laRegione
27.04.21 - 21:22
Aggiornamento: 22:31

Tre reporter europei uccisi dai jihadisti in Burkina Faso

Stavano facendo un servizio sul bracconaggio: due di loro erano spagnoli, uno irlandese. Tra i sopravvissuti c'è anche uno svizzero

tre-reporter-europei-uccisi-dai-jihadisti-in-burkina-faso
Forze di polizia in azione in Burkina Faso (Keystone)

Tre reporter, tra cui lo spagnolo David Beriáin, fra i massimi esponenti europei del giornalismo d'inchiesta, sono stati uccisi in una sorta di esecuzione da terroristi islamici legati ad al-Qaida in Burkina Faso, dove erano stati rapiti lunedì mattina mentre raccoglievano materiale per un reportage sul bracconaggio. Beriain, 43 anni, il cameraman Roberto Fraile (47, anch'egli spagnolo) e un collega irlandese facevano parte di un gruppo di giornalisti e formatori occidentali che stavano seguendo una pattuglia anti-bracconaggio nel sud-est dell'ex Alto Volta, ai bordi di una riserva naturale verso il confine col Benin: circa 40 persone, di cui 15 di scorta, secondo quanto è possibile ricostruire da fonti ufficiali e mediatiche.

La dinamica

Nella zona di Pama un veicolo e alcune motociclette del convoglio che facevano da battistrada sono incappati "in una postazione tenuta da terroristi che hanno aperto il fuoco", ha riferito il ministero della Comunicazione. Tre uomini della scorta sono rimasti feriti e c'è stato il rapimento dei tre reporter stranieri e di un burkinabè. "I tre occidentali sono stati giustiziati dai terroristi", ha riferito un alto funzionario dei servizi di sicurezza senza aggiungere altri dettagli. Anche se per il momento, secondo il ministero burkinabè, "l'identità dei rapitori non è accertata in maniera chiara", a ucciderli dovrebbero essere stati i jihadisti del Jnim (il Nusrat al-Islam wal-Muslimin, Gruppo di sostegno all'Islam e ai musulmani): è stata infatti questa formazione, in un messaggio audio, a rivendicare il sanguinoso rapimento. "Abbiamo ucciso tre bianchi. Abbiamo anche preso due veicoli con armi e 12 motociclette", si afferma nella registrazione.

Il veterano dei fronti caldi

Beriain, veterano di molti fronti caldi del pianeta, era conosciuto anche in Italia fra l'altro per uno dei documentari della serie 'Il mondo dei narcos' sui signori della droga e la corruzione in Colombia e Messico. Lo spagnolo era autore anche del programma televisivo 'Clandestino', che affrontava il tema della criminalità organizzata in diverse parti del mondo: per un reportage sulla 'ndrangheta, mandato in onda nel novembre del 2009, la Procura di Milano però lo aveva indagato per il sospetto che contenesse testimonianze fake.

Il cameraman Fraile, che lascia due figli, sempre come freelance aveva già rischiato la vita in diversi conflitti tra cui quello in Siria dove, ad Aleppo nel 2012, era stato ferito all'inguine da una scheggia. Dell'irlandese in serata si è appreso che era sposato ad un'olandese e viveva nei Paesi Bassi.

Fra i sopravvissuti c’è anche uno svizzero. La pericolosità del Burkina, poverissima ex colonia francese senza sbocchi al mare, si inquadra nell'attività di gruppi jhadisti nella regione semi desertica del Sahel cominciata con la conquista di ampi settori del Mali settentrionale nel 2012 e solo in parte arginata dall'intervento militare di Parigi e altri Paesi dell'area.

Scatenati in Burkina dal 2015 sono anche i terroristi Isis dello Stato islamico nel Gran Sahara (Egis) e di altre formazioni come gli Ansaroul Islam: l'Onu ha contato più di 1.800 morti nel solo 2019 e oltre un milione di sfollati da allora. Vari anche i rapimenti, fra cui quello durato 15 mesi dell'architetto padovano Luca Tacchetto e della sua compagna canadese Edith Blais, tornati liberi solo nel marzo dell'anno scorso. Nel gennaio 2016 era stata rapita a Djibo (al confine con Mali e Niger) anche una coppia australiana: la donna fu liberata circa un mese dopo mentre l'uomo è ancora dato per scomparso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
14 ore
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
14 ore
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
16 ore
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
20 ore
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
20 ore
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
22 ore
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
23 ore
Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti
L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
1 gior
Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia
Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
1 gior
‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’
‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
Stati Uniti
1 gior
Luce verde alla vendita di elicotteri alla Corea del Sud
Gli Stati Uniti forniranno a Seul apparecchi Ch-47 Chinook per un valore stimato in 1,5 miliardi di dollari
© Regiopress, All rights reserved