laRegione
09.07.21 - 20:19

Haiti: killer colombiani per uccidere Moïse

Preso tutto il commando, tra loro anche due cittadini americani: è caccia ai mandanti tra droga e corruzione, si segue la pista dei narcos

haiti-killer-colombiani-per-uccidere-moise
L'arresto di alcuni membri del commando (Keystone)

Ora è ufficiale. Per uccidere il presidente di Haiti, Jovenel Moise, una organizzazione criminale ha reclutato un piccolo esercito di colombiani, per lo più ex militari senza scrupoli, molti dei quali catturati, alcuni uccisi e otto ancora latitanti. Si tratta di una manovalanza specializzata che il direttore generale della polizia haitiana, Léon Charles, ha definito "esecutori materiali dell'omicidio" mentre tutti gli sforzi sono ora puntati a "trovare chi sono i loro mandanti".

Il piano sovversivo

L'alta complessità del piano sovversivo sembra escludere l'esistenza di una pista di politica, nonostante la forte e crescente opposizione che il defunto capo dello Stato si era attirato per l'ostinazione nel governare per decreto, senza un Parlamento e una Corte suprema funzionanti. L'attenzione degli investigatori si concentrano così su due altre piste. La prima riguarda le potenti e storiche organizzazioni di narcotrafficanti haitiani, collegati con i narcos colombiani, che già in passato sono intervenuti per rovesciare governi, come quello dell'ex presidente Jean Bertrand Aristide.

La seconda, più complessa, ma più concreta, è legata alla lotta generata anni fa dal finanziamento da parte del Venezuela del programma Petrocaribe, con accuse e contraccuse di corruzione che non hanno risparmiato lo stesso Moise. A lui, alcuni importanti imprenditori del settore energetico di Haiti (Pierre Reginald Boulos e Dimitri Vorbe) avevano dichiarato una guerra totale.

A sostegno di questa ipotesi, alcuni media haitiani hanno rivelato che uno dei due americani di origine haitiana arrestati, James Solages, oltre ad avere ambizioni politiche ad Haiti, è personaggio vicino a Vorbe, proprietario dell'impresa elettrica Sogener.

Fatti da chiarire

Ma gli elementi e le circostanze da chiarire sull'accaduto sono ancora tanti. A cominciare dall'incredibile latitanza degli agenti di sicurezza del presidente la notte del 7 luglio. I media hanno sottolineato che dopo l'attacco in cui sono stati sparati molti colpi d'arma da fuoco, sono stati rivenuti sul posto solo i corpi di Moise, già senza vita, e della moglie Martine, gravemente ferita. Nessuna traccia invece degli agenti della guardia presidenziale, e per questo il capo della Procura di Port au Prince, Me Bed-Ford Claude, ha chiesto di ascoltare il 14 e 15 luglio prossimi i due massimi responsabili della sicurezza del capo dello Stato, Jean Laguel Civil e Dimitri Hérard.

Un altro fatto che ha sorpreso riguarda la scelta di undici dei colombiani del commando in fuga di cercare rifugio nel recinto dell'ambasciata di Taiwan a Port au Prince. Pare comunque escluso qualsiasi sospetto di complicità da parte del corpo diplomatico taiwanese, perché la richiesta della polizia di entrare nella zona sospetta è stata accolta, senza esitazioni.

Quello che le indagini sembrano aver provato finora è che il piano ha richiesto ingenti fondi e molte settimane di elaborazione, tanto che almeno quattro dei principali ex militari colombiani coinvolti avevano lasciato Bogotà diretti nella Repubblica dominicana oltre un mese fa. Per quanto riguarda infine la brutale uccisione di Moise con 12 colpi d'arma da fuoco, è risultato a uno degli interpreti del commando arrestato era stato detto e assicurato che l'obiettivo del blitz non era l'uccisione di Moise, ma la sua cattura "sulla base di un mandato della magistratura".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 ore
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
21 ore
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
21 ore
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
23 ore
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
1 gior
I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’
Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Stati Uniti d’America
1 gior
In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità
Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
il dopo-voto in italia
1 gior
Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’
Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
1 gior
I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’
Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
mar baltico
1 gior
‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’
Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
1 gior
L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati
Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
© Regiopress, All rights reserved