laRegione
a-cuba-prime-concessioni-dopo-le-proteste
Un manifestante cubano a Miami (Keystone)
15.07.21 - 20:07
Aggiornamento : 21:51

A Cuba prime concessioni dopo le proteste

Via i dazi sulle importazioni di cibo e di medicinali e busta paga più pesante per i dipendenti statali

Ats, a cura de laRegione

Via i dazi sulle importazioni di cibo e di medicinali e busta paga più pesante per i dipendenti statali. A Cuba, dopo le proteste senza precedenti dei giorni scorsi, arrivano le prime concessioni del governo per tentare di disinnescare l'ondata di malcontento che rischia di mettere in serio pericolo il regime castrista presieduto da Miguel Díaz-Canel.

Dopo l'intervento nei giorni scorsi dell'ex leader Raul Castro, oggi novantenne, l'esecutivo ha infine dato il via libera all'ingresso nel Paese, temporaneo ma senza limiti, di generi alimentari, farmaci e di tutti quei beni di prima necessità che da settimane scarseggiano sul mercato nazionale. Una penuria che ogni giorno costringe gran parte della popolazione a lunghissime code davanti ai negozi governativi nella speranza di assicurarsi il minimo indispensabile. I viaggiatori che entrano a Cuba potranno ora portare beni di prima necessità senza pagare alcuna imposta. La sospensione di tali tariffe sui beni importati scatterà lunedì prossimo e resterà in vigore fino alla fine dell'anno, come ha spiegato parlando in tv alla nazione il primo ministro Manuel Marrero Cruz.

Boccata d'ossigeno

Ma una boccata d'ossigeno per moltissime famiglie cubane arriverà soprattutto dall'aumento salariale deciso per gli statali, come annunciato dal ministro dell'Economia Alejandro Gil, spiegando che si andrà verso una profonda revisione del meccanismo di scala mobile al fine di migliorare il reddito di gran parte dei lavoratori. Non proprio una rivoluzione, ma comunque un notevole passo in avanti dopo decenni di immobilismo. Così il regime pensa anche a una riforma delle piccole e medie imprese, per modificarne la propria natura legale e rivedere il loro rapporto con la proprietà pubblica.

Intanto Mosca torna all'attacco di Washington, sostenendo che gli Stati Uniti a Cuba stanno tentando di creare "una rivoluzione colorata". "C'è solo una cosa che viene richiesta agli Stati Uniti e ai loro alleati: non interferire negli affari di uno stato sovrano", ha ribadito la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. "E se Washington è veramente preoccupata per la situazione umanitaria a Cuba e vuole aiutare i cubani - ha aggiunto - deve cominciare da se stessa, togliendo l'embargo rifiutato fin dall'inizio da tutta la comunità mondiale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cuba dipendenti statali proteste stati uniti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
13 min
Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali
Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
2 ore
Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine
L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
5 ore
Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne
Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
7 ore
È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano
Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
7 ore
Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla
La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
8 ore
Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’
L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Video
Estero
19 ore
Bambini armati nel video della convention Nra
A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
21 ore
‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via
Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
22 ore
‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe
Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior
Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti
Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
© Regiopress, All rights reserved