laRegione
22.06.21 - 20:00
Aggiornamento: 20:37

Erdogan spegne la musica, proteste in Turchia

Tolto il coprifuoco, ma stop alla musica dopo mezzanotte: "Non bisogna disturbare". Il dissenso cresce sui social, ma anche con concerti improvvisati

Ansa, a cura de laRegione
erdogan-spegne-la-musica-proteste-in-turchia
Il presidente turco Erdogan (Keystone)

Via il coprifuoco, ma in silenzio. Nella Turchia che corre verso il ritorno alla normalità, revocando dal primo luglio tutte le principali restrizioni anti-Covid, c'è almeno una cosa che non sarà più come prima: la musica. Annunciando la cancellazione di limitazioni notturne e confinamenti domenicali - agognata bocca d'ossigeno anche per il turismo, ancora lontano da una vera ripartenza -, Recep Tayyip Erdogan ha lanciato un nuovo guanto di sfida alla gioventù laica e liberale.

"Non vi offendete, ma nessuno ha il diritto di disturbare gli altri di notte", ha scandito il presidente turco, illustrando la decisione di fissare a mezzanotte la chiusura delle sale da concerto e l'interruzione della musica nei locali. Una misura non motivata con timori di assembramenti o per attività considerate a rischio. Immediata si è scatenata l'alzata di scudi sui social media, dove molti utenti hanno accusato l'esecutivo di sfruttare la pandemia per punire gli stili di vita che non approva e di chi non lo vota.

La protesta social

"Ci offendiamo" (#kusurabakiyoruz), è l'hashtag diventato virale in queste ore rovesciando le parole del capo dello Stato, con decine di migliaia di condivisioni. Una protesta alimentata dalla reazione di alcuni dei più famosi cantanti turchi. "Se la musica la disturba, non la ascolti", ha twittato Gaye Su Akyol, rivolgendosi direttamente a Erdogan, mentre qualcuno sottolineava i richiami alla preghiera islamica in piena notte dei muezzin. Reazioni perplesse sono giunte anche da artisti notoriamente filogovernativi, come la cantante pop Demet Akalin.


Uno spettacolo danzante con i dervisci (Keystone)

E già sono spuntate le prime proteste in presenza, con il mini-concerto di un rapper fermato nella notte dalla polizia nella roccaforte laica di Kadikoy, sulla sponda asiatica di Istanbul. Sulle barricate c'è inevitabilmente anche il mondo imprenditoriale, che dopo quasi un anno e mezzo di stop attendeva la revoca del coprifuoco per rilanciare i locali e recuperare parte delle perdite. E mentre l'opposizione compatta accusa Erdogan di "non combattere il coronavirus, ma gli stili di vita altrui", il portavoce presidenziale replica parlando di una "manipolazione ideologica".

La paura di altre limitazioni

In tanti temono che si tratti solo di un primo passo. In ballo, accusa ancora l'opposizione, c'è molto di più dell'orario in cui spegnere la musica. Le limitazioni che oggi colpiscono i concerti potrebbero estendersi domani alla vendita di alcolici, come già accaduto durante il lungo lockdown di maggio in pieno Ramadan, con un tira e molla sul divieto di acquistare alcolici nei supermercati, che poco sembrava avere a che fare con la circolazione del virus. Sullo sfondo c'è una battaglia sempre più accesa sul consenso, mentre i sondaggi segnalano difficoltà crescenti per Erdogan e i suoi alleati ultranazionalisti del Mhp, eredi dei lupi grigi.

Se il Pil è in ripresa dopo la crisi pandemica, l'economia turca resta fragile e la ricchezza dei cittadini è in costante calo per l'inflazione, stabilmente sopra il 15%, e la pesante svalutazione della lira. La partita per Erdogan si sposta di nuovo sull'ideologia, in cerca del voto più conservatore, già solleticato nella guerra dei simboli dalla recente inaugurazione della moschea nel tempio repubblicano di piazza Taksim.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
LA GUERRA IN UCRAINA
8 ore
Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa
Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
9 ore
Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
10 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
15 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
22 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
© Regiopress, All rights reserved