laRegione
30.05.21 - 19:47
Aggiornamento: 21:31

In Colombia il presidente Duque schiera l’esercito

Proteste e morti nel Paese sudamericano. Migliaia di soldati mandati a pattugliare le strade di Cali e altre aree. L’Onu chiede un’inchiesta sulle violenze.

in-colombia-il-presidente-duque-schiera-l-esercito
Keystone
Cali

Buenos Aires – Si fa incandescente l'emergenza ordine pubblico in Colombia dove da oltre un mese si ripetono le manifestazioni antigovernative su tutto il territorio nazionale con cortei, blocchi stradali e manifestazioni che in alcune città, come a Cali e Popayán, sono degenerate in gravi violenze e numerose vittime. Nessuno può dire quale sia il reale bilancio di queste cinque settimane di disordini, ma i morti sono almeno 50, con centinaia di feriti e altrettanti scomparsi, e un altissimo numero di arrestati.

La situazione sembra sfuggire di mano al governo del presidente Iván Duque che, di fronte alle rivendicazioni del Comitato nazionale di sciopero (Cnp), ha prima ritirato una controversa legge che aumentava la pressione fiscale sulla popolazione e poi ha cercato, senza successo, di arrivare all'apertura di un tavolo negoziale con gli organizzatori della protesta. Le autorità governative pongono come condizione preliminare per esaminare le rivendicazioni sociali ed economiche del Cnp che si rimuovano tutti i blocchi stradali sulle principali vie di comunicazione, ma la richiesta è stata respinta.

Così negli ultimi giorni le tensioni in alcune città sono cresciute, gli scontri con le forze dell'ordine si sono fatti più pesanti e, hanno assicurato responsabili di ong e organizzazioni di difesa dei diritti umani, soprattutto sono apparsi gruppi di civili armati che, dal lato della polizia, hanno sparato ad alzo zero contro i manifestanti.

Maniere forti

Duque, pressato dal partito Centro democratico dell'ex presidente di destra Alvaro Uribe, ha deciso di usare le maniere forti per riportare l'ordine nel Paese annunciando l'invio di 7mila soldati a sostegno delle forze dell'ordine a Cali, capoluogo del dipartimento del Valle de Cauca dove venerdì sono morte 13 persone. Poi ha chiesto al ministro della Difesa Diego Molano di militarizzare ben otto dipartimenti, fra cui quello del Cauca, con il suo capoluogo Popayán, dove un commando con il volto coperto ha incendiato la sede del comune.

Dura la reazione dell'opposizione. Il senatore del Polo democratico, Iván Cepeda, ha annunciato di voler denunciare il ministro Molano per aver violato la Costituzione nazionale ed ha avvertito che l'invio di personale militare in alcune aree del Paese per reprimere le proteste è "un colpo di stato".

‘I responsabili rispondano’

Di fronte a questo preoccupante scenario e alle numerose vittime, l'Alto Commissario per i Diritti umani dell'Onu Michelle Bachelet ha dichiarato che "è essenziale che quanti si presume siano coinvolti in queste morti o nei ferimenti, inclusi funzionari governativi, siano soggetti ad un'inchiesta rapida, efficace, indipendente, imparziale e trasparente. E che i responsabili ne rispondano".

Invitando le parti al dialogo, unico modo per uscire pacificamente dalla crisi, Bachelet ha indicato che il suo ufficio ha ricevuto informazioni su individui armati che a Cali hanno sparato in direzione di manifestanti, giornalisti e passanti, fra cui anche un funzionario fuori servizio, poi a sua volta ucciso.

"Dobbiamo pregare per la Colombia!", ha esortato stamattina papa Francesco al termine dell'Angelus indicando un gruppo di fedeli colombiani presente a Piazza San Pietro.

Precipita un elicottero della polizia, 5 i morti


Almeno cinque agenti sono morti oggi in Colombia quando un elicottero della polizia si è schiantato al suolo durante un'operazione antidroga nel dipartimento settentrionale di Bolívar. L'incidente, ha reso noto l'istituzione in un comunicato, è avvenuto in una zona selvatica a 15 chilometri da Cantagallo, comune adagiato sulla riva sinistra del Rio Magdalena.Per il momento i vertici della polizia propendono per l'ipotesi di un guasto meccanico, ma è stata comunque costituita una commissione d'inchiesta che dovrà confermarlo. I media colombiani hanno da parte loro ricordato che l'incidente è avvenuto in una zona dove è attivo il Fronte "Edgar Amilkar Grimaldos Barón" dell'Esercito di liberazione nazionale (Eln).
 
 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Ucraina
19 min
Zelensky parla al Consiglio europeo
Il presidente ucraino è arrivato all’Europa Building dove si sta svolgendo il vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue
Stati Uniti
1 ora
Walt Disney taglia 7mila posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione della nota multinazionale statunitense punta a realizzare 5,5 miliardi di dollari di risparmi
Estero
6 ore
Sisma in Turchia e Siria: il numero dei morti supera i 16mila
Le vittime accertate in Turchia sono 12’909, 3’126 quelle in Siria, che portano il numero totale a 16’035
Estero
18 ore
Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’
Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
20 ore
Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato
Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
20 ore
Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay
Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
1 gior
Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento
L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
1 gior
Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog
Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
1 gior
Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’
L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
1 gior
Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi
Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
© Regiopress, All rights reserved