laRegione
14.07.21 - 20:32
Aggiornamento: 21:39

Primo morto a Cuba, continuano le proteste

Gli americani temono un'ondata di rifugiati sia dall'isola che dalla vicina Haiti, in pieno caos

Ansa, a cura de laRegione
primo-morto-a-cuba-continuano-le-proteste
Proteste contro il regime cubano in Florida (Keystone)

La repressione delle proteste a Cuba fa la sua prima vittima: un uomo di 36 anni, morto durante gli scontri con la polizia che hanno portato a oltre 200 arresti. Mentre le associazioni per la difesa dei diritti umani parlano di un numero imprecisato di oppositori del regime e di dimostranti negli ultimi giorni scomparsi nel nulla.

Per Amnesty International, per le strade dell'isola in questi giorni si assiste a un eccessivo uso della forza da parte delle forze dell'ordine e ad arresti arbitrari. Diubis Laurencio Tejeda, come ha confermato il ministero degli Interni cubano, ha perso la vita per le strade della periferia di L'Avana, dove la pressione dei manifestanti sul palazzo si fa sempre più asfissiante, nonostante il pugno duro adottato dalle forze dell'ordine.

L'appello

E se dagli Usa e dall'Europa si moltiplicano gli appelli a liberare gli attivisti e i rappresentanti dei media rinchiusi in cella, a Washington cresce la preoccupazione che il giro di vite sulle proteste attuato dal governo cubano possa portare a un'ondata di rifugiati verso gli Stati Uniti. "Non venite nel nostro Paese", ha affermato a chiare lettere il ministro americano per la Sicurezza nazionale, Alejandro Mayorkas, rivolgendosi non solo alla gente di Cuba ma anche alla popolazione di Haiti, quest'ultima sempre più allo stremo in un Paese nel caos dopo l'uccisione del presidente Jovenel Moïse.


Le proteste all'Avana (Keystone)

Se il presidente Joe Biden, dunque, ha espresso solidarietà nei confronti della gente di Cuba e di Haiti, la linea della sua amministrazione appare tutt'altro che improntata alle porte aperte. "Voglio essere chiaro - ha detto Mayorkas - se prendete la via del mare non venite negli Stati Uniti, anche perché il mar dei Caraibi e gli stretti della Florida sono troppo pericolosi da attraversare in barca".

Nessuna deroga

Ma il ministro di Biden, di origine cubana, ha sottolineato come tutti quelli che tenteranno di raggiungere gli Usa via mare saranno intercettati dalla guardia costiera e ricondotti immediatamente nei loro Paesi d'origine. Una regola che varrà anche per chi ha fatto domanda d'asilo, a cui non sarà permesso di mettere piede sul suolo statunitense fino a che non ci sarà un accoglimento ufficiale della loro richiesta. Non solo: le persone che temono il rischio di persecuzioni o di tortura dovranno rivolgersi "a Paesi terzi", ha spiegato Mayorkas. Parole che non sono piaciute alle associazioni per la difesa dei diritti umani, che accusano Biden di voltare le spalle ai popoli di Cuba ed Haiti e di non mantenere la promessa di ripristinare ed estendere i programmi per l'immigrazione dovuta a ragioni umanitarie. Programmi che erano stati rottamati da Donald Trump.

Intanto l'ira del regime cubano, che ha ulteriormente limitato l'accesso ai social media, si scaglia contro Twitter, accusata di essere "complice di false proteste": "È complice di operatori politici che hanno utilizzato attivamente hashtag, robot e troll per coordinare falsi utenti e per esaltare le proteste", ha denunciato il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez.

Mentre anche il Perù si appresta a unirsi al fronte dei Paesi latinoamericani schierati con L'Avana e che puntano il dito sull'embargo Usa nei confronti di Cuba. Il candidato di sinistra, Pedro Castillo, che dovrebbe essere proclamato la settimana prossima presidente per aver vinto il ballottaggio del 6 giugno contro Keiko Fujimori, ha manifestato "solidarietà" con il popolo cubano, definendo "inumano e immorale" il blocco Usa verso l'isola.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
32 min
Biden evoca l’Armageddon nucleare
Il presidente equipara la situazione alla crisi dei missili a Cuba, ma la Casa Bianca frena: ‘Nessun segnale di attacco imminente’
le bugie dell’iran
1 ora
‘Mahsa morta per una malattia, non per le botte’
Teheran tira dritto e parla di suicidio per la sedicenne Sarina. Amnesty e altre Ong controbattono: ‘Uccisa a manganellate’
Estero
4 ore
L’Onu monitorerà la repressione in Russia
È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.
Confine
6 ore
Dal Mendrisiotto a Varese per coltivare marijuana
La scoperta della mega piantagione in una fattoria. Nei guai una famiglia: arrestati padre e figlio, indagata a piede libero la mamma.
Estero
9 ore
Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)
L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Estero
12 ore
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
15 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
23 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
1 gior
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
© Regiopress, All rights reserved