laRegione
dal-primo-maggio-truppe-nato-via-dall-afghanistan
Soldati dell'esercito afghano (Keystone)
14.04.21 - 21:31

Dal primo maggio truppe Nato via dall’Afghanistan

Biden vuole che l'ultimo contingente lasci il Paese entro il prossimo 11 settembre

I soldati americani e quelli della Nato lasceranno l'Afghanistan a partire dal primo maggio. L'Alleanza Atlantica segue la strada tracciata dagli Usa di Joe Biden, convinto che "sia giunta l'ora di porre fine a questa lunga guerra".

Da maggio a settembre gli oltre 7'000 soldati della coalizione lasceranno il suolo afghano a 20 anni dall'attacco alle Torri gemelle e a 10 dall'uccisione, in Pakistan, di Osama bin Laden.

Annunciando ufficialmente dalla Casa Bianca il ritiro delle truppe, Biden ha affermato che "è tempo di mettere fine alla più lunga guerra americana, è tempo per le truppe americane di tornare a casa dall'Afghanistan". Il ritiro sarà ordinato, non precipitoso, e sarà coordinato con gli alleati della Nato.

Gli Usa hanno raggiunto il loro obiettivo in Afghanistan 10 anni fa quando il leader di al-Qaida Osama bin Laden fu ucciso da un commando americano, ha spiegato Biden. "Dopo le ragioni di stare lì sono diventate sempre meno chiare", ha aggiunto.

Il presidente ha quindi sostenuto che "solo gli afghani hanno il diritto e la responsabilità di guidare il loro paese" e ha ammonito i talebani a tener fede "ai loro impegni" contro il terrorismo e li ha messi in guardia che gli Usa chiederanno loro conto su quanto accadrà in Afghanistan. Ha inoltre chiesto al Pakistan di fare di più per sostenere l'Afghanistan.

Ad assicurare che il paese può prendere il controllo della sicurezza è stato il presidente afghano Ashraf Ghani durante un colloquio con Biden. "Le forze di sicurezza - ha detto - sono pienamente in grado di difendere il loro popolo e il loro paese. Rispettiamo la decisione degli Stati Uniti e lavoreremo con i nostri partner statunitensi per garantire una transizione graduale e senza scosse".

La decisione del ritiro entro settembre ha però già raccolto l'ostilità dei talebani, rimasti ancorati alla scadenza negoziata dall'amministrazione Trump, con il disimpegno totale entro il primo maggio. E che hanno quindi annunciato che diserteranno la conferenza di pace prevista dal 24 aprile al 4 maggio ad Istanbul. "Non parteciperemo a nessuna conferenza sul futuro dell'Afghanistan finché tutte le truppe straniere non si ritireranno dal paese", ha scritto su Twitter il portavoce Mohammad Naeem.

Mentre il ministero degli esteri russo ha definito la decisione di allungare i tempi del ritiro una "violazione evidente dell'accordo americano-talebano firmato il 29 febbraio 2020", ammonendo sul fatto che "il conflitto armato in Afghanistan potrebbe intensificarsi nel prossimo futuro".

Quel che è certo è che la Nato, ricompattata con l'arrivo di Biden dopo gli anni difficili di Donald Trump, ha ribadito il suo mantra: "entriamo insieme, usciamo insieme". E si è allineata all'annuncio dell'inquilino della Casa Bianca.

"Abbiamo condiviso la linea Usa, conveniamo sul fatto che serva un cambio di passo in Afghanistan", ha detto il ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio da Bruxelles al termine dell'incontro sul dossier con i colleghi tedesco, turco, britannico e con il segretario di Stato americano e poco prima dell'avvio del Consiglio Nord Atlantico.

In Afghanistan del resto, ne è convinto il segretario di Stato americano Antony Blinken, "sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati: ora è tempo di riportare le truppe a casa". E di farlo tutti insieme, "in stretta collaborazione con i nostri alleati", ha aggiunto.

D'accordo anche la ministra tedesca della difesa, Annegret Kramp-Karrenbauer: "abbiamo sempre detto entriamo insieme, usciamo insieme", ha commentato. Così come il segretario di Stato per la difesa britannico Ben Wallace, che ha ribadito come tutti i dettagli verranno decisi "in coordinamento con gli Usa, con l'Alleanza Atlantica" e con in mente l'obiettivo di "un Afghanistan sicuro e stabile".

Anche se la strada per raggiungere questo obiettivo sembra ancora molto lunga: secondo i dati dell'Onu, nei soli primi tre mesi dell'anno nel paese sono stati uccisi 573 civili e 1'200 sono stati feriti. Si tratta soprattutto di donne e bambini rimasti mutilati, vittime di sparatorie, ordigni esplosivi o assassinii mirati.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan nato primo maggio stati uniti truppe
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
6 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
6 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
7 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
7 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
9 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
10 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
Confine
11 ore
Trenord aumenta il prezzo dei biglietti
Sono coinvolte anche le linee transfrontaliere con il Ticino. La ragione è l’adeguamento all’inflazione
Estero
13 ore
Identificati 250 siti web di fake news sulla guerra in Ucraina
Diffondono attivamente disinformazione russa, indica NewsGuard. Circa la metà sono in inglese, mentre altri sono in francese, tedesco o italiano
Estero
19 ore
Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi
L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
l'amicizia con putin
1 gior
L’Spd grazia Schröder per suoi rapporti con Mosca
Ma caso non ancora chiuso. E si riapre quello Warburg che inguiaia il cancelliere Scholz
© Regiopress, All rights reserved