laRegione
ue-il-caso-orban-segna-la-spaccatura-est-ovest
Orbán al Consiglio europeo (Keystone)
25.06.21 - 22:22

Ue, il caso Orbán segna la spaccatura est-ovest

Macron: "L'illiberalismo degli ex comunisti è contrario ai nostri valori’

Ansa, a cura de laRegione

Il caso Orban scuote l'Europa e riporta con prepotenza alla ribalta una problematica che in questi ultimi anni ha assunto varie forme ma il cui risultato è sempre lo stesso: una frattura politica e socioculturale che separa i Paesi occidentali da quelli ex comunisti, in particolare dall'Ungheria e dalla Polonia e, in misura minore, dagli altri soci del gruppo di Visegrad, cioè la Repubblica Ceca e la Slovacchia. "Il problema non è solo Orban, è più profondo: c'è un aumento dell'illiberalismo nelle società post-comuniste che hanno raggiunto l'Ue e che sono attirate da modelli politici che sono contrari ai nostri valori", ha sottolineato il presidente francese Emmanuel Macron al termine di un summit europeo dominato dai problemi nei rapporti con l'Ungheria e la Russia.

In effetti, secondo molti osservatori, la legge anti-gay ungherese è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Un contenitore che fin dal 2017 ha cominciato a riempirsi di azioni contrarie ai principi dell'Unione. E che ha portato all'avvio della procedura (ancora aperta) prevista dall'articolo 7 del Trattato per punire, anche con la sospensione del diritto di voto, chi si rende responsabile di gravi violazioni dei valori fondanti dell'Unione. La prima a finire nel mirino dell'Ue è stata la Polonia in seguito a una riforma della magistratura che, secondo Bruxelles, ne avrebbe minato l'indipendenza. Poi, per lo stesso motivo, è toccato all'Ungheria finire sotto la lente Ue. In questo caso con l'aggiunta di problemi sul fronte della libertà di espressione, rispetto dei diritti delle minoranze e trattamento di migranti e rifugiati. Ma in questi anni ci sono state anche restrizioni dei diritti civili, ad esempio al diritto all'aborto in Polonia, che sono andate nella direzione opposta a quella imboccata dalla maggioranza degli altri Paesi. Per non parlare della indisponibilità sempre mostrata dal gruppo di Visegrad a collaborare con il resto dell'Ue per una gestione del fenomeno dell'immigrazione all'insegna della solidarietà e della responsabilità.

Le scintille sprigionate a Bruxelles dallo scontro senza precedenti tra Orban da una parte e quasi tutti gli altri leader Ue dall'altra sono quindi il risultato di una situazione che ha subito un lento ma progressivo logoramento. Alimentato anche dalle alleanza politiche a geometrie variabili che hanno unito sovranisti e populisti di diversi Paesi (vedi l'asse Salvini-Orban-Le Pen) in contrapposizione alle forze più moderate ed europeiste. "Nell'Ue non c'è posto per chi non ne condivide i valori", hanno sottolineato molti leader durante la due giorni di Bruxelles. Ma nessuno crede per ora che quella della 'Unghexit' sia un'ipotesi credibile. "Abbiamo previsto altre mosse" contro l'Ungheria, ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. "Ma prima vediamo quale sarà la risposta di Budapest" alle lettera-ultimatum sulla procedura d'infrazione che le è già stata recapitata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti civili emmanuel macron lgbt omofobia ungheria viktor orban
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
52 min
‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via
Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
2 ore
‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe
Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
4 ore
Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti
Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
7 ore
Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet
Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
13 ore
Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola
Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Confine
1 gior
Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’
Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
1 gior
Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’
Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior
‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’
Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
1 gior
Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’
In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
1 gior
Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura
Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
© Regiopress, All rights reserved