laRegione
biden-polizia-riformata-e-4-mila-miliardi-per-il-rilancio
Keystone
Il piano rivoluzionario di Biden
29.04.21 - 08:23
Aggiornamento: 14:23

Biden, polizia riformata e 4 mila miliardi per il rilancio

Il presidente degli Stati Uniti sprona il Congresso e chiede l'appoggio del suo piano: 'Il futuro dell'America è nelle nostre mani'

"Il futuro dell'America è nelle nostre mani". Joe Biden sprona un Congresso diviso a cui chiede di appoggiare il suo piano da oltre 4 mila miliardi di dollari per il rilancio del Paese ("il più grande dalla Seconda guerra mondiale"). Ma Biden chiede anche di agire una volta per tutte per riformare la polizia, varare una stretta efficace sulle armi da fuoco, lavorare a una riforma complessiva dell'immigrazione.

'Ho ereditato un Paese in crisi, ora l'America è di nuovo in cammino'

"Ho ereditato un Paese in crisi, ora l'America è di nuovo in cammino", ha esultato il presidente americano, rivendicando soprattutto il successo della campagna di vaccinazione con 220 milioni di dosi somministrate in 100 giorni. Il suo primo intervento da inquilino della Casa Bianca davanti a Camera e Senato riuniti in seduta plenaria non potrebbe essere più diverso dall'ultimo pronunciato da Donald Trump nel gennaio dello scorso anno, quando una Nancy Pelosi stizzita osò strappare platealmente il testo del discorso del presidente davanti alle telecamere.

Ieri la speaker della Camera, insieme alla vicepresidente Kamala Harris, ha fatto la storia: per la prima volta due donne, seconda e terza carica dello Stato, erano sedute nell'aula della Camera alle spalle del Commander in chief. "Signora vicepresidente...", l'omaggio di Biden a Harris: "Nessun presidente ha mai pronunciato queste parole da questo podio. Era ora...", ha aggiunto tra gli applausi dei pochi presenti per le rigide misure anti-Covid.

Poi Biden, pur sapendo che la strada è in salita, ha lanciato un appello perché democratici e repubblicani appoggino il suo piano da 2,3 miliardi di dollari per le infrastrutture e quello da 1,8 miliardi di dollari per le famiglie, difendendo la sua intenzione di alzare le tasse sull'1% della popolazione. "Non imporrò alcun aumento sulle persone che guadagnano meno di 400 mila dollari. È invece ora che le grandi aziende americane e i più ricchi paghino la loro giusta quota. Solo quello che è giusto", ha affermato.

"I dati mostrano come il 55% delle aziende più grandi ha pagato zero tasse federali sul reddito lo scorso anno su oltre 40 miliardi di utili. E molte aziende - ha aggiunto - hanno evaso il fisco attraverso paradisi fiscali, dalla Svizzera alle Bermuda alle Cayman. Questo non è giusto". Il presidente ha quindi sottolineato come "la pandemia ha solo reso le cose peggiori, perché mentre 20 milioni di americani perdevano il loro lavoro, i 650 miliardari in America hanno visto la loro ricchezza aumentare di oltre mille miliardi di dollari. È ora di fare qualcosa".

Tornando sul caso Floyd, Biden ha chiesto che la riforma della polizia, che porta proprio il nome dell'afroamericano ucciso da un agente a Minneapolis, sia varata il prossimo mese, in occasione della ricorrenza dell'omicidio: "Abbiamo visto il ginocchio dell'ingiustizia sul collo dell'America afroamericana. Ora bisogna voltare pagina, è il Paese che lo vuole".

Biden ha lanciato anche un messaggio a Vladimir Putin e Xi Jinping. "Non vogliamo conflitti o escalation", ha assicurato, sottolineando però come "la democrazia è l'essenza dell'America e gli autocrati non vinceranno".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
america biden mila miliardi paese piano riforma rilancio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
Estero
2 ore
Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari
L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters
Regno Unito
3 ore
Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson
Dopo le dimissioni, ieri, di due ministri senior per il caso Pincher, oggi lascia Robin Walker, viceministro per gli Standard della Scuola
Estero
3 ore
È morto il segretario generale dell’Opec Muhammad Barkindo
Il 63enne è deceduto improvvisamente. Era alla testa dell’organizzazione dal 2016
Estero
4 ore
Marmolada: proseguono le ricerche con i droni
La frana di ghiaccio aveva travolto gli alpinisti domenica. Alcuni soccorritori potrebbero tornare sul posto giovedì per l’intervento ‘vista e udito’
Estero
6 ore
Alpinista precipita per 400 metri e muore sull’Ortles
La vittima è un turista della Repubblica Ceca. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
6 ore
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
6 ore
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
17 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
17 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
© Regiopress, All rights reserved