laRegione
iran
21.09.21 - 22:38

Raisi: ‘Pronti a negoziare per porre fine alle sanzioni’

Apertura del nuovo presidente sul nucleare e un attacco diretto a Washington: ‘Cacciati dai talebani, l’egemonia Usa ha miseramente fallito’

Ansa, a cura de laRegione
raisi-pronti-a-negoziare-per-porre-fine-alle-sanzioni
Ebrahim Raisi (Keystone)

I falchi di Teheran tornano a dettare la linea degli ayatollah al Palazzo di Vetro dell’Onu: “L’Iran è favorevole a negoziati sul nucleare che portino alla fine di tutte le sanzioni contro Teheran“, ha scandito nella giornata di apertura dell’Assemblea Generale il neo presidente ultraconservatore Ibrahim Raisi, che ha lanciato un duro attacco all’America. "Quest’anno due scene hanno fatto la storia, l’attacco a Capitol Hill e la presa di potere dei talebani in Afghanistan. Il sistema egemonico degli Usa è fallito miseramente e ha dimostrato di non avere credibilità dentro e fuori il Paese", ha affermato Raisi nel suo videomessaggio, sottolineando come "gli Stati Uniti non sono usciti dall’Afghanistan, sono stati cacciati". In Iran invece, ha proseguito, "è iniziata una nuova era”, con Teheran pronta a "collaborare per un mondo migliore”.

Nel frattempo il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Saeed Khatibzadeh, ha spiegato che i colloqui a Vienna tra l’Iran e le potenze internazionali, sospesi prima dall’elezione di Raisi, riprenderanno “nelle prossime settimane”: “Ogni incontro richiede un coordinamento preventivo e la preparazione di un’agenda”. Finora si sono tenuti sei round di negoziati nella capitale austriaca. Durante la settimana dell’Assemblea Generale dell’Onu, invece, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahanian avrà incontri bilaterali con gli omologhi dei Paesi parte dell’intesa sul nucleare, ma non ci sarà un incontro dell’intera Commissione congiunta del Jcpoa.

Anche l’Alto rappresentante degli Affari Esteri dell’Ue, Josep Borrell, ha confermato che i titolari delle diplomazie di Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania e Russia non incontreranno la controparte iraniana. “Alcuni anni succede, altri no. Non è in agenda", ha ribadito, precisando tuttavia che "la cosa importante non è questa riunione ministeriale, ma la volontà di tutte le parti di riprendere i negoziati a Vienna”.

Il presidente americano Joe Biden, parlando dal podio dell’Onu, ha da parte sua assicurato che gli Stati Uniti sono pronti a tornare all’accordo sul nucleare iraniano se Teheran farà lo stesso, precisando però come gli Usa restino impegnati ad impedire alla Repubblica Islamica di avere un’arma nucleare. Washington, ha spiegato ancora, sta “lavorando” con Cina, Francia, Russia, Gran Bretagna e Germania per "coinvolgere diplomaticamente l’Iran e cercare di tornare all’accordo sul nucleare che l’America ha abbandonato nel 2018 durante l’amministrazione di Donald Trump.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Città del Vaticano
1 ora
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
2 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
2 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
Italia
6 ore
Fuga di monossido di carbonio in chiesa, in due all’ospedale
Intervento dei pompieri durante un evento di catechismo in San Bartolomeo in Pergo (Arezzo). Ricoverati per accertamenti il sacerdote e una donna
Cina
6 ore
La lotta alla pandemia entra in una nuova fase
Dopo aver dettato per tre anni regole e strategie sanitarie, la Cina è pronta a voltare pagina
iran
16 ore
Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne
Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
16 ore
Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo
Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
Confine
20 ore
Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore
In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
21 ore
Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito
La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Estero
1 gior
È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin
Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
© Regiopress, All rights reserved