laRegione
kamala-harris-ai-migranti-non-venite-negli-usa
Kamala Harris, vicepresidente Usa (Keystone)
08.06.21 - 22:49

Kamala Harris ai migranti: ‘Non venite negli Usa’

Monito in Guatemala: 'Sarete respinti'. I critici: 'Si comporta come Trump'

Ansa, a cura de laRegione

"Non venite negli Stati Uniti, noi continueremo ad applicare le nostre leggi e a difendere i nostri confini. Se venite sarete respinti": è già polemica in Usa per il monito lanciato agli immigrati centroamericani da Kamala Harris in Guatemala nel suo primo viaggio all'estero, proseguito oggi in Messico. Un tour che si inscrive nella promessa di Joe Biden di adottare una politica migratoria "più umana" di quella del suo predecessore Donald Trump, affidando alla propria vice il compito di affrontare alle radici le cause del fenomeno.

Ma quelle parole, estrapolate un po' dal contesto, hanno suscitato critiche a sinistra e sarcasmi a destra, mettendo in difficoltà l'ambiziosa Kamala che, dopo aver rotto il soffitto di cristallo come prima vicepresidente donna (e di colore), stenta ad uscire dall'ombra del boss nonostante il crescente numero di deleghe. Tra i progressisti si sono levate voci di protesta, come quella di Alexandria Ocasio-Cortez, la pasionaria dem: "Primo, cercare asilo in qualsiasi punto del confine Usa è un metodo legale di arrivo al 100%", ha twittato. "Secondo, gli Usa hanno speso decenni contribuendo al cambio di regimi e a destabilizzare l'America latina. Non possiamo incendiare la casa di qualcuno e poi incolparlo perché fugge", ha aggiunto. Alcuni repubblicani hanno letto l'appello di Harris come una conferma e una continuità della linea del tycoon.

Polemiche

La polemica è sbarcata anche oltreoceano. In Italia la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha lanciato una provocazione su Facebook: "La vicepresidente Usa e idolo della sinistra Kamala Harris ora parla come Trump e rivolgendosi ai migranti che vorrebbero entrare negli Stati Uniti dice chiaramente che l'immigrazione illegale sarà contrastata... Così come fa qualsiasi nazione al mondo, tranne l'Italia ostaggio della sinistra immigrazionista. Che dite, sentiremo il solito grido sdegnato di politici, giornalisti e intellettualoni nostrani o questa volta faranno finta di niente?". In realtà il monito di Harris, anche se con sfumature più dure, è in linea con il messaggio di Biden: "Non venite. Non lasciate le vostre città, le vostre comunità, gli aiuti stanno arrivando", disse il presidente a metà marzo per fermare le ondate di immigrati in viaggio, speranzosi per il cambio della guardia alla Casa Bianca.

La vicepresidente ha riconosciuto che molte persone sono costrette ad abbandonare il posto dove sono cresciute per sfuggire alla violenza, alla povertà, alla corruzione, ai disastri naturali. "Ma dobbiamo dare un senso di speranza che gli aiuti sono in arrivo, che c'è un motivo di essere fiduciosi nel loro futuro e in quello dei loro figli", ha spiegato Harris, illustrando gli impegni dell'amministrazione Usa per "lavorare insieme" ai Paesi del centro America e trovare soluzioni a "problemi di lungo termine". "Non ci sarà una soluzione rapida, non vedremo un ritorno immediato ma vedremo progressi", ha ammesso la numero due di Biden, criticata dai repubblicani per non essere ancora andata al confine col Messico a toccare con mano quella che definiscono una "crisi": il mese di aprile ha registrato l'arrivo, senza precedenti in 15 anni, di oltre 178 mila immigrati, di cui più del 40% dal Triangolo nord formato da Guatemala, Honduras e El Salvador.

Biden ha messo sul piatto 4 miliardi di dollari per aiutare i Paesi centro americani a creare sviluppo e lavoro, ma il Congresso non ha ancora approvato la prima tranche di 861 milioni. Intanto la sua vice tesse la tela della cooperazione, firmando accordi anche con il presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador. Ma perdura lo scetticismo sulla capacità di creare occupazione ed estirpare la dilagante corruzione. E restano tensioni diplomatiche o aperti conflitti con il presidente dell'Honduras, El Salvador e Nicaragua, tre Paesi chiave per fermare i flussi migratori verso gli Usa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump guatemala kamala harris migranti usa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero
Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
italia
1 ora
Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico
Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
4 ore
Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire
Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
4 ore
Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran
Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
6 ore
Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni
Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
7 ore
L’Austria dice addio alle mascherine
Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
8 ore
YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa
Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
la guerra in ucraina
13 ore
La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti
Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram
oms
21 ore
‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’
‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
21 ore
Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio
In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
© Regiopress, All rights reserved