laRegione
l-ue-vola-da-erdogan-rispettate-i-diritti-umani
Recep Tayyip Erdogan, Charles Michel e Ursula von der Leyen (Keystone)
06.04.21 - 20:18
Aggiornamento : 20:50

L'Ue vola da Erdogan: ‘Rispettate i diritti umani’

Dialogo aperto su economia, migranti e Libia ma posizioni ancora distanti: ‘La strada è lunga'

Ansa, a cura de laRegione

Una prima tappa di un percorso che è solo "all'inizio" e dovrà superare molte incognite, a partire dal "rispetto dei diritti umani" in Turchia. Dopo un anno di forti tensioni, dai migranti al Mediterraneo orientale, i leader Ue sono volati oggi ad Ankara dal presidente Recep Tayyip Erdogan per tracciare la road map di normalizzazione indicata dall'ultimo Consiglio europeo. "Un'agenda positiva" che va dal rafforzamento dei rapporti economici al rilancio dell'accordo del 2016 sui rifugiati. Ma tradurla in realtà sarà tutt'altro che scontato, di fronte ai continui strappi di Ankara su minoranze e stato di diritto. "Abbiamo sottolineato che il rispetto dei diritti fondamentali è cruciale per l'Europa", ha scandito dopo l'incontro con Erdogan la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, dicendosi "molto preoccupata dal ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul".

Il caso dissidenti

Un allarme che riguarda anche i dissidenti, come il filantropo Osman Kavala e il leader curdo Selahattin Demirtas, di cui la Corte europea dei diritti umani ha più volte chiesto il rilascio. Anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha espresso "profonda preoccupazione per gli ultimi sviluppi sulla libertà d'espressione e la possibile chiusura del partito" filo-curdo Hdp. Tra Bruxelles e Ankara restano dunque forti le distanze su temi "non negoziabili", come li ha definiti von der Leyen. Ma l'interesse comune a rilanciare i rapporti è chiaro. "Con il presidente Erdogan abbiamo avuto una discussione franca sul futuro delle relazioni", ha detto Michel, spiegando che Bruxelles ha assicurato "un impegno progressivo e proporzionale", offrendo ad Ankara "una finestra di opportunità in vista del Consiglio europeo di giugno". Sul tavolo ci sono le diverse priorità delle parti. A cominciare dal capitolo migranti. "L'accordo del 2016 resta valido e ha portato risultati positivi", ha sottolineato von der Leyen, che ha chiesto alla Turchia di rispettare i propri impegni di "contrasto alle partenze irregolari e ripresa dei ricollocamenti dalla Grecia".

Il futuro

L'Ue promette di presentare presto una nuova proposta con risorse aggiuntive ai 6 miliardi impegnati finora per i bisogni dei 3,6 milioni di rifugiati siriani, come chiesto da Ankara, nel quadro di una strategia regionale che riguardi anche altri Paesi in prima linea nell'accoglienza, come Libano e Giordania. E proprio ad Amman la presidente della Commissione volerà direttamente da Ankara per incontrare il re Abdallah II, nel pieno delle tensioni a corte. Dal canto suo, Erdogan incassa l'impegno a "modernizzare" l'unione doganale del 1995 con l'Ue, primo partner commerciale di un'economia turca sempre più in difficoltà. Bruxelles promette anche di aprire al dialogo sulla facilitazione degli spostamenti delle persone e a una maggiore cooperazione con la società civile.

Ma il vero banco di prova saranno le delicate partite geopolitiche in Libia e Mediterraneo orientale. Su quest'ultimo fronte, Michel ha sottolineato positivamente "la ripresa dei colloqui esplorativi tra Grecia e Turchia" e la de-escalation rispetto alla scorsa estate, auspicando risultati incoraggianti anche dal "processo mediato dall'Onu su Cipro". Per la Libia, invece, il presidente del Consiglio Ue ha ribadito "il messaggio cruciale che tutte le truppe straniere devono lasciare" il Paese. Un impegno che però Erdogan, kingmaker della difesa di Tripoli, non ha finora deciso di prendere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ankara diritti umani migranti turchia ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
10 ore
Voli europei, tariffe quasi raddoppiate
Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
12 ore
Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’
Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
18 ore
Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali
Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
1 gior
Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin
La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
1 gior
La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell
Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior
San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata
Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior
Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia
Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
1 gior
Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi
Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Estero
1 gior
Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore
Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
1 gior
Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km
Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
© Regiopress, All rights reserved