laRegione
il-collasso-afghano-cosi-si-e-dissolto-l-esercito
Un soldato dell'esercito afghano (Keystone)
16.08.21 - 21:22
Ansa, a cura de laRegione

Il collasso afghano, così si è dissolto l'esercito

Un anno senza raid da parte degli americani ha permesso ai talebani di riorganizzarsi

I vent'anni di guerra degli Stati Uniti in Afghanistan terminano come sono iniziati: con i talebani al potere. La presa di Kabul ha sancito infatti il triste epilogo dell'intervento militare più lungo d'America. E sono molti a chiedersi nel mondo come sia stato possibile per il Paese tornare così rapidamente nel buio dell'Emirato islamico.

Una classe politica impreparata, istituzioni ancora acerbe, e soprattutto un esercito male addestrato, corrotto e pronto a disertare sono stati gli ingredienti che hanno permesso ai talebani di dilagare in una campagna militare lampo partita dopo che il presidente Biden ha annunciato che tutte le truppe americane avrebbero lasciato il paese entro settembre.

Gli insorti si sono ripresi l'Afghanistan quasi senza sparare un colpo. Distretto dopo distretto, molti soldati demoralizzati e isolati hanno semplicemente fatto il calcolo che non valeva più la pena combattere, specialmente con i talebani che offrivano denaro e un passaggio sicuro verso casa. E tanti si sono lasciati dietro armi ed equipaggiamento militare, finito nelle settimane scorse nelle mani dei miliziani.

Le armi

Ora l'Emirato islamico ha a disposizione persino elicotteri e veicoli blindati, oltre che artiglieria, velivoli senza equipaggio (Uav) e attrezzature per la visione notturna. Jack Watling, un ricercatore del think tank Rusi, ha osservato che i talebani non hanno le competenze per usare mezzi come elicotteri. Ma gli insorti stanno già vendendo alcune delle armi e dei mezzi rubati all'estero, in Asia centrale e in Medio Oriente, e in futuro probabilmente in Africa orientale. Un modo per fare cassa che potrebbe avere conseguenze gravi in altre polveriere del mondo.


Soldati afghani a Herat (Keystone)

Errori strategici

Quello delle armi lasciate al nemico è solo un aspetto che evidenzia il drammatico fallimento dell'esercito afghano, derivato da difetti interni aggravati da errori strategici del governo di Ashraf Ghani e dal ritiro delle forze Usa. Gli americani hanno infatti portato via il supporto aereo, l'intelligence e i contractor. Ciò ha significato che le forze afghane, semplicemente, non hanno potuto più operare, ha spiegato al Wall Street Journal il generale in pensione Daniel Bolger, che ha comandato la missione della coalizione guidata dagli Usa per addestrare le forze afgane nel 2011-2013. Nei giorni scorsi, i media statunitensi hanno poi svelato impietosamente i ritardi, lo spreco e il fallimento di 20 anni di maxi finanziamenti (83 miliardi di dollari) e addestramenti dell'esercito e della polizia.

Con dirigenti Usa, Nato e di Kabul che hanno parlato di forze di sicurezza incompetenti e corrotte, soldati indisciplinati e dediti a furti di uniformi, benzina e pezzi di ricambio. E di comandanti pronti a gonfiare il numero degli arruolati per fare la cresta sui salari.

I colloqui di pace

Alle inadeguatezze delle forze di sicurezza afghane, si aggiunge il fatto che i talebani hanno approfittato dei colloqui di pace sponsorizzati dagli Stati Uniti per ingannare Kabul sulle loro intenzioni, preparandosi all'offensiva lampo. Andrew Watkins, analista senior presso l'International Crisis Group, ha spiegato che ciò che è cambiato tra il febbraio 2020 e l'annuncio del ritiro Usa è stata la fine degli attacchi aerei americani, che richiedevano un pesante tributo ai combattenti.

"L'accordo di Doha ha concesso ai talebani una tregua di un anno", ha affermato Watkins. "Sono stati in grado di riorganizzarsi, pianificare, rafforzare le loro linee di rifornimento, avere libertà di movimento, senza paura dei bombardamenti americani". E passo dopo passo, sono riusciti a ristabilire il dominio dell'Emirato islamico dell'Afghanistan.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan armi esercito guerra kabul talebani
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard
La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
4 ore
Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati
Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
6 ore
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
7 ore
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
7 ore
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
16 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
18 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
18 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
21 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
22 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
© Regiopress, All rights reserved