora peggio”, ha aggiunto Nick Clegg. Sotto pressione, l’azienda californiana ha annunciato la sospensione dello sviluppo di una versione di Instagram per i minori di 13 anni, ma non si è arresa.

"Conflitti di interesse”

Frances Haugen è entrata a Facebook nel 2019 ed è stata assegnata, su sua richiesta, al dipartimento “Civic Integrity“, interessato ai rischi che certi utenti o certi contenuti potrebbero rappresentare per il corretto svolgimento delle elezioni. Prima delle elezioni presidenziali americane del novembre 2020, Facebook aveva modificato i suoi algoritmi per ridurre la diffusione di informazioni false. Ma secondo l’informatrice, “non appena le elezioni sono finite", il gruppo le ha riconfigurate come prima, "per dare la priorità alla crescita rispetto alla sicurezza”, ha sostenuto nella sua intervista a “60 Minutes” della CBS. "C’erano conflitti d’interesse tra ciò che era bene per il pubblico e ciò che era bene per Facebook”, ha insistito Haugen, e il gruppo stava "sfruttando un’opportunità dopo l’altra per mettere i suoi interessi al primo posto, cioè fare più soldi”.

“Ho visto molti social network, e la situazione di Facebook era significativamente peggiore di qualsiasi cosa avessi visto prima”, ha detto l’ingegnere, che ha anche lavorato sul sito di incontri Hinge, ma anche su Yelp (valutazioni degli utenti delle imprese) e Pinterest.

"Nessuno è maligno”

Per Frances Haugen, è stato in seguito al ritorno ai vecchi algoritmi che molti utenti di Facebook hanno usato la piattaforma per mobilitarsi per gli eventi del 6 gennaio, che hanno portato all’assalto al Campidoglio.

La responsabilità dell’“insurrezione“ sulla sede del Congresso “è delle persone che hanno commesso la violenza e di quelle che l’hanno incoraggiata, compreso il presidente (Donald) Trump”, ha replicato Nick Clegg. Il vicepresidente della piattaforma ha detto che è "troppo facile cercare una spiegazione tecnologica per la polarizzazione politica negli Stati Uniti”. Tuttavia, ha riconosciuto che Facebook ha dovuto cercare di "capire come (esso) contribuisce a contenuti negativi ed estremi, discorsi di odio e disinformazione”.

“Nessuno a Facebook è maligno“, ha detto l’informatore. “Ma gli interessi non sono allineati”. Per Haugen, Mark Zuckerberg, cofondatore e CEO di Facebook, non ha mai cercato di fare di Facebook una piattaforma di diffusione di odio, “ma ha permesso di fare delle scelte” che favoriscono la diffusione di contenuti odiosi. "Le azioni di Facebook rendono chiaro che non si riformerà”, ha detto il senatore Blumenthal in una dichiarazione. "Dobbiamo considerare una regolamentazione più severa”.

Leggi anche:

Instagram mette in crisi le adolescenti. E lo dice Facebook

Instagram sospende il progetto di social per ‘under 13’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000
È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
12 ore
Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria
Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
21 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
22 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
23 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
1 gior
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
1 gior
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
1 gior
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
1 gior
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
1 gior
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
© Regiopress, All rights reserved