laRegione
israele-verso-un-governo-senza-netanyahu
Naftali Bennett e Yair Lapid (Keystone)
31.05.21 - 21:17
Ansa, a cura de laRegione

Israele verso un governo senza Netanyahu

Verso l4accordo tra Bennett e Lapid. Sarebbe la prima volta di un esecutivo senza Bibi dopo dodici anni. Lui accusa: ‘Non in grado di affrontare le sfide’

Una corsa contro il tempo prima di mercoledì: 48 ore per superare gli ostacoli, ancora molti, e far sorgere "la nuova era" d'Israele senza Benyamin Netanyahu. Yair Lapid - il centrista incaricato dal presidente Reuven Rivlin di formare il nuovo governo - ha tratteggiato così il percorso che in queste ora sta seguendo insieme a Naftali Bennett, leader della destra nazionalista, dopo la scelta di quest'ultimo di aderire all'esecutivo di unità nazionale senza Netanyahu. "Possiamo finire la prossima settimana. In una settimana lo Stato di Israele - ha detto Lapid riferendosi anche al voto della Knesset sul governo - può entrare in una nuova era con un premier diverso".

Questo non vuol dire ancora che sia tutto a posto, anche se, secondo i media, Lapid potrebbe sciogliere la riserva già domani. Le riunioni delle delegazioni dei partiti intenzionati ad entrare nella nuova maggioranza (quello arabo di Raam compreso) si susseguono frenetiche. Sul tavolo ci sono i contenuti del programma, la formazione della compagine ministeriale e soprattutto la composizione del Gabinetto di sicurezza, comitato ristretto decisionale. Sulla sua struttura, 10-12 membri, si va col bilancino ma, visto il peso politico di Bennett destinato ad essere premier, ci sarà una chiara maggioranza di destra. Anche per contrastare la narrativa di Netanyahu che ha sempre definito il nuovo possibile esecutivo "un governo di sinistra".

Accuse e controaccuse

Lo stesso Benny Gantz ha rintuzzato le accuse di Netanyahu sul fatto che il prossimo governo non sia in grado di affrontare le sfide di Israele. "Penso - ha detto ad un incontro con la stampa estera - che siamo completamente in grado di occuparci della sicurezza di Israele. Quanto detto da Netanyahu ha solo uno scopo politico". Sono molti comunque gli analisti a sottolineare come il fattore tempo sia fondamentale: prima Lapid si reca da Rivlin, meno tempo concede all'inevitabile reazione di Netanyahu, deciso a tutto pur di far naufragare il progetto degli avversari ed arrivare alle quinte elezioni in due anni.

Nel Paese l'aria non sembra essere delle migliori: Bennett, il suo numero due Ayelet Shaked e altri esponenti del partito hanno visto la loro sicurezza rafforzata dopo aver ricevuto minacce "per aver tradito la destra". E non solo: anche sul centrista Lapid e a sinistra, giornalisti compresi, la polizia ha aumentato le precauzioni. Una situazione denunciata dallo stesso Lapid: "Se volete capire perché dobbiamo cambiare leadership in Israele, ascoltate il discorso di ieri di Netanyahu. Pericoloso e pazzo, di qualcuno che non ha più limiti. La sua debolezza - ha accusato - indebolisce tutti noi. Non vanno maledetti gli altri, non bisogna guardarli come nemici, non va etichettato come un traditore da uccidere chi la pensa diversamente da noi".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin netanyahu governo israele medio oriente naftali bennett yair lapid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Regno Unito
48 min
La caduta di Boris, dalla Brexit agli scandali
L’uomo della Brexit nonché il leader Tory più originale e incline alle gaffe della storia britannica moderna è caduto di fronte agli scandali interni
Estero
2 ore
L’Eurocamera chiede di inserire l’aborto nella Carta diritti Ue
Il Parlamento europeo ha votato una risoluzione che sostiene che ‘ogni persona ha diritto all’aborto sicuro e legale’
Estero
2 ore
Boris Johnson si dimette da leader dei Conservatori
Il premier intende restare a capo del governo fino all’elezione del suo successore prevista per ottobre
Estero
2 ore
La Cedu condanna la Grecia: ha messo a rischio vite in mare
La Corte europea dei diritti umani ha sanzionato Atene per non aver fatto il possibile per proteggere la vita di 27 migranti in un intervento nel 2014
Estero
5 ore
Media britannici: ‘Boris Johnson si dimetterà oggi’
Anche il neocancelliere Zahawi sollecita ‘BoJo’ a ritirarsi. Secondo la Bbc il nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica in autunno
Estero
6 ore
Quattro anni dopo, inizia il processo per il ponte Morandi
La maggior parte degli imputati è composta da dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia e della società d’ingegneria Spea
Estero
6 ore
Regno Unito, lascia anche il ministro per l’Irlanda del Nord
‘L’esecutivo è ormai oltre il punto di non ritorno’, riferisce lo stesso Brandon Lewis
la conferenza di lugano
7 ore
‘Il 30% del Paese è distrutto, un nuovo ponte può salvare vite’
Il ministro delle Infrastrutture ucraino Kubrakov chiede aiuti subito, anche modesti: ‘Con 500mila euro strutture temporanee che possono essere decisive’
Estero
21 ore
Un ginecologo olandese ha generato almeno 41 figli con l’inganno
Il medico, morto nel 2019, ha utilizzato segretamente il proprio sperma anziché quello di un donatore anonimo, nel corso dei trattamenti di fertilità
Estero
21 ore
Anche i ministri ancora fedeli chiedono a Johnson di lasciare
Una delegazione di almeno una mezza dozzina di membri del Consiglio di gabinetto annunciano di voler chiedere al primo ministro di dimettersi
© Regiopress, All rights reserved