laRegione
28.05.21 - 22:05

Sgarbo russo agli Usa prima del summit di Ginevra

Colpito dagli hacker il sito di UsAid. Ore di tensione, poi in serata la conferma: l'incontro del 16 giugno con Putin ci sarà

sgarbo-russo-agli-usa-prima-del-summit-di-ginevra
Biden e Putin durante l'era Obama (Keystone)

Alta tensione tra Usa e Russia alla vigilia del summit tra i due Paesi, previsto il 16 giugno a Ginevra. A meno di tre settimane dal primo, attesissimo faccia a faccia tra Joe Biden e Vladimir Putin si materializzano altre frizioni: un nuovo cyber attacco con lo zampino dei servizi segreti di Mosca e l'uscita definitiva di Washington da Open Skies, un trattato quasi trentennale che consentiva la reciproca sorveglianza aerea. Senza dimenticare l'accoglienza riservata oggi dallo zar al presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, l'ultimo dittatore d'Europa, dopo la condanna della comunità internazionale per il dirottamento di un volo Ryanair allo scopo di arrestare un giornalista di opposizione.

A surriscaldare l'atmosfera pre-vertice è in particolare l'ultimo hackeraggio, messo a segno con la vecchia tecnica del phishing: i pirati informatici sono riusciti a usare un account dell'USAid, l'agenzia federale americana per gli aiuti internazionali, inviando false email con un virus contenenti le "nuove rivelazioni" di Donald Trump sui presunti brogli elettorali. Nel mirino circa 3000 email di oltre 150 organizzazioni di almeno 24 Paesi, un quarto delle quali impegnate nello sviluppo internazionale, negli aiuti umanitari e nei diritti umani. Molte di queste hanno criticato Putin, denunciando le azioni russe contro i dissidenti o protestando contro l'avvelenamento e l'incarcerazione dell'oppositore Alexiei Navalny. Sarebbe questo il vero obiettivo dell'offensiva, iniziata a gennaio e tuttora in corso.

La rivelazione di Microsoft

A rivelarla pubblicamente è stata Microsoft, secondo cui dietro ci sarebbero hacker del gruppo Nobelium, lo stesso del cyber attacco SolarWind, ritenuto da Microsoft "il più grande e il più sofisticato mai visto al mondo", di cui sono rimaste vittime numerose agenzie governative e aziende americane. Un gruppo ritenuto legato al Svr, la Cia russa, già coinvolto negli hackeraggi del partito democratico nel 2016. Biden ha assunto una postura durissima contro Putin, definendolo "un killer" e imponendo una raffica di sanzioni per varie azioni russe, dalle interferenze elettorali alla detenzione di Navalny sino a Solarwind. Ma ha scelto misure "proporzionate", spiegando di non voler "avviare un ciclo di escalation e di conflitto con la Russia", con la quale cerca un "rapporto stabile e prevedibile".

Ora però si trova di fronte a questa nuova provocazione, pochi giorni dopo il cyber attacco - con riscatto da 5 milioni di dollari - a Colonial Pipeline, il più grande oleodotto americano bloccato per una settimana da hacker russi, anche se apparentemente non legati al Cremlino. Sembra evidente che la risposta di Biden è stata insufficiente. Come pure che Putin vuole arrivare al vertice da una posizione di forza, dimostrando che nessun tipo di sanzione fermerà la Russia. Difficile ora per il presidente Usa mostrare i muscoli, rischiando di compromettere il summit. Ma il commander in chief ha lanciato comunque un messaggio al Cremlino: ha confermato l'uscita dal trattato Open Skies accusando Mosca di continuare a violarlo, anche se aveva duramente criticato Trump per questa scelta. Una mossa quasi simbolica, dato che ora bastano i satelliti per monitorare i movimenti di truppe e armi. Ma anche i simboli contano nelle schermaglie che precedono i summit.

L'incontro di Ginevra del 16 giugno tra Usa e Russia, in ogni caso si farà. La conferma è arrivata in serata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Portogallo
12 ore
Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi
Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
13 ore
Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi
Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
16 ore
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
16 ore
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
19 ore
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
23 ore
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
1 gior
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
2 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
2 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
2 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
© Regiopress, All rights reserved