laRegione
salvini-attacco-a-morisi-e-attacco-alla-lega
Luca Morisi insieme a Matteo Salvini (Keystone)
italia
28.09.21 - 20:29
Ansa, a cura de laRegione

Salvini: ‘Attacco a Morisi è attacco alla Lega’

L’ex uomo che gestiva la Bestia accusato di spaccio: ‘Il flacone di droga non è mio’. Ma l’indagine va avanti

Il ruolo svolto da una quarta figura, il cinquantenne presente nell‘appartamento di Luca Morisi la notte tra il 13 e 14 agosto nella cascina della villa a Belfiore, gli elementi emersi dai tabulati telefonici dello spin doctor, la natura del liquido nel contenitore di una sostanza che potrebbe essere Ghb, la cosiddetta ’droga dello stupro’. Restano una serie di punti da chiarire nell’inchiesta veronese che vede indagato l’inventore della ‘Bestia’ social della Lega per supposta cessione di sostanza stupefacente.

L’indagine ora potrebbe allargarsi. Ma la difesa dell’ex social media manager - dimessosi il primo settembre scorso dal suo ruolo - punta già a chiarire un aspetto fondamentale, che potrebbe far cadere l’impianto dell’accusa: “quel flacone con del liquido non era di Luca Morisi, il quale - evidentemente - non può averlo ceduto a terzi”. Insomma, il fatto è inevitabilmente piovuto come un macigno sulla campagna elettorale del Carroccio.

La difesa

Lo stesso Matteo Salvini è ancora alle prese con l’incessante fiume di polemiche - arrivate anche dall’ex premier Conte - e contrattacca: “tirare in ballo il discorso politico è un attacco gratuito alla Lega a 5 giorni dal voto”. A far scattare l’indagine sarebbe stato il fermo di due ventenni romeni a un posto di blocco dei carabinieri, che dopo essere stati a casa di Morisi per diverse ore sarebbero andati via in macchina imboccando una strada provinciale. Il nodo della vicenda giudiziaria comincia e - forse - termina qui: i due giovani stranieri sosterrebbero che quel liquido trovato durante l’ispezione nel portaoggetti della loro auto era Ghb e che gli è stato fornito da Morisi, il quale nella sua dichiarazione di ieri ha affermato di non aver commesso alcun reato. Gli stessi suoi difensori smentiscono che potesse appartenere allo spin doctor. Sta di fatto che dal posto di blocco i militari hanno raggiunto l’abitazione di Morisi al cascinale di Belfiore, dove si trovava anche un italiano 50enne, e durante la perquisizione nella casa hanno trovato due grammi di cocaina, una quantità compatibile con l’uso personale e il cui possesso viene punito come un illecito amministrativo e non penale. Morisi è però al momento iscritto nel registro degli indagati per supposta cessione di sostanza stupefacente, “sulla cui natura si attende ancora l’esito delle analisi”, spiega la Procura.

L’attesa

E i risultati sul composto chimico potrebbero arrivare solo tra diverse settimane. In quell’abitazione i due stranieri avrebbero avuto un contatto occasionale con Morisi, che aveva acquistato l’appartamento dalla Socec, una società immobiliare del costruttore Andrea Lieto, il quale in un’inchiesta giornalistica di Report era stato accostato alla vicenda dei cosiddetti fondi russi, per i frequenti contatti con uomini d’affari di Mosca. Uno di questi, titolare di una società con sede nello stesso Palazzo Moneta a Belfiore, risulterebbe risiedere in un civico della ‘barchessa’ accanto a quello di Morisi. L’ex spin doctor di Salvini - conferma il sindaco del comune veronese - “è regolarmente residente nel comune di Belfiore, sicuramente da prima del 2016”.

Se il chiarimento definitivo della vicenda della droga sembra ancora lontano, il fuoco dei social e delle accuse politiche per il leader della Lega è ormai innescato. Matteo Salvini - che si dice “spiaciuto della schifezza mediatica che condanna le persone prima che sia un tribunale a farlo” - ha replicato alle ironie mosse dalla rete, in particolare sull‘episodio della sua citofonata nel 2020 alla casa del tunisino di Bologna in cui il segretario chiese: ’scusi, lei spaccia?’. Parole che furono allora postate proprio dall’allora imponente macchina social del Carroccio e che oggi spingono a una difesa: “Non me ne sono pentito, perché hanno arrestato degli spacciatori. Lì c’erano degli spacciatori che sono stati arrestati. Non andiamo a caso”.

Le reazioni

Una stilettata arriva però anche dal suo ex alleato di quando era ministro e che di quel Governo è stato premier: “Colpisce il fatto che con gli amici Salvini è molto indulgente, con tutti gli altri è sempre stato molto duro", attacca Conte. E Ilaria Cucchi - sorella di Stefano, il detenuto arrestato per droga e morto in carcere dopo un pestaggio - si sfoga: "Ora so che tutte le durissime prese di posizione di Matteo Salvini contro Stefano Cucchi e la mia famiglia hanno un volto: Luca Morisi, indagato dalla Procura di Verona per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
droga lega luca morisi matteo salvini spaccio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
34 min
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
39 min
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
1 ora
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
1 ora
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
2 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
2 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
3 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
7 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
15 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
15 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved