laRegione
02.07.21 - 20:08

Gli Usa lasciano Bagram, la base simbolo in Afghanistan

Preludio di fatto del ritiro definitivo, che potrebbe anche concludersi a luglio. I talebani intanto continuano a conquistare terreno.

gli-usa-lasciano-bagram-la-base-simbolo-in-afghanistan
Keystone
La base venne costruita negli anni Cinquanta dall’Urss

Washington – Le truppe Usa e Nato lasciano Bagram, la più grande e la più iconica delle basi militari in Afghanistan, da 20 anni cuore nevralgico di tutte le principali operazioni nel Paese. Una vera e propria cittadella fortificata, 65 km a nord di Kabul, consegnata alle forze afghane senza fanfare né cerimonie pubbliche.

Il preludio di fatto del ritiro definitivo, che secondo fonti militari potrebbe concludersi a luglio, in anticipo sulla scadenza simbolica dell'11 settembre, anche se oggi il commander in chief Joe Biden ha assicurato che non è questione di giorni.

In ogni caso alla fine resteranno solo 650 militari americani a protezione dell'ambasciata a Kabul, mentre il supporto aereo alle forze locali e la sorveglianza dall'alto saranno effettuate dalle basi in Qatar e negli Emirati Arabi, o da una portaerei nel Mare Arabico. Il Pakistan infatti ha già negato il proprio territorio agli americani per il monitoraggio del Paese limitrofo. Gli ultimi Paesi ad avere ancora soldati sul terreno sono la Gran Bretagna e la Turchia. Le truppe di Sua Maestà dovrebbero andarsene a giorni, anche se forze speciali potrebbero conservare una presenza sotto copertura, secondo la Bbc. Ankara sta invece negoziando per restare a Kabul e garantire la sicurezza del suo aeroporto internazionale, con qualche presenza militare internazionale considerata vitale per mantenere aperte le ambasciate.

Una cittadella fortificata

La base di Bagram fu costruita negli anni '50 dall'Urss e diventò l'hub cruciale per i 10 anni di occupazione sovietica, conclusasi nel 1989. Successivamente fu contesa tra talebani e Nato. Nel 2001, all'inizio dell'offensiva contro al-Qaida, gli americani ereditarono solo le macerie dell'infrastruttura ma dieci anni dopo, all'apice della guerra americana, la base era diventata un piccola città fortificata di 15 kmq, protetta da recinzioni di filo spinato e muri anti esplosioni, con alle spalle le cime delle montagne sempre innevate.

All'interno due piste di atterraggio, negozi, ristoranti, fast food, passerelle, una piscina e una prigione segreta seconda sola a Guantanamo per la sua triste fama, con sospetti talebani o militanti di Al-Qaida torturati in alcuni casi fino alla morte. L'uccisione di un tassista in detenzione diventò il soggetto di un documentario premiato nel 2008 con l'Oscar, 'Taxi to the dark side' (Taxi per l'inferno) del regista statunitense Alex Gibney. All'apice della campagna militare, ha ospitato oltre 40 mila tra militari e civili. La loro colonna sonora costante era il rombo dei jet in volo, armati con centinaia di chili di bombe lasciate cadere in tutto il Paese, spesso uccidendo civili.

Talebani all’offensiva

Nonostante l'alto livello di protezione, la base è stata oggetto di violenti attacchi da parte dei talebani, in gran parte con razzi e tiri di mortaio ma anche con attentati suicidi, come quello nel 2016 di un militante nascostosi in un gruppo di lavoratori che si fece esplodere uccidendo quattro soldati americani e ferendone un'altra decina.

L'addio a Bagram ha ricevuto il plauso dei talebani, che hanno già approfittato del ritiro delle truppe internazionali per riconquistare un quarto dei distretti del Paese negli ultimi due mesi, avvicinandosi sempre di più a Kabul. Alcune agenzie di intelligence Usa prevedono che il governo afghano potrebbe capitolare sotto i colpi dei talebani nel giro di sei mesi dopo che gli americani avranno completato il ritiro. "La guerra civile è certamente una via che può essere visualizzata se prosegue l'attuale traiettoria. Questa dovrebbe essere una preoccupazione per il mondo", ha avvisato nei giorni scorsi il comandante della missione, il generale Austin Miller, minacciando raid aerei se i talebani non fermeranno la loro offensiva. Ma anche lui partirà tra pochi giorni e i suoi poteri di condurre strike aerei passeranno al generale Kenneth F. McKenzie Jr, capo del Comando centrale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
l’invasione russa
3 ore
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
4 ore
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
4 ore
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
5 ore
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Estero
8 ore
Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook
Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
9 ore
Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’
I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Confine
12 ore
Como, aumenta il numero di giovani spacciatori
Quattro giovani sono stati denunciati a piede libero per detenzione di hashish. Sanzionato anche un minorenne
Italia
12 ore
15enne spinto sui binari, fermati due minori: lite per gelosia
I due hanno rischiato di far finire il coetaneo sotto un treno in corsa alla stazione di Seregno. All’origine dell’aggressione, una ragazza ‘contesa’
Estero
14 ore
Maxiretata anti-’ndrangheta: 56 arresti, sequestri milionari
L’operazione è scattata oggi in diverse province in tutta Italia, da Milano a Vibo Valentia: sequestrati beni per 250 milioni di euro
Estero
15 ore
Spagna: attacco con machete in due chiese, un morto e un ferito
Un uomo ha aggredito il parroco e il sagrestano di due parrocchie nella città di Algeciras, ferendo il primo e uccidendo il secondo per poi essere fermato
© Regiopress, All rights reserved