laRegione
08.07.21 - 20:33
Aggiornamento: 21:10

Haiti: presi i primi killer di Moïse, è caccia all'uomo

Si cercano i mandanti, mentre nel Paese si temono rivolte. La first lady, gravemente ferita, è stata portata in Florida

Ansa, a cura de laRegione
haiti-presi-i-primi-killer-di-moise-e-caccia-all-uomo
La frontiera chiusa tra Repubblica Dominicana e Haiti (Keystone)

Le forze di sicurezza di Haiti sono impegnate in una monumentale caccia all'uomo per trovare i killer del presidente Jovenel Moise: il governo ha annunciato l'uccisione di quattro persone e l'arresto di altri membri del commando che ha crivellato, con 12 colpi, il capo dello Stato nella sua casa. Ma i blitz delle forze dell'ordine non si sono fermati per tutta la giornata, tra perquisizioni e assedi ad altri sospetti "asserragliati". Con nuovi fermi, tra cui ci sarebbe anche un americano.

Si cercano risposte, ma soprattutto i mandanti che hanno voluto e finanziato la drammatica esecuzione che ha sconvolto non solo il già fragile Paese ma anche l'intera comunità internazionale che invita alla calma. Con anche papa Francesco che ha condannato 'l'efferato' assassinio. Il primo ministro ad interim Claude Joseph e il comandante provvisorio della polizia nazionale, Léon Charles, hanno cercato di dare le prime concrete rassicurazioni con una conferenza stampa in cui hanno annunciato la cattura di due primi presunti membri del commando assassino e l'uccisione di altri quattro in uno scontro a fuoco: "Li abbiamo localizzati e li teniamo sotto pressione", ha spiegato Charles confermando indirettamente l'esistenza di molti altri elementi che avrebbero partecipato al progetto, per il quale si ipotizzano complicità fino ai massimi livelli dei servizi di sicurezza presidenziali.

La First Lady Martine, rimasta gravemente ferita nell'attacco, è stata trasferita con un volo sanitario in Florida, a Washington l'ambasciatore haitiano, Bocchit Edmond, ha confermato l'ipotesi che "l'attacco è stato realizzato da mercenari. Abbiamo un video che lo conferma", ha detto, aggiungendo che "gli assassini sono arrivati nella residenza presidenziale asserendo falsamente di essere membri della Dea statunitense".

Nulla è però finora emerso in modo ufficiale a Port au Prince sull'origine e gli obiettivi dietro l'eliminazione del capo dello Stato. E allora i media della Repubblica dominicana, che confina con Haiti, hanno prospettato uno scenario riguardante "un commando formato da quattro colombiani e tre venezuelani che sarebbero arrivati con un volo privato".


Il presidente Moïse con la moglie (Keystone)

In particolare 'fonti' non meglio identificate hanno riferito al quotidiano Diario Libre che ci sono diverse teorie legate all'assassinio di Moise, tra cui l'ipotesi che si tratterebbe di sette contractor sudamericani pagati da "persone molto potenti dedite ad Haiti al traffico di droga e ai rapimenti". I timori che Haiti possa precipitare nel caos e nell'anarchia istituzionale sono chiari a tutti. Dal 2020 non esisteva più un Parlamento, di recente la Corte suprema aveva smesso di funzionare e ora il Paese non ha più neppure quel capo dello Stato che era abituato, fra mille polemiche, a governare per decreto.

Nel Paese, intanto, si respira un clima di calma tesa: lo shock per l'assassinio di Moise ha congelato le forti tensioni fra governo e opposizione. Ma già si profila una nuova dura battaglia di potere: in una intervista al quotidiano le Nouvelliste Ariel Henry, che era stato nominato primo ministro da Moise, poco prima di essere assassinato, ha rivendicato il suo ruolo.

Criticando la "non necessaria" dichiarazione di stato d'assedio decisa dall'attuale governo, Henry ha ribadito che "il primo ministro sono io, mentre Joseph era un premier uscente ad interim. E quindi non era più primo ministro" quando è morto il presidente. Dal mondo rimbalzano le condanne per il brutale omicidio e gli appelli alla moderazione. L'Ue ha stigmatizzato 'fermamente' assicurando pieno sostegno al popolo haitiano, così come l'Italia: la Farnesina si dice 'sgomenta' e chiede a tutti "gli attori e alle forze politiche haitiane" di preservare "i delicati equilibri politici, prevenire tensioni e assicurare la stabilità istituzionale del Paese e la sicurezza della popolazione". E si è alzata anche la voce di Francesco che, in convalescenza, ha condannato "ogni forma di violenza come mezzo per risolvere crisi e conflitti", auspicando per gli haitiani "un futuro di fraterna armonia, solidarietà e prosperità".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il reportage
3 ore
Lo slalom tra i confini che chiudono di chi fugge dalla guerra
Non vogliono combattere e scappano all’estero con ogni mezzo. Ma i prezzi dei biglietti e il blocco delle frontiere in Europa rendono tutto complicato
Estero
13 ore
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
14 ore
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
15 ore
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
15 ore
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
15 ore
Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
17 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
18 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
19 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
21 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
© Regiopress, All rights reserved