laRegione
origini-covid-19-la-cina-vuole-indagini-in-piu-paesi
Keystone
Non solo Wuhan
22.07.21 - 19:08

Origini Covid-19, la Cina vuole indagini in più Paesi

Pechino non vuole che gli esperti dell’Oms tornino a Wuhan per indagare sull’origine del nuovo coronavirus.

Pechino – La Cina auspica che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) consideri realmente il lavoro di ricerca dell'origine del nuovo coronavirus come una questione scientifica e che si smarchi dalle interferenze politiche, promuovendo attivamente e con prudenza il lavoro di tracciamento da svolgere con continuità in più Paesi e regioni del mondo.

Lo ha dichiarato oggi Zeng Yixin, vice capo della Commissione sanitaria nazionale cinese, nel corso di una conferenza stampa sulle attività di tracciamento dell'origine del nuovo coronavirus, che è stata organizzata dall'Ufficio informazioni del Consiglio di Stato a Pechino.

Non serve una visita-bis degli esperti Oms

L'alto funzionario ha detto che le attività svolte nella prima fase degli studi di tracciamento dell'origine, soprattutto quelle che hanno raggiunto risultati evidenti, non dovrebbero essere ripetute.

Secondo Zeng, la parte del lavoro ancora da svolgere è la ricerca dell'origine dei primi casi, gli studi di epidemiologia molecolare e sugli ospiti intermedi in più Paesi e regioni, sulla base di ampie consultazioni tra gli Stati membri dell'Oms.

In base a un accordo tra la Cina e l'Oms siglato nel luglio 2020, un team dell'organizzazione mondiale composto da esperti internazionali è arrivato a Wuhan il 14 gennaio. Zeng ha affermato che gli specialisti hanno formato un organo congiunto con alcuni esperti locali per portare avanti la parte cinese dello studio globale sulle origini del nuovo coronavirus.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina coronavirus oms origini wuhan
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
4 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
4 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
5 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
6 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
6 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
7 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
19 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
© Regiopress, All rights reserved