laRegione
von-der-leyen-senza-sedia-bufera-su-erdogan-e-michel
(Keystone)
Turchia
07.04.21 - 19:580
Aggiornamento : 22:47

Von der Leyen senza sedia, bufera su Erdogan e Michel

L'episodio della sedia 'negata' alla presidente della Commissione Europea si è trasformato in un vero e proprio incidente diplomatico

In diplomazia anche la forma è sostanza. Per questo il 'sofagate', com'è stato battezzato sui social, rischia di oscurare i risultati della visita dei leader Ue ieri in Turchia.

Da sgarbo di protocollo, sull'onda delle polemiche l'episodio si è trasformato in un vero e proprio incidente diplomatico tutt'altro che trascurabile viste le tensioni fra Ankara e Bruxelles.

E a finire nel mirino non c'è solo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha fatto accomodare su un divano la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen mentre lui e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel prendevano posto su due poltrone con le rispettive bandiere alle spalle. È stato criticato anche lo stesso Michel, per essersi subito adeguato senza battere ciglio.

Un video riprende la scena e l'evidente sorpresa di von der Leyen che, allargando le braccia, non trattiene un mugugno tedesco di disappunto. Poi prende posto sul divano alla destra dei due interlocutori, di fronte a un altro sofà occupato dal ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, e nelle due ore di colloqui non esita a sottolineare che "la Turchia deve rispettare i diritti umani", dicendosi "molto preoccupata dal ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul" contro la violenza sulle donne.

Lo stupore della presidente è stato confermato dal portavoce della Commissione, Eric Mamer, secondo cui von der Leyen ha però "preferito dare priorità alle questioni di sostanza rispetto al protocollo", perché è più importante "far avanzare un processo politico fra l'Ue e la Turchia".

È chiara l'attenzione a non aumentare la tensione, ma il portavoce ha precisato che l'esecutivo europeo "si aspetta di essere trattato secondo il protocollo adeguato" e che "saranno presi contatti con tutte le parti coinvolte perché non si ripeta in futuro".

Formalmente, fra i dignitari in trasferta il protocollo europeo dà precedenza al presidente del Consiglio europeo rispetto alla Commissione. Chi parla di 'machismo protocollare' però non dimentica un precedente del 16 novembre 2015: in un incontro allo stesso livello, non come ieri nel faraonico palazzo presidenziale di Ankara ma nella hall di un hotel di Antalya, a margine del G20 presieduto dalla Turchia, entrambi i leader Ue dell'epoca, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, vennero fatti accomodare su due poltrone equidistanti ai lati di Erdogan.

Di sgarbi simbolici è ricca la storia della diplomazia, da Mao Zedong che nel '58 ricevette in piscina Nikita Krusciov, incapace di nuotare (ma il russo ribaltò la situazione: mollò i braccioli e si mise seduto sul bordo guardando il cinese dall'alto in basso), ai cani con cui Vladimir Putin accoglieva Angela Merkel pur sapendo quanto la cancelliera tedesca li temesse.

"Soprattutto negli ordinamenti autoritari il protocollo è strumento di comunicazione dei leader", sottolinea Massimo Sgrelli, ex capo del cerimoniale di Palazzo Chigi, secondo cui il belga Michel "avrebbe potuto cedere il posto a von der Leyen".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
11 ore
Bullismo, processo per un minore comasco e sette ticinesi
Cinque mesi di bullismo ai danni di un coetaneo, all'epoca 15enne. Botte e persecuzioni riprese in video e condivise con i compagni di scuola
Estero
13 ore
GB, Carlo commosso: "Per mamma è stato una roccia"
I quattro figli del principe Filippo ricordano il padre: "Un pilastro sempre presente per la famiglia"
Estero
16 ore
Terremoto di magnitudo 6 al largo dell'Indonesia
Il sisma è stato registrato a una profondità di 82 km. Finora non si registrano vittime
Confine
17 ore
Festa di compleanno abusiva nei boschi di Gaggiolo
Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia di Finanza. Dieci persone sono state sanzionate per violazione delle norme anti-covid
Estero
18 ore
Cina, maxi-multa da 2,6 miliardi di franchi ad Alibaba
Il gigante ha affermato di aver accettato la sanzione e si è impegnata a delineare già da lunedì dei piani per rendere le sue operazioni conformi
Estero
18 ore
Iran, USA avvertono. Non rimuoveremo tutte le sanzioni di Trump
Washington sarebbe disponibile a togliere però quelle che non sono in linea con l'intesa del 2015
Estero
1 gior
Coronavirus, Italia quasi tutta arancione da lunedì
Si comincia a ragionare su possibili aperture dal 20 aprile. La Sardegna torna rossa. In lockdown anche Campania, Puglia e Valle d’Aosta.
Estero
1 gior
Kim avverte il popolo, tempi duri per la Corea del Nord
Il leader nordcoreano evoca una nuova carestia e lancia l’appello a intraprendere un’‘Ardua marcia’
Estero
1 gior
Assassinato ad Atene un noto giornalista investigativo
Giorgos Karaivaz, volto della tv, è stato crivellato di colpi davanti casa. Gli investigatori ritengono che l’agguato sia stato preparato con cura.
Estero
1 gior
Lavoratori contro il sindacato, Amazon vince negli Usa
Nella votazione in Alabama prevale nettamente il ‘no’. La ‘Union’ punta il dito contro l’azienda, che respinge le accuse. Lunga battaglia legale in vista.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile