laRegione
condanne-per-400-anni-al-clan-casamonica-era-mafia
Una villa del clan Casamonica (Keystone)
italia
20.09.21 - 21:44

Condanne per 400 anni al clan Casamonica: ‘Era mafia’

Roma esulta per la sentenza del tribunale dopo un lungi processo: si chiude il cerchio su anni di soprusi e violenze

Ansa, a cura de laRegione

Il clan dei Casamonica teneva in piedi un sistema mafioso a Roma. Dopo l’ordinanza del gip e le prime condanne in rito abbreviato, lo ha riconosciuto anche il Tribunale che ha condannato a 400 anni complessivi una quarantina fra capi e affiliati alla famiglia, imputati fra l’altro per estorsione, usura e detenzione illegale di armi. Dopo sette ore di camera di consiglio, giudici della X sezione penale hanno deciso trent’anni di carcere per il boss Domenico Casamonica, accogliendo in pieno l’istanza della Procura, che complessivamente aveva chiesto oltre 630 anni di reclusione.

Severe le pene per gli altri capi, Giuseppe Casamonica (20 anni e mezzo) e Luciano (12 anni e 9 mesi), e pene pesanti sono arrivate in primo grado anche per Salvatore (25 anni e 9 mesi), Pasquale (23 anni e 8 mesi) e Massimiliano Casamonica (19 anni). Esulta la sindaca di Roma Virginia Raggi, che ha costituito il Comune parte civile nel maxiprocesso iniziato a ottobre 2019, grazie a indagini scattate cinque anni prima: "Io di fronte al clan dei Casamonica non mi sono mai piegata, non ho mai indietreggiato di un passo, non ho mai avuto paura di loro. Ho sempre lottato per il bene dei romani a volto scoperto, ho chiamato per nome e cognome chi ha umiliato e offeso la città. Vivo sotto scorta per questo. Oggi il tribunale di Roma ha confermato l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Ha confermato che è mafia. Questa sentenza non cancella gli anni di soprusi e violenze, ma è un risultato importante per chi vive in questa città. È la conferma che a Roma il clima è cambiato.


L’interno di una villa del clan (Keystone)

Oggi si chiude un capitolo, ma la lotta per contrastare criminalità e mafia non si ferma. Io sarò sempre in prima linea“. “È una sentenza storica che finalmente mette nero su bianco che Casamonica equivale a mafia e un segnale importante da dare ai cittadini del nostro territorio”, dichiara il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. E l’avvocato Giulio Vasaturo, legale di parte civile per l’associazione antimafia Libera, sottolinea anche come il verdetto serva a "fare luce su una sequela di episodi di estorsione e violenza rimasti sino a oggi impuniti, anche a causa della dilagante omertà imposta dal clan nel quadrante sud-est della capitale”.

A differenza del Mondo di Mezzo, quell’ecosistema criminale che aveva messo le mani su Roma ma che secondo la Cassazione non rappresentava un’associazione mafiosa, al sistema Casamonica può applicarsi il 416 bis del codice penale: intimidazioni, omertà, delitti per controllare il territorio e le sue attività sono stati riscontrati. E ora le nuove condanne (dopo le 14 in rito abbreviato e i tre patteggiamenti nel maggio del 2019), sono un altro colpo al clan, che disponeva di numerosi capannoni, ville e villette con piscina, anche abusive, in parte distrutte e in parte confiscate e assegnate a realtà sociali. Una realtà venuta a galla con l’indagine ‘Gramigna’ dei carabinieri, coordinata dai pm della Dda di piazzale Clodio che ha portato a una serie di arresti. Nella sua requisitoria il pm Giovanni Musarò ha sottolineato anche il ruolo svolto da due collaboratori di giustizia che hanno fornito agli inquirenti elementi preziosi per ricostruire la struttura criminale del clan.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casamonica condanne italia mafia roma sentenza tribunale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
53 min
Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet
Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
6 ore
Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola
Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Confine
18 ore
Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’
Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
20 ore
Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’
Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
21 ore
‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’
Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
21 ore
Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’
In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
23 ore
Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura
Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
23 ore
Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa
Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
1 gior
Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas
La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
Estero
1 gior
‘Ora andare in discoteca mi mette ansia’
Su TikTok spopola la ‘Boiler summer cup’, una sfida a punti che premia chi riesce ad adescare le ragazze ritenute in sovrappeso
© Regiopress, All rights reserved