laRegione
07.04.21 - 21:59

Nave iraniana colpita, l’ombra di Israele

L'attacco nel Mar Rosso. Si sospetta un sabotaggio nel pieno dei negoziati sul nucleare

nave-iraniana-colpita-l-ombra-di-israele
Una nave da guerra iraniana (Keystone)

Una nave iraniana colpita da un'esplosione nel mar Rosso, forse da mine magnetiche israeliane, proprio mentre a Vienna stavano ripartendo i cruciali colloqui per il possibile ritorno degli Stati Uniti all'accordo sul nucleare del 2015. L'ultimo sospetto scontro a distanza tra la Repubblica islamica e lo Stato ebraico si consuma in uno dei momenti chiave per il futuro degli equilibri mediorientali, con l'amministrazione di Joe Biden che si dice pronta a tendere la mano a Teheran, riducendo le sanzioni.

Ipotesi rappresaglia

Dopo diverse ricostruzioni circolate su media locali e internazionali, è stato il ministero degli Esteri iraniano a confermare con una nota che una sua "nave commerciale", la Saviz, è rimasta "leggermente danneggiata" all'alba di ieri "nel mar Rosso, nei pressi della costa di Gibuti", a seguito di "un'esplosione" non meglio precisata, che non ha causato feriti. Le autorità di Teheran non sembrano intenzionate a cavalcare le tensioni e si limitano a confermare l'apertura di un'inchiesta, senza accusare ufficialmente Israele. Che però, secondo il New York Times, avrebbe rivendicato l'azione presso l'amministrazione Usa, descrivendola come una rappresaglia per precedenti attacchi simili dell'Iran alle sue navi nel Golfo Persico.

Il mistero aleggia anche sull'effettivo impiego della Saviz, che la Repubblica islamica definisce come un mezzo di supporto logistico e tecnico per altri mercantili. Fonti israeliane la descrivono invece come una nave utilizzata dalle Guardie rivoluzionarie: una circostanza confermata dalla stessa agenzia iraniana Tasnim, vicina ai Pasdaran, secondo cui servirebbe come scorta in un'area a rischio pirateria.

I colloqui con Washington

L'episodio è diventato di dominio pubblico mentre da Teheran e Washington si susseguono messaggi di apertura e soddisfazione per i colloqui indiretti avviati ieri a Vienna attraverso gli altri partner dell'intesa nucleare, definiti "costruttivi" da entrambe le parti. "Un nuovo capitolo è stato aperto per il rilancio dell'accordo", ha scandito oggi il presidente iraniano Hassan Rohani, mentre continuano anche le pressioni interne dell'ala ultraconservatrice, ostile a ogni concessione agli americani.

Se il governo di Teheran ribadisce di poter tornare immediatamente al pieno rispetto dei suoi impegni sul nucleare, nel momento in cui venisse tolto l'embargo, la sua Agenzia per l'energia atomica ha fatto sapere oggi che in tre mesi è riuscita a produrre 55 kg di uranio arricchito al 20% - ben oltre il limite del 3,67% dell'accordo -, quasi il doppio di quanto previsto finora.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
il commento
5 ore
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
Confine
5 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
12 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
19 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
© Regiopress, All rights reserved