laRegione
10.06.21 - 22:39

Russia: Navalny e i suoi messi al bando come estremisti

Europa e Stati Uniti contro il Cremlino a pochi giorni dall'incontro a Ginevra tra Biden e Putin

Ansa, a cura de laRegione
russia-navalny-e-i-suoi-messi-al-bando-come-estremisti
In piazza con il ritratto di Navalny (Keystone)

Il caso Navalny (ri)esplode proprio durante il viaggio europeo di Joe Biden e a pochi giorni dell'atteso incontro con Vladimir Putin. Il tribunale della città di Mosca ha infatti etichettato le organizzazioni di Navalny come "estremiste", facendo così scattare l'affilata tagliola appena varata dal Parlamento - il pacchetto di misure draconiane che liquidano dalla scena politica tutto l'organigramma costruito da Navalny negli ultimi 15 anni. L'Occidente, chiamato a raccolta dal presidente Usa al G7 di Cornovaglia, ha subito espresso in varie forme il suo sconcerto. E lui, la nemesi di Putin, ha risposto con l'ennesima indagine occhio per occhio che proverebbe definitivamente lo zampino del Cremlino nell'avvelenamento al Novichok.

Il processo

Ma andiamo con ordine. Intanto il processo. Dopo mesi di dibattimento a porte chiuse (per la presenza di materiale classificato tra gli atti) la corte ha stabilito che sì, le organizzazioni di Navalny - sia il Fondo Anti-Corruzione che la Fondazione per la Protezione dei Diritti dei Cittadini, già considerate agenti stranieri - sono da considerarsi "estremiste" poiché, "con il pretesto di slogan liberali, sono impegnate a creare le condizioni per la destabilizzazione sociale e sociopolitica" della Russia. Eversive, dunque. Ecco allora dispiegarsi l'intera forza del pacchetto anti-Navalny, opportunamente entrato in vigore la settimana scorsa. Chiunque abbia "sostenuto" queste sigle negli scorsi 12 mesi a partire dal 9 giugno (il termine è vaghissimo, include l'aver preso parte a una manifestazione non autorizzata e persino aver condiviso un post) sarà escluso dalla partecipazione alle elezioni di ogni ordine e grado per tre anni. Nel caso di donazioni, anche micro, si rischiano 10 mila dollari di multa e fino a otto anni di prigione. Stessa cosa per i dipendenti delle organizzazioni. Per i dirigenti, invece, l'esclusione alle elezioni è maggiorata a cinque anni.

Colpo da ko

Divieto assoluto poi di ricreare la stessa organizzazione, per finalità, con altro nome o status. Il colpo è mortale, mira alla giugulare. Anche perché la sentenza mette in dubbio persino l'agibilità dello Smart Voting messo in campo da Navalny, ovvero la piattaforma che per ogni seggio calcola quale candidato di qualsiasi schieramento, compresi gli indipendenti, abbia più probabilità di battere il rappresentante di Russia Unita, il partito di Putin. Un giochino che ha avvantaggiato molto di recente i Comunisti. Bene. Chi riceve l'endorsement potrebbe essere ora incluso, per estensione, nella lista nera degli estremisti? È possibile.

Sui social, appena è uscita la sentenza, Navalny ha promesso di voler "continuare la battaglia, in ogni modo". Ma è retorica. Usa, Ue e Regno Unito hanno definito la mossa, a turno, come "inquietante", "repressiva" e "kafkiana". Però la fatwa c'è, è agli atti. Messaggio inequivocabile che Putin, con Biden, è disposto a negoziare di molto ma non di tutto, di certo non ciò che Mosca considera quinta colonna dell'Occidente in patria. Con buona pace per le libertà di base. In questo quadro, già di per sé teso, s'innesta l'ultima zampata di Navalny.

I suoi legali, con uno stratagemma, sono riusciti a fotografare la sua cartella clinica lo scorso novembre, a Omsk, per poi ottenerla, in via ufficiale, un mese dopo. I due faldoni sono simili ma diversi. In particolare manca un'analisi chiave, fatta il 25 agosto 2020, sul livello della colinesterasi (bassissimo). "Le varie diagnosi sul metabolismo, la pancreatite e altri disturbi naturali alla sua salute sono assurde", si legge nell'inchiesta. Quell'analisi sarebbe l'impronta digitale dell'avvelenamento da organofosfati, il gruppo a cui appartengono i composti al nervino come il Novichok. Insomma, era già tutto lì. Il resto è teatro. Meglio, 'desinformazia'. Perché poi lo staff di Navalny abbia aspettato a pubblicare la pistola fumante sino ad oggi, rientra nella strategia di guerriglia mediatica di cui sopra. L'ultima rimasta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 ore
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
1 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
1 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
1 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
1 gior
I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’
Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Stati Uniti d’America
1 gior
In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità
Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
il dopo-voto in italia
2 gior
Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’
Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
2 gior
I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’
Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
mar baltico
2 gior
‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’
Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
2 gior
L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati
Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
© Regiopress, All rights reserved