laRegione
le-purghe-di-saied-preoccupano-la-tunisia
Manifestanti e guardie all'ingresso del palazzo presidenziale a Tunisi (Keystone)
28.07.21 - 19:30
Aggiornamento: 20:31
Ansa, a cura de laRegione

Le purghe di Saied preoccupano la Tunisia

Il presidente caccia altri 20 funzionari. Il partito islamico moderato Ennahda è sotto inchiesta

Mentre la vita quotidiana a Tunisi sembra scorrere come di consueto, tra traffico impazzito e gente che si affanna a fare compere, qualche mezzo militare protegge discretamente obiettivi sensibili e nei palazzi della politica l'atmosfera resta più che mai sospesa. Tutte le parti coinvolte infatti sono in attesa di una soluzione alla crisi aperta dal presidente Kais Saied che ha congelato domenica il parlamento per 30 giorni e cacciato il premier Mechichi. Il capo dello Stato ha dichiarato di "non volere vedere neanche una goccia di sangue" mentre il principale danneggiato, il partito islamico moderato Ennadha, ha lanciato un appello al dialogo, invitando i suoi sostenitori a evitare l'escalation.

Ma la tensione tra gli opposti schieramenti rimane altissima e si intensifica il pressing internazionale: oggi è stata la Francia, per bocca del ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian, a chiedere di "nominare rapidamente" un nuovo primo ministro, "preservare lo stato di diritto e consentire un rapido ritorno al normale funzionamento delle istituzioni democratiche". Saied, che da domenica ha assunto anche le funzioni di capo del governo, forte del consenso popolare e dell'avvallo del potente sindacato Ugtt (oltre che dell'esercito), per tutta risposta oggi ha silurato per decreto anche una ventina di alti funzionari governativi e il procuratore generale militare Taoufik Ayouni.

Democrazia a rischio

L'operazione ha tutta l'aria di essere una purga, seppur in versione light, e un'interpretazione in tal senso viene rafforzata dall'annuncio dell'apertura da parte della magistratura di un'indagine nei confronti di esponenti di Ennhadha e del suo alleato modernista Qalb Tounes per "finanziamenti esteri illegali" per le loro campagne elettorali. Ma la via giudiziaria - che consentirebbe secondo il professore di diritto costituzionale Rabeh Khraifi di sciogliere definitivamente il parlamento una volta dimostrato il finanziamento illegittimo - resta una strada pericolosa per tutti. Nelle ultime ore infatti è stata perquisita l'abitazione di un parlamentare del partito islamista Al Karama, Rached Kiari, ricercato da tempo dalla giustizia militare per aver dichiarato mesi fa di essere in possesso di documenti che proverebbero finanziamenti illeciti ricevuti a sua volta da Saied.

La questione del rispetto dei principi democratici, oltre che alla comunità internazionale, resta al centro delle preoccupazioni di Ennahdha che, continuando a definire la mossa di Saied "un golpe", ha tuttavia affermato che "per il bene del percorso democratico" sarebbe "anche pronto ad andare ad elezioni legislative e presidenziali anticipate", chiedendo tuttavia "che qualsiasi ritardo non sia usato come pretesto per mantenere in piedi un regime autocratico".

Anche i principali gruppi della società civile mettono in guardia contro qualsiasi estensione "illegittima" della sospensione di 30 giorni del parlamento e chiedono, in una dichiarazione congiunta, una tabella di marcia per l'azione politica. Mentre l'Italia è scesa in campo come parte attiva di un "coordinamento europeo" assieme a Francia, Germania e Spagna, i commentatori locali preferiscono guardare all'Egitto, che stranamente non ha ancora commentato le decisioni di Saied. "Non è un mistero che il rapporto tra Saied e il presidente egiziano Al Sisi si sia ravvivato dopo la sua visita al Cairo di qualche mese fa", ha scritto il giornalista Kamel Zaiem, evocando così un possibile patto con Sisi per sbarazzarsi degli islamici di Ennahdha al governo a Tunisi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa democrazia kais saïed partito islamico tunisia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Fiamme a Pantelleria, evacuate ville dei vip
Il rogo sta divorando ettari di vegetazione e minacciando diverse abitazioni. Scarsi i mezzi a disposizione dei soccorritori impegnati nello spegnimento
Estero
10 ore
Fanno surf a Venezia: multati per 1’500 euro ciascuno
Protagonisti della bravata due giovani turisti stranieri. Ripresi dalle telecamere sono stati fermati nel giro di poche ore
Estero
11 ore
Esplosione in una moschea a Kabul, decine di vittime
In Afghanistan i talebani non riescono a garantire la sicurezza della popolazione. I morti sarebbero,al momento, almeno 20
Stati Uniti
12 ore
‘Ho aggredito Rushdie perché ha attaccato l’Islam’
Parla l’assalitore. Che nega di essere stato in contatto con i pasdaran iraniani. ‘Ispirato dai video dello scrittore su Youtube’
Spagna
12 ore
Spagna, si rovescia un trenino turistico: undici feriti
L’incidente si è verificato a Maiorca. Tra le persone contuse anche quattro minori. Di cui uno in gravi condizioni
Spagna
13 ore
Oltre 21mila ettari di bosco arsi dalle fiamme in Spagna
Due grossi incendi stanno devastando le località di Bejís e la Valle d’Ebo, nell’Est della Spagna. Tremila le persone sfollate
Estero
14 ore
Covid, quindicimila decessi in una settimana
Per il direttore dell’Oms Tedros Ghebreyesus, una ‘situazione inaccettabile ora che abbiamo gli strumenti per prevenire le infezioni’
Italia
14 ore
Secca del Po, ‘il peggio è passato, ma ora si deve agire’
Lo afferma Alessandro Bratti, segretario generale dell’Autorità distrettuale del Fiume Po: ‘Interventi strutturali non più procrastinabili’
Germania
15 ore
Una chiatta in avaria blocca il Reno a Magonza
L’imbarcazione si è arenata non lontano dalla strettoia di Kaub, punto cruciale per la navigazione fluviale
Germania
17 ore
Saluto nazista agli atleti: arrestato un addetto sicurezza
Presa di mira la delegazione israeliana che si stava recando verso il monumento alla memoria dei compatrioti uccisi dai terroristi nel 1972
© Regiopress, All rights reserved