laRegione
17.05.21 - 22:36

Catalogna, intesa tra indipendentisti e governo

La svolta nei negoziati dopo tre mesi di stallo

Ansa, a cura de laRegione
catalogna-intesa-tra-indipendentisti-e-governo
Manifestazione degli indipendentisti catalani (Keystone)

Il tono dell'annuncio di Pere Aragonès, uomo al centro delle strategie della sinistra indipendentista catalana di Esquerra Republicana (Erc), è solenne: "Abbiamo un'intesa per mettere in marcia il nuovo governo regionale repubblicano". E così, a ben tre mesi dalle ultime elezioni, la fumata bianca è arrivata. Aragonès sarà eletto presidente, mentre la sua formazione e Junts per Catalunya — l'altro grande partito favorevole alla secessione dalla Spagna, presieduto dall'ex numero uno della regione Carles Puigdemont, poi fuggito in Belgio — formeranno la coalizione che lo sosterrà, con sette assessorati ciascuno. Un accordo siglato a soli nove giorni dalla scadenza prevista dalla legge per evitare un ritorno anticipato alle urne e mentre dalla Catalogna emergeva un clima di crescente malumore per la situazione di prolungato stallo politico: segnali del fatto che non tutto sia rose e fiori anche all'interno del fronte indipendentista stesso.

"Mi sembra evidente che questi negoziati si sono prolungati per troppo tempo", ha riconosciuto Aragonès in conferenza stampa, "vogliamo che in futuro le cose vadano in modo diverso". Uno degli obiettivi principali del nuovo governo, secondo quanto dichiarato da Aragonès e dal segretario generale di Junts, Jordi Sànchez, rimane quello dell'indipendenza. "Vogliamo far avanzare questo paese verso la repubblica catalana", ha detto il primo. "Possiamo costruire una strategia plurale e solida", ha aggiunto il secondo. Prima dell'ok definitivo, Junts chiederà ai suoi iscritti se accettano l'accordo raggiunto con Erc oppure preferiscono un semplice voto a favore per permettere a Aragonès di diventare presidente. I risultati si conosceranno mercoledì. Resta da vedere quale sarà il rapporto del nuovo governo catalano con Madrid, visto anche che i 13 deputati di Erc nel Parlamento nazionale sono spesso decisivi per il governo del socialista Pedro Sànchez.

I due leader indipendentisti si sono detti disponibili a riprendere "il dialogo" con lo Stato. "Bisogna recuperare la via del dialogo e farlo con la volontà di avanzare davvero", ha detto alla radio Cadena Ser la portavoce del governo centrale María Jesús Montero. Per arrivare alla maggioranza assoluta nel Parlamento catalano, Erc e Junts avranno bisogno del sostegno dalla Cup, partito separatista di sinistra radicale. Xavier Pellicer, deputato regionale di questa formazione, ha fatto sapere che i voti per l'elezione di Aragonès saranno garantiti, ma che non si tratterà di "un assegno in bianco".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Nuova Zelanda
2 ore
Le piogge torrenziali fanno almeno tre morti ad Auckland
Il primo ministro neozelandese: ‘Il livello di devastazione in alcune aree è considerevole’. C’è anche un disperso
Italia
2 ore
La terra trema ancora nel Cesenate, treni fermi
Dopo la scossa registrata all’alba, la circolazione ferroviaria in Romagna è stata precauzionalmente sospesa
gerusalemme
15 ore
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
15 ore
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
15 ore
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
Estero
17 ore
Benedetto XVI: ‘L’insonnia il motivo centrale delle dimissioni’
Il defunto papa, in una lettera di ottobre al suo biografo resa nota oggi, narrava i problemi causati dalla mancanza di sonno e dai sonniferi prescritti
Oceania
1 gior
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
1 gior
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
1 gior
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
1 gior
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
© Regiopress, All rights reserved