laRegione
21.07.21 - 20:18

Londra ci ripensa: accordo sull’Ulster da riscrivere

Bruxelles risponde picche, ma nel Regno Unito cresce la preoccupazione per la situazione, potenzialmente esplosiva, in Irlanda del Nord

Ansa, a cura de laRegione
londra-ci-ripensa-accordo-sull-ulster-da-riscrivere
Sale la temperatura per le strade di Belfast (Keystone)

La postura politica e il tono sono quelli di chi è disposto ad andare allo scontro: Londra batte di nuovo i pugni sul tavolo e cambia idea sull'Irlanda del Nord, chiedendo a Bruxelles di fatto che si riveda l'intesa. Quel protocollo risultato cruciale per l'accordo sulla Brexit, sofferto, limato a più riprese, che il primo ministro britannico Boris Johnson aveva finalmente sottoscritto nel 2019 ma che a due anni di distanza resta evidentemente troppo controverso, e soprattutto insufficiente a garantire stabilità dato "il persistente febbrile clima politico" nell'area, che secondo Londra non consente di "poter andare avanti così".

Le parole sono del sottosegretario britannico con delega alla Brexit, David Frost: le ha scandite alla Camera dei Lord. E si traducono nell'intenzione di chiedere all'Ue una moratoria sull'applicazione delle disposizioni doganali post Brexit per l'Irlanda del Nord in modo da negoziare "cambiamenti importanti" nelle misure all'origine di gravi tensioni nella provincia britannica. "Pensiamo che ci dobbiamo mettere d'accordo rapidamente su una moratoria", ha detto Frost ai Lord senza troppi giri di parole.


Caso Brexit senza fine (Keystone)

Il "no" dell'Europa

La replica di Bruxelles è arrivata a stretto giro, con un 'niet' via comunicato, che non fa prevedere nulla di buono per i rapporti fra le due sponde della Manica che sembravano finalmente rasserenate dopo l'altalena del negoziato. In sostanza: il protocollo non si tocca, "ma siamo pronti a cercare soluzioni creative". L'onere di rispondere a Frost è toccato al vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic: "Prendiamo atto della dichiarazione resa oggi da Lord Frost. Continueremo a impegnarci con il Regno Unito, anche sui suggerimenti avanzati oggi", ha fatto sapere, "siamo pronti a continuare a cercare soluzioni creative, nell'ambito del Protocollo, nell'interesse di tutte le comunità dell'Irlanda del Nord. Tuttavia, non accetteremo una rinegoziazione del Protocollo".

Così, nemmeno troppo tra le righe, si legge la risolutezza di Bruxelles a non riaprire un dossier non solo dolorosissimo, ma anche molto complicato, sul quale sono state spese energie, risorse e molto tempo. "Il Protocollo sull'Irlanda/Irlanda del Nord è la soluzione congiunta che l'Ue ha trovato con il primo ministro Boris Johnson e Lord David Frost, ed è stata ratificata dal Parlamento del Regno Unito", si legge nella nota della Commissione europea. "Il suo scopo è proteggere l'accordo del Venerdì Santo in tutte le sue parti, mantenere la pace e la stabilità nell'Irlanda del Nord, evitare un confine duro sull'isola d'Irlanda, preservando l'integrità del mercato unico dell'Ue. Affinché questi obiettivi siano raggiunti, il Protocollo deve essere attuato. Il rispetto degli obblighi legali internazionali è di fondamentale importanza".

Quindi la chiosa, che non lascia molto spazio a dubbi: "L'Ue ha cercato soluzioni pratiche e flessibili per superare le difficoltà che i cittadini dell'Irlanda del Nord stanno incontrando per quanto riguarda l'attuazione del Protocollo", ha sottolineato la Commissione, "soluzioni realizzate con lo scopo principale di farne beneficiare le persone dell'Irlanda del Nord". Ma il muro contro muro è appena iniziato, di nuovo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Corea del Nord
33 min
Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone
La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che hanno riguardato navi o imbarcazioni.
italia
43 min
Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno
Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
Italia
1 ora
Urne aperte, italiani pronti al voto
Quasi 51 milioni di cittadini devono scegliere i 600 membri di Camera e Senato. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23
Estero
3 ore
Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante
Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
3 ore
Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli
Il rispetto per la Vergine del Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
Italia
3 ore
Italia seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia
Solo in Messico se ne beve di più (244 litri). Ma con i suoi 208 litri a testa, la Penisola si prende il primato continentale
italia
15 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
18 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
20 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
1 gior
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
© Regiopress, All rights reserved