laRegione
la-francia-si-ritira-dal-sahel
Un soldato francese in Africa (Keystone)
10.06.21 - 22:15
Aggiornamento : 22:46

La Francia si ritira dal Sahel

Dopo 8 anni nella regione africana e 55 vittime francesi, Macron ha annunciato la fine dell'operazione Barkhane

La Francia è stufa di fare da sola il gendarme nel Sahel e annuncia una "profonda trasformazione" della sua presenza militare nella zona. Dopo 8 anni nella regione africana e 55 vittime francesi, Emmanuel Macron ha annunciato la fine dell'operazione Barkhane come "operazione esterna" della Francia, con il ritiro graduale dei suoi soldati e la chiusura di diverse basi militari, in particolare in Mali.

La lotta contro il terrorismo jihadista continuerà, certo, ma nel quadro di un'alleanza internazionale, a cui partecipa anche l'Italia, e che vede "associati gli Stati della regione", ha avvertito il presidente, senza però fornire date, né dettagli sulla riduzione dei 5.100 soldati francesi attualmente presenti sul terreno. Macron comunicherà nuovamente su questo dossier a fine mese. Per il presidente è infatti arrivato il tempo che le cose cambino.

Troppi rischi

A otto anni dalla prima missione Serval, con cui François Hollande rispose a una richiesta di aiuto di Bamako, la constatazione di Macron è amarissima: "Non possiamo mettere in sicurezza zone che ricadono nel caos e nell'assenza di legge perché gli Stati decidono di non assumersi le loro responsabilità. È impossibile, se non un lavoro senza fine", è la frecciata, neanche troppo velata, ai dirigenti maliani dopo i due recenti colpi di Stato, che a Macron - dopo tutti gli sforzi fatti dalla Francia per stabilizzare la regione - non sono affatto piaciuti. Dopo l'ultimo putsch del 24 maggio scorso, Parigi ha congelato le operazioni militari congiunte con Bamako.

Per riprenderle, aveva avvertito, sarà necessario un "chiaro" impegno da parte delle autorità di transizione a non dialogare con i jihadisti. Ma la fine di Barkhane, ha garantito il leader francese, non significa il totale disimpegno di Parigi nella lotta ai gruppi jihadisti affiliati all'Isis e Al-Qaida nella regione. L'accento in futuro verrà posto sulle "forze speciali strutturate intorno all'operazione Takuba", per cui saranno ancora mobilitate "diverse centinaia di soldati" francesi. Takuba è una speciale task force europea a cui partecipano attualmente circa 600 uomini, di cui metà francesi, alcune decine di estoni e cechi e 140 svedesi.

L'impegno degli altri Paesi

Anche l'Italia si è impegnata a fornire fino a 200 soldati, la Danimarca un centinaio e diversi altri Paesi, tra cui la Grecia, l'Ungheria o la Serbia hanno espresso il loro interesse. La Task Force è chiamata ad operare in un'area individuata ad est del fiume Niger, nella cosiddetta zona dei ''tre confini'' (Mali, Niger, Burkina Faso), chiamata Liptako-Gourma.

Nell'idea di Macron, la lotta al terrorismo dovrà dunque proseguire nel quadro di queste forze speciali, in cui rimarrà una forte componente francese, ma con il contributo di forze africane, europee, internazionali. La vocazione di questa missione, ha proseguito il leader francese, sarà di "fare interventi strettamente legati alla lotta al terrorismo". Il presidente ha quindi ringraziato i Paesi europei che partecipano a Takuba e che "accettano di condividere il rischio di sacrificio dei nostri soldati", dopo il pesante tributo di sangue pagato dalla Francia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa emmanuel macron francia jihadisti operazione barkhane sahel
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
42 min
‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via
Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
1 ora
‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe
Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
4 ore
Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti
Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
7 ore
Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet
Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
12 ore
Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola
Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Confine
1 gior
Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’
Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
1 gior
Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’
Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior
‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’
Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
1 gior
Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’
In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
1 gior
Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura
Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
© Regiopress, All rights reserved