laRegione
01.07.21 - 19:14

Turchia fuori dalla Convenzione di Istanbul, donne in piazza

La rabbia scende in piazza, con cortei in diverse città del Paese. Ma Erdogan rivendica la sua decisione

Ansa, a cura de laRegione
turchia-fuori-dalla-convenzione-di-istanbul-donne-in-piazza
Le donne in strada contro la decisione di Erdogan (Keystone)

La Turchia è definitivamente fuori dalla Convenzione di Istanbul. Cento giorni dopo il decreto del presidente Recep Tayyip Erdogan, che aveva scatenato la rivolta delle donne e l'indignazione della comunità internazionale, l'uscita di Ankara dal trattato contro la violenza di genere entra in vigore. A nulla sono valse le proteste in piazza di associazioni e partiti d'opposizione e i ricorsi in tribunale. Dopo l'ultima bocciatura del Consiglio di Stato, che ha confermato la prerogativa presidenziale sulla decisione, la Turchia diventa il primo Paese a ritirarsi dalla Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, che venne aperta alla firma nel 2011 nella sua città più rappresentativa e che fu la prima a ratificare l'anno successivo.

Non solo: è la prima volta in cui uno stato membro del Consiglio d'Europa si ritira da una convenzione internazionale sui diritti umani. Una scelta che Amnesty International denuncia come "vergognosa" e riaccende l'allarme su una deriva del governo Erdogan. "La Turchia ha rimandato indietro le lancette dell'orologio di 10 anni rispetto ai diritti delle donne e ha stabilito un terrificante precedente", accusa la segretaria generale dell'ong, Agnès Callamard, secondo cui "questa deplorevole decisione è diventata un punto di svolta per le attiviste di tutto il mondo, determinate con noi a resistere a ulteriori assalti ai diritti umani".


Una donna davanti alla polizia durante il Gay Pride di una settimana fa (Keystone)

Raduno a Taksim

Dopo settimane di mobilitazione via social e con flash mob per le strade, le donne turche sono scese questo pomeriggio in piazza in diverse città per ribadire la loro opposizione allo strappo di Ankara. Fulcro delle proteste è stata ancora una volta Istanbul, con un raduno organizzato a Tunel, nei pressi di piazza Taksim. Tra le bandiere viola del movimento femminista, in migliaia hanno sfilato dietro un striscione che recitava: "Non abbandoniamo la Convenzione di Istanbul, per noi non è finita". Tra quelle strade, solo sabato scorso si era consumata l'ennesima dura repressione poliziesca del Pride, vietato per il settimo anno consecutivo. Nelle stesse ore, Erdogan è però tornato a rivendicare la sua decisione.

"La nostra lotta contro la violenza sulle donne non è cominciata con la Convenzione di Istanbul e non finirà con il suo abbandono", ha detto il presidente turco, presentando un suo contro-piano d'azione sul tema e rilanciando le accuse di "strumentalizzazione politica" del trattato, che Ankara accusa di esser contrario ai "valori della famiglia" e di "normalizzare l'omosessualità". Le azioni del governo di Ankara, ha insistito, mirano a "difendere l'onore delle nostre madri e delle nostre figlie".

Ma i timori di un aggravamento della situazione restano forti. Mentre Amnesty avverte che adesso aumenteranno "i rischi di subire violenza per milioni di donne e ragazze", i dati riflettono una realtà già allarmante. Secondo la piattaforma Fermiamo i femminicidi, lo scorso anno almeno 300 turche sono state uccise, per lo più da mariti, compagni o familiari, mentre dall'inizio del 2021 le vittime sono già 189. E solo nei primi quattro mesi di quest'anno, i casi accertati di violenza domestica sono stati 73 mila.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
caro-energia
2 ore
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
4 ore
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
6 ore
Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’
Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
Estero
9 ore
Getta in terra sculture ai Musei Vaticani, fermato un turista
L’uomo ha danneggiato gravemente due antichi busti nella galleria Chiaramonti. È apparso agitato e ha detto di voler parlare col papa
Confine
10 ore
Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena
I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
11 ore
Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato
È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
12 ore
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
13 ore
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
15 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
16 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
© Regiopress, All rights reserved