laRegione
06.04.21 - 16:45

Ignazio Cassis in Oman per parlare di pace

Il consigliere federale capo del Dipartimento affari Esteri prosegue il suo viaggio in Medio Oriente incontrando oggi a Mascate alti rappresentanti dell'Oman

ignazio-cassis-in-oman-per-parlare-di-pace
(Keystone)

Dopo la prima tappa in Iraq, il consigliere federale Ignazio Cassis ha proseguito il suo viaggio in Medio Oriente incontrando oggi a Mascate alti rappresentanti dell'Oman, con cui ha discusso sugli sforzi congiunti per promuovere la pace nella regione.

Il viaggio del ministro degli esteri, seconda tappa di un periplo che lo porterà anche in Libano prima di far rientro in Svizzera, cade in un periodo di grande fermento nella regione. Stando una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), "il nuovo Governo degli Stati Uniti si adopera per una ripresa del processo di pace nello Yemen e auspica un ritorno all'accordo sul nucleare con l'Iran. A medio termine ciò potrebbe incidere positivamente anche sulle relazioni tra gli Stati in conflitto nell'area, primi fra tutti l'Arabia Saudita e l'Iran". Citato nella nota, Cassis ha affermato che "la Svizzera e l’Oman sostengono tutti questi sforzi".

Nel corso dei colloqui avuti col vice primo ministro Sayyid Fahd bin Mahmoud Al Said e il ministro degli esteri Sayyid Badr bin Hamad bin Hamood Al Busaidi il consigliere federale ticinese ha inoltre firmato un Memorandum of Understanding per avviare consultazioni politiche regolari con l'Oman. Al pari della Svizzera, anche l'Oman persegue una politica estera neutrale e intrattiene buone relazioni con tutti gli Stati della regione del Golfo. Entrambi i Paesi sono noti per i loro buoni uffici e in passato hanno svolto con successo il ruolo di mediatori nei conflitti.

Nel 2019 la Svizzera ha firmato con l'Oman una dichiarazione d'intenti volta ad approfondire la cooperazione nell'ambito della mediazione e della promozione della pace. In collaborazione con Mascate, la Svizzera vuole contribuire a rafforzare la fiducia tra gli Stati della regione. "La Svizzera è richiesta per la sua competenza tematica. L'Oman conosce molto bene i diversi interessi nella regione. Per questo i due Paesi si completano a vicenda in modo ottimale", secondo Cassis.

Con il suo omologo omanita il capo del DFAE ha parlato anche delle prospettive per le aziende svizzere nel paese arabo. I due ministri hanno inoltre esaminato iniziative congiunte nel settore della salute globale e in quello della formazione professionale e dei giovani, le due priorità per l'Oman stabilite dal Consiglio federale nella sua strategia per la regione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
2 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
19 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
19 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
19 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
19 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
22 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
1 gior
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
1 gior
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
1 gior
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
1 gior
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
© Regiopress, All rights reserved