laRegione
india
03.08.21 - 18:46
Aggiornamento: 19:07

Stuprata e uccisa a 9 anni, arrestato un prete

L'uomo avrebbe agito con altri 3 addetti di un crematorio, rischiano la pena capitale

Ansa, a cura de laRegione
stuprata-e-uccisa-a-9-anni-arrestato-un-prete
Una giovane ragazza sbircia da una tenda nella periferia di New Delhi (Keystone)

Rabbia e orrore in India per l'ennesimo episodio di violenza sessuale culminata con l'uccisione di una bambina di nove anni. L'aggressione ha avuto luogo in un villaggio della periferia a sud est di New Delhi. Secondo l'ipotesi più verosimile, la piccola è stata violentata, uccisa e data alle fiamme da un sacerdote e da tre complici, tutti addetti di un crematorio dove era stata mandata per prendere acqua fredda da un congelatore.

Il quotidiano Hindustan Times riporta il racconto della madre, principale accusatrice. "Mezz'ora dopo avere mandato mia figlia al crematorio - ha spiegato la donna - il sacerdote, un 55enne che conosco superficialmente, mi ha chiamata, per mostrarmi il corpo senza vita della bambina e mi ha detto che era rimasta fulminata mentre attingeva l'acqua. Dopo avermi suggerito di non informare la polizia, con la scusa di evitare che le venissero espiantati gli organi, i quattro l'hanno immediatamente cremata, senza il mio consenso". Il racconto e la fretta di far scomparire il corpo della figlia non hanno convinto la donna, che si è recata al commissariato a sporgere denuncia.

La rabbia degli abitanti

Non appena la notizia è circolata, centinaia di abitanti del villaggio sono scesi in strada, chiedendo che i quattro, arrestati inizialmente con l'accusa di omicidio colposo, venissero invece accusati di stupro, assassinio e tentata intimidazione, capi di imputazione per i quali rischiano la pena capitale. Molte associazioni di donne, della società civile e partiti politici di opposizione si sono mobilitati, organizzando in tutta la capitale sit-in e veglie di preghiere.

La gente in strada a Delhi sta rivivendo la tristezza del dicembre 2012, quando fu scoperta l'efferata aggressione di gruppo della ragazza sul bus, e sta reclamando, ancora una volta, sicurezza per le bambine e le donne e garanzie per un processo "giusto e rapido". La violenza contro le donne è tuttora un fenomeno endemico nel Paese, soprattutto nelle zone rurali.

Appena pochi giorni fa una ragazza di 17 anni, Neha Paswan, che viveva a Savreji Kharg, un villaggio nel distretto di Deoria, una delle regioni più arretrate dell'Uttar Pradesh, è stata uccisa a bastonate. Sotto accusa il nonno paterno e due zii che non le perdonavano di indossare jeans e maglietta e di voler vivere la sua vita come tante sue coetanee.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Brasile
4 ore
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
4 ore
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
4 ore
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
13 ore
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
15 ore
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
17 ore
Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’
Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
Estero
19 ore
Getta in terra sculture ai Musei Vaticani, fermato un turista
L’uomo ha danneggiato gravemente due antichi busti nella galleria Chiaramonti. È apparso agitato e ha detto di voler parlare col papa
Confine
21 ore
Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena
I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
21 ore
Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato
È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
23 ore
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
© Regiopress, All rights reserved