laRegione
laR
 
18.08.21 - 05:15
Aggiornamento: 17:10

Com’è lontana Venezia per Sahraa Karimi

In Laguna, nel 2019, fece una dichiarazione che oggi assume un enorme significato: oggi, la regista afghana è in fuga per salvarsi la vita.

di Ugo Brusaporco
com-e-lontana-venezia-per-sahraa-karimi
Sahraa Karimi (foto: ChandC / Wikipedia)

L’avevamo conosciuta a Venezia, nel 2019, quando alla Mostra del Cinema, nella sezione in concorso ‘Orizzonti’, aveva presentato il suo primo film di fiction ‘Hava, Maryam Ayesha’, un importante ed emozionante film sull’aborto. In quell’occasione, fece una dichiarazione che oggi assume un enorme significato: “Essendo una regista donna originaria dell’Afghanistan, mi sono ripromessa di raccontare le storie delle mie connazionali che cercano di cambiare la propria vita all’interno di una società tradizionale. Viaggiando in diverse città e villaggi afghani, ho raccolto dal profondo del Paese storie vere di donne come Hava, Maryam e Ayesha. Hava è il prototipo della casalinga afghana, Maryam è una donna colta, un’intellettuale, e Ayesha è un’adolescente della classe media. Tutte stanno tentando di non arrendersi alla società patriarcale che è stata loro imposta. Le decisioni che prendono sono una forma di resistenza a una vita predeterminata. Il mio obiettivo è quello di raccontare le vite di donne che per molti anni non hanno avuto voce e ora sono pronte a cambiare il proprio destino”.

Oggi, la regista afghana Sahraa Karimi, nata il 21 maggio 1985, è una donna in fuga nell’Afghanistan dei talebani. Un simbolo imbarazzante per i fondamentalisti, è la prima e l’unica donna in Afghanistan ad avere un dottorato di ricerca in Cinema e Regia, ed è, ancora, in questi momenti, la prima presidente donna dell’Afghan Film Organization (Afghan Film). Donna di coraggio, ha preso una dura posizione contro i vincitori con una lettera ripresa e amplificata nel mondo occidentale da Variety in cui afferma che, nonostante l’immagine pubblica lucida, l’agenda dei talebani è brutalmente feudale, paternalistica e prevede di riportare indietro l’orologio sulle donne e i loro diritti. “[I talebani] spoglieranno i diritti delle donne, saremo spinti nell’ombra delle nostre case e delle nostre voci, la nostra espressione sarà soffocata nel silenzio. Quando i talebani erano al potere, a scuola non c’erano ragazze. Da allora, ci sono oltre 9 milioni di ragazze afghane a scuola. Proprio in queste poche settimane, i talebani hanno distrutto molte scuole e ora 2 milioni di ragazze sono di nuovo costrette a lasciare la scuola”, ha detto Karimi. Aggiungendo: “Tutto ciò per cui ho lavorato così duramente per costruire come regista nel mio Paese rischia di cadere. Se i talebani prenderanno il controllo, vieteranno tutte le opere d’arte. Io e altri registi potremmo essere i prossimi nella loro lista dei successi”. E con ancor più durezza ha scritto: “Nelle ultime settimane i talebani hanno massacrato il nostro popolo, hanno rapito molti bambini, hanno venduto ragazze come spose bambine ai loro uomini, hanno ucciso una donna per il suo abbigliamento, hanno cavato gli occhi a una donna, hanno torturato e ucciso una donna che era una dei nostri amati comici, hanno ucciso uno dei nostri poeti storici, hanno ucciso il capo della cultura e dei media per il governo [ora deposto]”.

Il suo non è un pianto, è un urlato J’accuse contro chi per vent’anni ha seminato illusioni protette dalle armi, illusioni incapaci di diventare vere speranze e futuro. Oggi Sahraa Karimi è in fuga per salvarsi la vita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
5 ore
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
5 ore
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
6 ore
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
10 ore
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Gallery
Italia
17 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna
Italia
1 gior
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
2 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
2 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
2 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
2 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
© Regiopress, All rights reserved