laRegione
bennett-incassa-la-fiducia-e-manda-a-casa-netanyahu
Il nuovo premier Naftali Bennett (Keystone)
13.06.21 - 21:25
Aggiornamento: 22:09
Ansa, a cura de laRegione

Bennett incassa la fiducia e manda a casa Netanyahu

Il governo nasce con un solo voto di scarto e tra le urla dei deputati del Likud. Lapid attacca: ‘Ecco perché voi non siete più al governo’

Naftali Bennett ce l'ha fatta: da stasera è il 13esimo premier di Israele, cacciando all'opposizione, per la prima volta dopo 12 anni, Benyamin Netanyahu. Una vittoria arrivata sul filo del rasoio ma per ora sufficiente: per il governo del cambiamento hanno infatti votato 60 deputati degli 8 partiti della nuova coalizione di centro, destra, sinistra e gli arabi di Raam, un esordio al potere. Contro 59, ovvero tutti i deputati della vecchia maggioranza che ha sostenuto Netanyahu. Uno solo, un deputato di Raam, è uscito dall'Aula al momento del voto e quindi si è astenuto.

Momento storico

All'annuncio ufficiale da parte del nuovo presidente della Knesset, Miki Levy, nell'Aula è scoppiato un applauso e urla di felicità si sono levate da parte dei sostenitori del nuovo governo. Che l'aria fosse favorevole - nonostante le incertezze degli ultimi giorni - si è capito dalla nomina di Levy, un deputato di Lapid, che ha superato il candidato della destra, imponendosi come nuovo leader.

Il governo - che si basa sulla rotazione tra Bennett e Lapid nella carica di primo ministro - ha già giurato. Ma prima del voto finale la situazione è stata di piena bagarre fin dalle dichiarazioni iniziali. Un'opposizione scatenata ha interrotto Bennett per tutto il suo discorso e Netanyahu lo ha persino deriso annunciandogli che "abbatterà al più presto" questo esecutivo "pericoloso".

Il discorso

Il nuovo premier ha mostrato nervi saldi mantenendosi calmo per oltre mezz'ora in mezzo a urla e schiamazzi. Ed ha perfettamente ritratto la situazione quando ha intimato all'opposizione di "fermare il caos", promettendo che sarà lui a mettere "fine a un terribile periodo di odio tra il popolo d'Israele". "Questa lacerazione, che è andata sfilacciando il nostro tessuto sociale - ha denunciato - ci ha condotto ad una tornata elettorale dopo l'altra e ad una spirale di odio e di liti fra fratelli". Le continue liti ai vertici politici "hanno provocato la paralisi. Ma noi - ha continuato Bennett - siamo qui per lavorare e rappresenteremo tutti". Anche chi, come i due deputati del sionismo religioso Bezalel Smootrich e Itamar Ben-Gvir, aveva appena distribuito volantini che raffiguravano Bennett con il copricapo arabo e la scritta 'bugiardo'.


Yair Lapid (Keystone)

Un'atmosfera così incandescente che Yair Lapid, il leader centrista che secondo i patti raccoglierà il testimone di Bennett a fine agosto 2023, ha rinunciato a parlare: sarebbe stato, ha detto, del tutto inutile. A nulla peraltro è valso l'omaggio che lo stesso Bennett ha fatto in apertura di intervento al suo ex alleato e mentore politico Netanyahu, ringraziandolo per i servizi resi al Paese.

Bibi all'attacco

Un livoroso premier uscente ha risposto di essere lì "come rappresentante eletto da oltre un milione di cittadini che hanno votato per il Likud sotto la mia guida e da altri milioni che si sono espressi per i partiti di destra che mi appoggiano". Come a ricordare la differenza, notevole, di voti tra il suo Likud e quelli di Yamina guidata da Bennett. "Siamo la vera destra, se passeremo all'opposizione, lo faremo - ha insistito - a testa alta".

Anche l'Iran, il nemico numero uno, è stato oggetto di polemica, nonostante Bennett sia stato chiaro. Israele "non permetterà a Teheran di ottenere armi nucleari. Far rivivere l'accordo nucleare con l'Iran - ha detto - è un errore che renderà legittimo uno dei regimi più violenti del mondo. Israele mantiene tutta la sua completa libertà di azione". "Sono impensierito da quello che ha appena detto Bennett - lo ha rintuzzato Netanyahu -. Di norma fa il contrario di quello che dice. Come con Lapid, con il quale aveva detto che non sarebbe mai andato".


Benjamin Netanyahu (Keystone)

Poi l'affondo quando ha messo in dubbio la capacità del nuovo esecutivo di resistere alle pressioni dell'amministrazione Usa di Biden: "In Iran oggi festeggiano. Comprendono che in Israele adesso ci sarà un governo debole ed ossequioso" verso gli Usa. "Nel momento in cui gli Stati Uniti torneranno all'accordo sul nucleare iraniano - ha proseguito - il futuro governo israeliano non autorizzerà nuove attività segrete in Iran. Non è degno di restare in carica nemmeno un giorno". Ma la vittoria di Bennett sembra veramente aver dato inizio ad una nuova era: in piazza a Tel Aviv migliaia di persone hanno festeggiato per tutta la serata, mentre ieri duemila manifestanti si erano radunati davanti alla residenza di Netanyahu a Gerusalemme cantando 'Bibi Ciao' sulle note di Bella Ciao.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin netanyahu israele naftali bennett yair lapid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Regno Unito
1 ora
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
1 ora
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
2 ore
Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”
La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
2 ore
Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk
Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
4 ore
British Airways: cancella altre centinaia di voli
La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
4 ore
Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi
Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
5 ore
‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole
Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
Estero
6 ore
Sas fallisce, userà la bancarotta assistita per ristrutturarsi
Ieri 1’000 piloti sono entrati in sciopero. Oggi la compagnia scandinava ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli
Estero
6 ore
Marmolada, i cinque attualmente dispersi sono tutti italiani
Rintracciate altre otto persone. Prosegue intanto il riconoscimento delle sette vittime del crollo del seracco
Australia
7 ore
Negano insulina, muore una bambina: dodici arresti in una setta
Fra gli arrestati anche i genitori della bimba. Tutti i membri del gruppo erano a conoscenza delle sue condizioni ma si limitavano a pregare
© Regiopress, All rights reserved