laRegione
11.06.21 - 21:35

Domenica il nuovo governo Bennett senza Netanyahu

Ribaltone dopo dodici anni di dominio da parte di Bibi. Ma arriva la scomunica cabalistica

Ansa, a cura de laRegione
domenica-il-nuovo-governo-bennett-senza-netanyahu
Naftali Bennett (Keystone)

Dopo oltre 12 anni di governo, Benyamin Netanyahu si appresta a lasciare il potere: al suo posto nella storica residenza di Via Balfour a Gerusalemme andrà Naftali Bennett. Un ribaltone epocale per Israele che troverà consistenza nel pomeriggio di domenica prossima quando il nuovo governo di unità di Yair Lapid e Bennett - una coalizione di 8 partiti, arabi compresi - si presenterà alla Knesset per la necessaria fiducia di almeno 61 seggi su 120. Subito dopo - se così sarà - il giuramento e l'insediamento al governo.

"La firma degli accordi mette fine a 2 anni e mezzo di crisi politica", ha detto Bennett dopo la consegna alla Knesset degli accordi di governo, passo formale chiesto dalla legge per andare al voto. Primo premier con la kippà in testa nella storia di Israele e primo ad arrivare in cima senza aver ricevuto l'incarico di governo, Bennett si è detto consapevole che "grandi sfide attendono i cittadini di Israele" pur nella convinzione che il "governo del cambiamento" è ben visto "da tutti". Anche se non sembra così. Nei giorni scorsi è stato attaccato pesantemente dai partiti confessionali della coalizione di Netanyahu che hanno definito il suo governo "malvagio".

Equilibri delicati

Ed oggi per il religioso Bennett - cosi come avvenne per Yitzhak Rabin per gli Accordi di Oslo e Ariel Sharon per il ritiro da Gaza - è arrivata puntuale sul web "una maledizione cabalistica". Nota come 'Pulsa de Nura' ('staffilata di fuoco', in aramaico) è stata lanciata contro il leader nazionalista considerato "uno scellerato che vuole colpire il mondo della Torah".  L'accusa è sempre la stessa: Bennett non è andato con Netanyahu ma alla fine ha scelto la coalizione di Lapid di cui fa parte anche il partito islamista Raam di Mansour Abbas. "Questo governo - ha sottolineato Bennett che sarà premier fino ad agosto del 2023 per poi lasciare il posto a Lapid - lavorerà per tutti gli israeliani: religiosi, laici, ultra ortodossi, arabi, senza alcuna eccezione".

Ma è vero che la nuova coalizione sulla carta è figlia di un equilibrismo politico composto da 3 partiti di destra, 2 di centro, 2 di sinistra e 1 arabo. Sono loro ad assicurare i 61 seggi necessari: la destra di Bennett ne porta 6 (su 7 deputati, visto che uno ha preannunciato il voto contrario), 6 con Gideon Saar - ex pupillo di Netanyahu - e 7 con Avigdor Lieberman. Il centro contribuisce con 17 seggi di Lapid e 8 con Benny Gantz; la sinistra, 7 con i Laburisti e 6 con il Meretz. Raam ne porterà 4. In totale 61 esatti: una maggioranza di misura che non avrà vita facile alla Knesset dove la vecchia maggioranza di Netanyahu e dei partiti confessionali è pronta al gioco pesante.

L'ex premier temporeggia

L'attuale premier - dopo aver fallito nell'incarico affidatogli dal presidente Reuven Rivlin e aver invano corteggiato proprio gli arabi di Abbas - ha fatto di tutto in queste settimane per impedire al nuovo governo di coagularsi e ha evocato "la frode elettorale" come Trump. Al momento non è stata fissata neppure una data per il passaggio delle consegne. Netanyahu - che secondo i media ha rifiutato la proposta del suo partito di una candidatura all'ultimo momento alla presidenza dello Stato vista la fine dell'incarico a Rivlin - non sembra quindi intenzionato a mollare. Gli uomini del Likud a lui più vicini, lo hanno descritto ai media come fortemente intenzionato a combattere il "governo del cambiamento" da leader dell'opposizione anche se alle prese con un processo in corso a Gerusalemme. Questo governo - hanno preannunciato all'unisono - "lo faremo cadere".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
1 ora
Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena
I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
1 ora
Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato
È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
2 ore
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
4 ore
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
6 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
6 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
7 ore
La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città
Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
8 ore
Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanisetta
In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
8 ore
Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone
All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washingon
Estero
18 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
© Regiopress, All rights reserved