laRegione
26.05.21 - 18:59
Aggiornamento: 22:55

L’Ue vuole multare AstraZeneca per i ritardi

Battaglia legale sulle forniture di vaccini: Bruxelles vuole anche un risarcimento. Il verdetto probabilmente già a giugno

Ansa, a cura de laRegione
l-ue-vuole-multare-astrazeneca-per-i-ritardi
Il vaccino AstraZeneca (Keystone)

La battaglia legale tra Unione europea e AstraZeneca sui ritardi nelle forniture di vaccini è ufficialmente partita e a giugno potrebbe già esserci il verdetto. Davanti ai giudici del Tribunale di Bruxelles, durante la prima udienza della causa intentata dall'Ue, l'avvocato che difende gli interessi dei 27 Stati membri ha depositato una richiesta di risarcimento milionaria: 10 euro (7,80 franchi) a dose per ogni giorno di ritardo, più una multa da 10 milioni di euro per ogni violazione del contratto che il giudice riuscirà ad accertare.

Ma l'azienda anglo-svedese ha tenuto il punto: fin dall'inizio aveva messo in guardia l'Ue dalle incertezze sulla produzione di un nuovo vaccino, e aveva chiarito nel contratto che non sarebbe stata responsabile dei ritardi.

I problemi con le forniture di AstraZeneca sono cominciati da subito. Nel primo trimestre l'azienda ha consegnato all'Ue solo 30 milioni di dosi invece dei 120 milioni previsti dal contratto. L'amministratore delegato, Pascal Soriot, diede la colpa alle difficoltà di produzione nelle fabbriche europee, ma poiché la fornitura al Regno Unito procedeva regolarmente, si fece strada il sospetto che i britannici venissero privilegiati in virtù di un contratto firmato prima di quello europeo.

Impianti inutilizzati

Una delle domande che non trovano ancora risposta, e che gli avvocati dell'Ue hanno quindi portato all'attenzione dei giudici, è proprio come mai AstraZeneca non abbia usato tutti i suoi impianti, anche quelli in Gran Bretagna, per onorare gli impegni presi con l'Ue, mentre gli impianti europei sono serviti anche a onorare gli accordi con Londra. L'avvocato Rafaël Jeffareli ha parlato di "manifesta violazione" del contratto con l'Ue, con "50 milioni di dosi" che dallo stabilimento olandese Halix a Leida "sono state dirottate verso Paesi terzi".

L'azienda anglo-svedese si difende dietro la nozione che aveva fatto inserire nel contratto con l'Ue, che la obbligava a fare il "miglior sforzo possibile" per soddisfare gli accordi. La prima udienza si è concentrata sull'interpretazione di questo passaggio.

L'Ue ritiene che AstraZeneca non abbia compiuto questi sforzi, favorendo l'approvvigionamento del Regno Unito a scapito del mercato continentale. "I migliori sforzi significano flessibilità! Perché il passaggio dal sito di Halix (verso l'Ue) è iniziato solo il 13 ottobre?", ha accusato l'avvocato Jeffareli, aggiungendo che "AstraZeneca non ha nemmeno utilizzato tutti gli strumenti che aveva a disposizione" e sostenendo che l'azienda potrebbe al momento mobilitare "sei siti produttivi per rispettare il programma prestabilito".

Oltre al risarcimento per aver messo in pericolo la vita dei cittadini europei in attesa del siero salva-vita, l'Ue vuole che il Tribunale obblighi AstraZeneca a consegnare 90 milioni di dosi entro la fine di giugno, 20 milioni in più di quanto attualmente pianificato, per raggiungere i 120 milioni pattuiti del primo semestre. Inoltre chiede 180 milioni di dosi entro la fine di settembre per rispettare appieno il contratto che ne prevedeva 300 milioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
1 ora
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
5 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
22 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
22 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
22 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
22 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
1 gior
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
1 gior
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
1 gior
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
© Regiopress, All rights reserved