laRegione
06.09.21 - 21:22

‘La strage di Viareggio poteva essere evitata’

Il disastro ferroviario del giugno 2009 costato la vita a 32 persone frutto della mancata manutenzione della carrozza. Lo hanno stabilito i giudici della Cassazione

la-strage-di-viareggio-poteva-essere-evitata

La strage alla stazione di Viareggio del 29 giugno del 2009, che costò la vita a 32 persone, avrebbe potuto essere evitata da una corretta manutenzione del carro, che invece sarebbe stata omessa in modo sistematico. Così i giudici della Cassazione nelle motivazioni della sentenza che l'8 gennaio scorso ha sancito 11 condanne per disastro ferroviario colposo.

Gli ermellini hanno anche ritenuto nulla la rinuncia alla prescrizione fatta da Mauro Moretti nel processo di secondo grado; l'ex ad di Fs e Rfi dovrà decidere se rinunciarvi nell'appello bis disposto a suo carico. Tra i reati dichiarati prescritti dalla Cassazione anche quello di omicidio colposo plurimo, per il venir meno dell'aggravante della violazione delle norme sulla sicurezza su lavoro.

Sulle responsabilità dovute agli omessi controlli la Cassazione è stata netta: "Il controllo sulla correttezza della manutenzione - affermano i giudici riprendendo quanto sostenuto dai colleghi della corte di appello di Firenze - avrebbe evitato il sinistro, perché sarebbe emersa l'assenza della documentazione inerente la storia manutentiva del carro e dei suoi componenti e quindi esso sarebbe stato escluso dalla circolazione".

Il deragliamento del carro, ribadisce la Cassazione, fu causato dalla “rottura di un assile dovuta alla presenza di crateri di corrosione che avrebbero dovuto essere rilevati in occasione della manutenzione eseguita presso la Jughental ma anche presso la Cima Riparazioni”. Deficit riparativi definiti "non occasionali bensì sistemici", tanto più che il rischio di rottura degli assili per l'esistenza di corrosioni era "certamente noto agli operatori del settore”.

Riguardo a Moretti, condannato a 7 anni, pena poi confermata nel processo di appello, alla sua rinuncia alla prescrizione tutto da rifare per la Cassazione perchè la sua dichiarazione, “volta a rinunciare alla prescrizione per tutti i reati che fossero stati estinti”, “non può ritenersi efficace” perché fatta prima del verificarsi dell'estinzione del reato.

“Il rimedio - sostengono - può essere rivenuto nel riservare al giudizio di rinvio la verifica della volontà dell'imputato di rinunciare alla prescrizione dei reati di omicidio colposo”. La decisione pertanto è rimandata al processo di appello bis disposto per alcuni degli imputati.

Quando alla prescrizione del reato di omicidio colposo plurimo, venuto meno per la caduta dell'aggravante della violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, per la Cassazione le vittime non sono assimilabili a lavoratori. "L'integrazione dell'aggravante - spiegano i giudici - richiede che l'evento, anche quello occorso in danno di un terzo, sia concretizzazione del rischio lavorativo, ovvero del rischio di nocumento del lavoratore in conseguenza dell'attività espletata o del terzo che si trova in analoga situazione di esposizione".

Secondo la corte poi l'aggravante viene meno anche perchè la contestata violazione della regola cautelare della riduzione della velocità a 60 km/h al passaggio in stazione di carri cisterna “è stata individuata ex post”: quando avvenne il disastro non era una regola prevedibile.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Oceania
1 ora
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
3 ore
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
14 ore
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
15 ore
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
16 ore
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
16 ore
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Estero
20 ore
Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook
Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
21 ore
Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’
I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Confine
23 ore
Como, aumenta il numero di giovani spacciatori
Quattro giovani sono stati denunciati a piede libero per detenzione di hashish. Sanzionato anche un minorenne
Italia
1 gior
15enne spinto sui binari, fermati due minori: lite per gelosia
I due hanno rischiato di far finire il coetaneo sotto un treno in corsa alla stazione di Seregno. All’origine dell’aggressione, una ragazza ‘contesa’
© Regiopress, All rights reserved