laRegione
in-israele-la-terza-dose-abbatte-contagi-e-casi-gravi
(Keystone)
20.09.21 - 12:18
Aggiornamento: 12:46
Ats, a cura de laRegione

In Israele la terza dose abbatte contagi e casi gravi

Ad almeno 12 giorni dal richiamo, il tasso di infezioni è di circa 12 volte minore, quello di malattia grave è inferiore di quasi 20 volte rispetto alle due dosi

I casi di contagio e di malattia grave calano "sostanzialmente" con la terza dose Pfizer. Lo sottolinea uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, sulla base dei dati del ministero della salute israeliano. Il tasso di infezione, rileva, almeno 12 giorni dopo il ‘booster’, è inferiore di “11,3 volte” rispetto alle due dosi mentre “il tasso di malattia grave è inferiore di 19,5” volte.

Lo studio è stato condotto dal 30 luglio al 31 agosto su 1,13 milioni di over60 che avevano completato l’immunizzazione 5 mesi prima, divisi in due gruppi: quelli cui è stato somministrata la terza dose e quelli che ne hanno ricevute due

Rispetto alla variante Delta, si legge nello studio, la terza dose Pfizer “porterebbe l’efficacia del vaccino tra i soggetti che hanno ricevuto il richiamo a circa il 95%, un valore simile all’efficacia del vaccino originale riportata contro la variante Alfa”.

Tasso di decorsi gravi ridotto di quasi 20 volte

In particolare 12 giorni dopo la dose di richiamo, il tasso di infezione confermata era inferiore nel gruppo di richiamo rispetto al gruppo senza richiamo di un fattore di 11,3; il tasso di malattia grave era inferiore di un fattore di 19,5. In un’analisi secondaria, il tasso di infezione confermata almeno 12 giorni dopo la vaccinazione era inferiore al tasso dopo 4-6 giorni di un fattore di 5,4.

Secondo il metodo seguito dai ricercatori, sono stati estratti i dati per il periodo dal 30 luglio al 31 agosto 2021, dal database del Ministero della Salute israeliano, riguardanti 1.137.804 persone di età pari o superiore a 60 anni e che erano state completamente vaccinate (cioè avevano ricevuto almeno due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech) 5 mesi prima. Nell’analisi primaria, è stato confrontato il tasso di Covid-19 confermato e il tasso di malattia grave tra coloro che avevano ricevuto un’iniezione di richiamo almeno 12 giorni prima (gruppo di richiamo) e coloro che non avevano ricevuto un’iniezione di richiamo (gruppo non di richiamo). Nell’analisi secondaria, invece, è stato valutato il tasso di infezione da 4 a 6 giorni dopo la dose di richiamo rispetto al tasso di almeno 12 giorni dopo il richiamo.

E i ricercatori sono arrivati alle conclusioni che i tassi di Covid-19 confermato e malattie gravi erano “sostanzialmente inferiori” tra coloro che avevano ricevuto un richiamo (terza) dose del vaccino Pfizer.

Nello studio spiegano anche che la malattia grave “è stata definita come una frequenza respiratoria a riposo superiore a 30 respiri al minuto, una saturazione di ossigeno inferiore al 94% durante la respirazione dell’aria ambiente o un rapporto tra pressione parziale di ossigeno arterioso e frazione di ossigeno inspirato inferiore a 300”.

Contagi ai minimi da agosto, il 70% è non vaccinato

Nelle passate 24 ore - secondo i dati del ministero della sanità - i nuovi positivi in Israele sono stati 6.456 con un tasso di positività del 5.17% a fronte di circa 130.000 test. Quello di oggi è il dato più basso registrato dallo scorso 13 agosto. I malati gravi sono 714, di cui 196 in ventilazione meccanica. Secondo i dati della sanità, circa il 70% di questi casi gravi riguardano persone non vaccinate. La terza dose è stata inoculata finora nel Paese ad oltre 3 milioni di persone.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
israele terza dose vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Fanno surf a Venezia: multati per 1’500 euro ciascuno
Protagonisti della bravata due giovani turisti stranieri. Ripresi dalle telecamere sono stati fermati nel giro di poche ore
Estero
1 ora
Esplosione in una moschea a Kabul, decine di vittime
In Afghanistan i talebani non riescono a garantire la sicurezza della popolazione. I morti sarebbero,al momento, almeno 20
Stati Uniti
2 ore
‘Ho aggredito Rushdie perché ha attaccato l’Islam’
Parla l’assalitore. Che nega di essere stato in contatto con i pasdaran iraniani. ‘Ispirato dai video dello scrittore su Youtube’
Spagna
3 ore
Spagna, si rovescia un trenino turistico: undici feriti
L’incidente si è verificato a Maiorca. Tra le persone contuse anche quattro minori. Di cui uno in gravi condizioni
Spagna
3 ore
Oltre 21mila ettari di bosco arsi dalle fiamme in Spagna
Due grossi incendi stanno devastando le località di Bejís e la Valle d’Ebo, nell’Est della Spagna. Tremila le persone sfollate
Estero
4 ore
Covid, quindicimila decessi in una settimana
Per il direttore dell’Oms Tedros Ghebreyesus, una ‘situazione inaccettabile ora che abbiamo gli strumenti per prevenire le infezioni’
Italia
5 ore
Secca del Po, ‘il peggio è passato, ma ora si deve agire’
Lo afferma Alessandro Bratti, segretario generale dell’Autorità distrettuale del Fiume Po: ‘Interventi strutturali non più procrastinabili’
Germania
5 ore
Una chiatta in avaria blocca il Reno a Magonza
L’imbarcazione si è arenata non lontano dalla strettoia di Kaub, punto cruciale per la navigazione fluviale
Germania
8 ore
Saluto nazista agli atleti: arrestato un addetto sicurezza
Presa di mira la delegazione israeliana che si stava recando verso il monumento alla memoria dei compatrioti uccisi dai terroristi nel 1972
Estero
13 ore
La Corea del Nord ha lanciato due missili da crociera
Lo ha reso noto il Ministero della difesa di Seul. Si tratta del primo test missilistico da settimane
© Regiopress, All rights reserved