laRegione
06.07.21 - 21:41

Ue-Ungheria, sospensione del Recovery Plan come risposta

Bruxelles paventa una misura drastica per convincere il premier magiaro Victor Orban a tornare sui suoi passi sulla legge anti-Lgbtq e altri motivi di scontro

ue-ungheria-sospensione-del-recovery-plan-come-risposta
(Keystone)

Sale sempre di più lo scontro tra l'Ungheria di Victor Orban e Bruxelles. La Commissione europea non solo si appresta ad aprire una procedura d'infrazione per la legge anti-Lgbtq che Budapest non vuole cambiare, ma ora sarebbe anche pronta a bloccare il suo Recovery Plan, tenendo in stand by i sette miliardi che chiede, probabilmente in attesa di un'apertura del governo sui diversi fronti di scontro aperti con la Ue.

Frattanto, la ministra della giustizia ungherese che segue il dossier europeo, ha negato lo stop: "La trattativa è in corso e prosegue il dialogo costruttivo con l'Unione europea", ha scritto Judit Varga in un post sul suo profilo Facebook.

Stando alle fonti europee citate dall'agenzia tedesca DPA, e rilanciate dai media, per la Commissione non sarebbero sufficienti le misure di precauzione previste dal governo per evitare abusi nelle spese dei fondi.

Nei giorni scorsi l'esecutivo europeo aveva lasciato intendere che la task force del Recovery stava analizzando proprio quell'aspetto. Il Recovery "prevede" che vi sia "un sistema di controllo tagliato su misura" in ogni piano nazionale per il Recovery (Pnrr). "La Commissione europea valuta se questo offra garanzie sufficienti" anche sui beneficiari. Se non lo fa, "il piano viene rigettato", aveva detto una portavoce rispondendo proprio a una domanda sull'Ungheria. Bruxelles deve esprimersi sul Pnrr ungherese entro lunedì 12 luglio.

Sette miliardi di aiuti 'congelati'?

Il caso era già stato sollevato dal presidente del gruppo di Renew Europe al Parlamento europeo, Dacian Ciolos, che in un lettera inviata alla presidente della Commissione Ursula von der Leyen chiedeva di "non dare il via libera al piano" per il Recovery "di Orban", congelando i 7 miliardi destinati a Budapest, fino a quando non siano state soddisfatte una serie di condizioni come l'accesso all'elenco dei beneficiari finali del denaro del Pnrr all'ufficio antifrode Ue (Olaf).

Ciolos sottolineava come "la corruzione nell'Ungheria di Viktor Orban è endemica e sistemica", un problema sollevato più volte dalla stessa Commissione europea.

Ma la possibilità di bloccare i fondi di Budapest a causa del rischio corruzione si lega inevitabilmente all'altro scontro in corso con Bruxelles, quello sui diritti Lgbtq. La Commissione europea sta già lavorando a una lettera di messa in mora per la legge che Orban si rifiuta di cambiare, nonostante le critiche ricevute da tutti gli altri leader europei anche durante un confronto molto aperto nell'ultimo vertice europeo.

La Commissione sperava di vedere un passo indietro, o almeno qualche modifica alla legge nata, secondo il governo, per proteggere i minori dalla propaganda gay. Ma dopo la richiesta ufficiale di chiarimenti, Bruxelles ha fatto sapere di non essere soddisfatta, e salvo cambiamenti di rotta da parte del governo di Orban, l'apertura di una procedura di infrazione appare inevitabile. "Non resteremo a lungo senza agire", aveva detto un portavoce qualche giorno fa.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
10 ore
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
1 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
1 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
1 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
1 gior
I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’
Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Stati Uniti d’America
1 gior
In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità
Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
il dopo-voto in italia
2 gior
Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’
Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
2 gior
I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’
Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
mar baltico
2 gior
‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’
Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
2 gior
L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati
Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
© Regiopress, All rights reserved