laRegione
zuma-si-arrende-in-carcere-l-ex-presidente-del-sudafrica
Jacob Zuma (Keystone)
08.07.21 - 20:34
Ansa, a cura de laRegione

Zuma si arrende: in carcere l'ex presidente del Sudafrica

Si è costituito dopo un periodo in cui ha cercato di sottrarsi alla giustizia: dovrebbe scontare 15 mesi per aver snobbato la commissione anticorruzione

Dimostrando che in Sudafrica l'istituzione giudiziaria almeno in questo caso ha funzionato, e la legge è veramente uguale per tutti, l'ex presidente sudafricano Jacob Zuma è entrato in carcere per scontare 15 mesi di reclusione. L'ex-combattente per la libertà della lotta all'apartheid ha però atteso fino agli ultimi minuti prima di una scadenza improrogabile per consegnarsi alla Giustizia, evitando un confronto fra la polizia e centinaia di suoi irriducibili sostenitori determinati a difenderlo nella sua cittadina natale di Nkandla, nell'est del Paese.

L'accusa che ha portato il carismatico e sulfureo 79enne dietro le sbarre dalla scorsa notte è il rifiuto di comparire davanti a una commissione d'inchiesta anti-corruzione. A imporre il carcere è stato un pronunciamento della corte costituzionale. Zuma si era guadagnato gloria trascorrendo dieci anni in prigione quale prezzo della lotta condotta assieme all'iconico Nelson Mandela contro il segregazionismo dei bianchi ai danni della maggioritaria popolazione nera del Sudafrica. Ma già da vicepresidente, e poi nei nove anni di potere al vertice dello Stato fino al 2018, l'ombra della corruzione ha fortemente offuscato la sua figura di padre nobile della Patria costringendolo alle dimissioni.

A perseguitarlo sono state in particolare le accuse sul 'saccheggio' di risorse statali e sul traffico di influenze che sarebbero stati perpetrati durante la sua presidenza da tre uomini di affari indiani, i fratelli Gupta ora riparati a Dubai e che, come Zuma, protestano innocenza.

Già il 19 luglio inoltre riprende il processo per corruzione a suo carico in un caso di tangenti su una vendita di armamenti da due miliardi di dollari del 1999, quando era vicepresidente. Molti sudafricani hanno salutato la condanna di "Teflon" - un soprannome affibbiato a Zuma per il suo talento nel sottrarsi alla Giustizia - come un segno di rispetto per le regole democratiche: "Nessuno è al di sopra della legge", è stata una frase ricorrente. Di "giorno glorioso" che dimostra "il prevalere dello stato di diritto" in Sudafrica ha parlato Thuli Madonsela, la giurista che ha aveva firmato il rapporto con cui già nel 2016 veniva stigmatizzato l'operato dei fratelli Gupta.

Prima di entrare in carcere, Zuma ha però ottenuto che la stessa Corte Costituzionale riconsideri la sua sentenza già lunedì prossimo. E il ministero della Giustizia ha chiarito che, come ogni detenuto, Zuma può sperare nella libertà vigilata dopo aver scontato un quarto di pena, quindi poco più di tre mesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corruzione giustizia jacob zuma sudafrica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
1 ora
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
1 ora
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
10 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
12 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
12 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
16 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
16 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
17 ore
Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona
Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
17 ore
Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale
Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
© Regiopress, All rights reserved