laRegione
biden-riapre-le-porte-di-guantanamo-presto-via-tutti
Keystone
Verso la chiusura il supercarere aperto nel 2002 nella base Usa a Cuba
19.07.21 - 18:45

Biden riapre le porte di Guantanamo, ‘presto via tutti’

Detenuto rimpatriato in Marocco, gruppo di prigionieri in procinto di essere trasferito all’estero. La chiusura del carcere torna ad essere un obiettivo.

Washington – Joe Biden riapre le porte di Guantanamo con l'obiettivo di svuotare il campo il più possibile entro il prossimo 11 settembre, ventennale degli attentati di al Qaida, e di chiudere definitivamente il centro di detenzione entro la fine del suo primo mandato presidenziale. Il marocchino Abdul Latif Nasir, 56 anni, rinchiuso da 20 anni senza che gli sia mai stato imputato alcun capo di accusa, è il primo detenuto dall'era Obama ad essere rimpatriato nel suo Paese, consegnato nelle mani delle autorità di Rabat. Ne rimangono ora 39, e la speranza della Casa Bianca è di trasferire all'estero un ulteriore gruppo di prigionieri nel giro di poche settimane, ricollocando poi i restanti detenuti nelle carceri statunitensi.

Una svolta, dunque, dopo che Donald Trump aveva firmato il decreto con cui ordinava di mantenere aperto il campo, bloccando di fatto ogni trasferimento. Un blocco in cui era incappato proprio Nasir, che sarebbe dovuto tornare in Marocco già nel 2016. La linea scelta da Biden, spiegano fonti dell'amministrazione Usa, è quella di svuotare Guantanamo gradualmente e senza grandi clamori, ovvero senza ripetere quello che alcuni considerano un errore fatto da Barack Obama: dare un'ampia eco a una vicenda molto controversa dopo aver firmato il decreto per la chiusura del centro di detenzione all'inizio del suo primo mandato.

Un lento e discreto svuotamento

Per molti altri però, nonostante abbia fallito l'obiettivo finale, ad Obama va riconosciuto il merito di aver ridotto la popolazione del campo da 245 a 41 detenuti. Questo anche grazie alla pressione delle associazioni per i diritti umani e di parte dell'opinione pubblica, che da sempre giudicano immorale le condizioni e il tipo di detenzione praticate a Guantanamo, con la gran parte dei prigionieri mai davvero incriminati. E non pochi osservatori sono arrivati a parlare anche di torture.

Il presidente George W.Bush aprì il supercarcere nel 2002 per rinchiudervi i sospetti terroristi legati alle stragi dell'11 settembre 2001. Il picco raggiunto fu di circa 800 detenuti, tra cui tantissimi militanti jihadisti catturati in Afghanistan. Come Nasir, che negli anni '80 era stato in Marocco membro di un gruppo islamico non violento, anche se illegale, e poi nel 1996 era stato reclutato per combattere in Cecenia, finendo tempo dopo in Afghanistan dove è stato addestrato in un campo di al Qaida. Venne catturato dalle forze americane e spedito a Guantanamo nel 2002. Dal 2005 al 2007 ha vissuto in isolamento in una cella senza finestre e con la luce elettrica costantemente accesa. Non ha mai goduto di un regolare processo e non gli è mai stato riconosciuto il diritto di rivolgersi a un legale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carcere chiusura detenuti guantanamo joe biden trasferimento
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi
Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
7 ore
L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti
Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
8 ore
La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto
Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
8 ore
Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto
Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
9 ore
Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita
Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
10 ore
Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera
A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
12 ore
Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane
Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
Confine
13 ore
Mottarone, slitta a settembre il deposito delle perizie
La proroga per ‘sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti’. Dai primi accertamenti rilevati dei componenti che andavano sostituiti
Estero
15 ore
Spagna, iniziato lo sciopero del personale di Ryanair
Secondo il quotidiano El País, per il momento la protesta non sta generando particolari disagi ai viaggiatori
Estero
15 ore
Ritiro da Severodonetsk ordinato alle forze ucraine
Il governatore del Lugansk: ‘Non ha più senso rimanere in posizioni che sono state costantemente bombardate per mesi’
© Regiopress, All rights reserved