laRegione
pedofilia-confermata-condanna-piu-alta-in-italia-19-anni
Ti Press
28.06.21 - 16:29

Pedofilia, confermata condanna più alta in Italia, 19 anni

L'uomo era stato arrestato dai carabinieri nel 2019 con le accuse di violenza sessuale, corruzione di minori e sostituzione di persona

La Corte d'appello di Milano ha confermato la condanna a 19 anni di carcere, la più alta in Italia, per un pedofilo 48enne che per cinque anni si era finto una ragazzina per adescare via WhatsApp e poi abusare di tre minorenni tra gli undici e i tredici anni, di cui era vicino di casa.

Disoccupato e residente nel Lodigiano, l'uomo, che si era dato il soprannome "Giulia la malvagia", era stato arrestato dai carabinieri nel giugno del 2019 con le accuse di violenza sessuale, corruzione di minori, sostituzione di persona e produzione e detenzione di materiale pedopornografico.

A far scattare l'inchiesta era stata la foto di una delle vittime che l'uomo aveva pubblicato su Instagram per minacciarle di diffondere le immagini che aveva su di loro se avessero parlato.

"Emblematiche", hanno scritto i giudici di primo grado, erano le "frequenti richieste di aiuto" delle ragazzine "davanti ai supposti malefici" di cui lui le minacciava, prospettando anche "come risposta" altri "nuovi e perversi atti sessuali spacciati come interventi di soccorso".

La sentenza di primo grado era stata emessa dal Tribunale di Lodi lo scorso ottobre. La sua - avevano scritto i giudici nelle motivazioni - è una "personalità estremamente "negativa", caratterizzata da tratti di malvagità e assenza di scrupoli", tesa "costantemente" al "soddisfacimento delle proprie pulsioni sessuali" e "priva di qualsivoglia spirito di umanità nei confronti della sofferenza delle ragazzine di cui aveva abusato". Il verdetto è stato confermato dalla terza corte penale d'appello di Milano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condanna italia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
26 min
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
53 min
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
1 ora
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
5 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
13 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
13 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
14 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
14 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
16 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
17 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
© Regiopress, All rights reserved