laRegione
10.06.21 - 22:15
Aggiornamento: 22:46

La Francia si ritira dal Sahel

Dopo 8 anni nella regione africana e 55 vittime francesi, Macron ha annunciato la fine dell'operazione Barkhane

la-francia-si-ritira-dal-sahel
Un soldato francese in Africa (Keystone)

La Francia è stufa di fare da sola il gendarme nel Sahel e annuncia una "profonda trasformazione" della sua presenza militare nella zona. Dopo 8 anni nella regione africana e 55 vittime francesi, Emmanuel Macron ha annunciato la fine dell'operazione Barkhane come "operazione esterna" della Francia, con il ritiro graduale dei suoi soldati e la chiusura di diverse basi militari, in particolare in Mali.

La lotta contro il terrorismo jihadista continuerà, certo, ma nel quadro di un'alleanza internazionale, a cui partecipa anche l'Italia, e che vede "associati gli Stati della regione", ha avvertito il presidente, senza però fornire date, né dettagli sulla riduzione dei 5.100 soldati francesi attualmente presenti sul terreno. Macron comunicherà nuovamente su questo dossier a fine mese. Per il presidente è infatti arrivato il tempo che le cose cambino.

Troppi rischi

A otto anni dalla prima missione Serval, con cui François Hollande rispose a una richiesta di aiuto di Bamako, la constatazione di Macron è amarissima: "Non possiamo mettere in sicurezza zone che ricadono nel caos e nell'assenza di legge perché gli Stati decidono di non assumersi le loro responsabilità. È impossibile, se non un lavoro senza fine", è la frecciata, neanche troppo velata, ai dirigenti maliani dopo i due recenti colpi di Stato, che a Macron - dopo tutti gli sforzi fatti dalla Francia per stabilizzare la regione - non sono affatto piaciuti. Dopo l'ultimo putsch del 24 maggio scorso, Parigi ha congelato le operazioni militari congiunte con Bamako.

Per riprenderle, aveva avvertito, sarà necessario un "chiaro" impegno da parte delle autorità di transizione a non dialogare con i jihadisti. Ma la fine di Barkhane, ha garantito il leader francese, non significa il totale disimpegno di Parigi nella lotta ai gruppi jihadisti affiliati all'Isis e Al-Qaida nella regione. L'accento in futuro verrà posto sulle "forze speciali strutturate intorno all'operazione Takuba", per cui saranno ancora mobilitate "diverse centinaia di soldati" francesi. Takuba è una speciale task force europea a cui partecipano attualmente circa 600 uomini, di cui metà francesi, alcune decine di estoni e cechi e 140 svedesi.

L'impegno degli altri Paesi

Anche l'Italia si è impegnata a fornire fino a 200 soldati, la Danimarca un centinaio e diversi altri Paesi, tra cui la Grecia, l'Ungheria o la Serbia hanno espresso il loro interesse. La Task Force è chiamata ad operare in un'area individuata ad est del fiume Niger, nella cosiddetta zona dei ''tre confini'' (Mali, Niger, Burkina Faso), chiamata Liptako-Gourma.

Nell'idea di Macron, la lotta al terrorismo dovrà dunque proseguire nel quadro di queste forze speciali, in cui rimarrà una forte componente francese, ma con il contributo di forze africane, europee, internazionali. La vocazione di questa missione, ha proseguito il leader francese, sarà di "fare interventi strettamente legati alla lotta al terrorismo". Il presidente ha quindi ringraziato i Paesi europei che partecipano a Takuba e che "accettano di condividere il rischio di sacrificio dei nostri soldati", dopo il pesante tributo di sangue pagato dalla Francia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
5 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
7 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
7 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
9 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
13 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved