laRegione
von-der-leyen-senza-sedia-bufera-su-erdogan-e-michel
(Keystone)
Turchia
07.04.21 - 19:58
Aggiornamento: 22:47

Von der Leyen senza sedia, bufera su Erdogan e Michel

L'episodio della sedia 'negata' alla presidente della Commissione Europea si è trasformato in un vero e proprio incidente diplomatico

In diplomazia anche la forma è sostanza. Per questo il 'sofagate', com'è stato battezzato sui social, rischia di oscurare i risultati della visita dei leader Ue ieri in Turchia.

Da sgarbo di protocollo, sull'onda delle polemiche l'episodio si è trasformato in un vero e proprio incidente diplomatico tutt'altro che trascurabile viste le tensioni fra Ankara e Bruxelles.

E a finire nel mirino non c'è solo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha fatto accomodare su un divano la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen mentre lui e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel prendevano posto su due poltrone con le rispettive bandiere alle spalle. È stato criticato anche lo stesso Michel, per essersi subito adeguato senza battere ciglio.

Un video riprende la scena e l'evidente sorpresa di von der Leyen che, allargando le braccia, non trattiene un mugugno tedesco di disappunto. Poi prende posto sul divano alla destra dei due interlocutori, di fronte a un altro sofà occupato dal ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, e nelle due ore di colloqui non esita a sottolineare che "la Turchia deve rispettare i diritti umani", dicendosi "molto preoccupata dal ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul" contro la violenza sulle donne.

Lo stupore della presidente è stato confermato dal portavoce della Commissione, Eric Mamer, secondo cui von der Leyen ha però "preferito dare priorità alle questioni di sostanza rispetto al protocollo", perché è più importante "far avanzare un processo politico fra l'Ue e la Turchia".

È chiara l'attenzione a non aumentare la tensione, ma il portavoce ha precisato che l'esecutivo europeo "si aspetta di essere trattato secondo il protocollo adeguato" e che "saranno presi contatti con tutte le parti coinvolte perché non si ripeta in futuro".

Formalmente, fra i dignitari in trasferta il protocollo europeo dà precedenza al presidente del Consiglio europeo rispetto alla Commissione. Chi parla di 'machismo protocollare' però non dimentica un precedente del 16 novembre 2015: in un incontro allo stesso livello, non come ieri nel faraonico palazzo presidenziale di Ankara ma nella hall di un hotel di Antalya, a margine del G20 presieduto dalla Turchia, entrambi i leader Ue dell'epoca, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, vennero fatti accomodare su due poltrone equidistanti ai lati di Erdogan.

Di sgarbi simbolici è ricca la storia della diplomazia, da Mao Zedong che nel '58 ricevette in piscina Nikita Krusciov, incapace di nuotare (ma il russo ribaltò la situazione: mollò i braccioli e si mise seduto sul bordo guardando il cinese dall'alto in basso), ai cani con cui Vladimir Putin accoglieva Angela Merkel pur sapendo quanto la cancelliera tedesca li temesse.

"Soprattutto negli ordinamenti autoritari il protocollo è strumento di comunicazione dei leader", sottolinea Massimo Sgrelli, ex capo del cerimoniale di Palazzo Chigi, secondo cui il belga Michel "avrebbe potuto cedere il posto a von der Leyen".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione europea erdogan michel turchia von der leyen
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
1 ora
Tir tampona due pullman di profughi: un morto
Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
2 ore
Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione
L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
Gran Bretagna
2 ore
Luce verde al nuovo booster aggiornato contro Omicron
Coronavirus, il nuovo preparato di Moderna, già approvato in Gran Bretagna, potrebbe richiedere una sola vaccinazione all’anno
Germania
2 ore
Caro-energia: aggravio medio annuo di 484 euro a famiglia
In Germania il rincaro sarà di 2,4 centesimi di euro (2,360 centesimi di franco) per kilowattora
Italia
2 ore
Passata l’emergenza Covid, tornano a salire i reati
Sebbene non ancora raggiunti i livelli pre-pandemici, gli atti criminosi in Italia sono cresciuti sensibilmente
Ucraina
4 ore
Guerra del grano, luce verde all’export per altre sei navi
Superati i relativi controlli, le imbarcazioni con a bordo cereali potranno lasciare l’Ucraina attraverso il corridoio marittimo umanitario
Estero
6 ore
Crolla un ponte: due veicoli precipitano nel fiume
È accaduto stamane in Norvegia. Il ‘Tretten’ collegava le due sponde del Gudbrandsdalslågen, nel sud del Paese
Stati Uniti
6 ore
Auto contro la folla in Pennsylvania: un morto e 17 feriti
L’uomo ha dapprima investito le persone di un corteo, dopodiché ha preso mira una 56enne, poi presa a colpi di martello
Stati Uniti
6 ore
Aggressione a Rushdie: Blinken punta il dito contro l’Iran
Il segretario di Stato degli Usa condanna autorità e media: ‘Le istituzioni hanno incitato alla violenza contro di lui per anni’
Estero
21 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
© Regiopress, All rights reserved