laRegione
05.04.21 - 21:51
Aggiornamento: 06.04.21 - 07:07

Ricoverato Navalny: 'Difficoltà respiratorie'

Il dissidente russo aveva denunciato tosse e febbre, oltre alle vessazioni delle guardie carcerarie

Ansa, a cura de laRegione
ricoverato-navalny-difficolta-respiratorie
Navalny durante il processo (Keystone)

L'oppositore russo Alexei Navalny è stato trasferito ieri dal carcere ad una struttura medica carceraria perché affetto da "difficoltà respiratoria", dopo che il dissidente ha dichiarato di essere affetto da tosse e febbre e che almeno 15 altri detenuti sono sotto cura per tubercolosi.

Lo scrive il giornale russo Izvestia, citato anche da altri media, che aggiunge che Navalny è stato anche sottoposto a tampone per verificare un'eventuale infezione da Covid-19. L'Izvestia cita un comunicato della colonia penale in cui si parla di "sintomi di una malattia respiratoria, inclusa febbre alta". Il 44enne oppositore, che è ancora in sciopero della fame come protesta, si trova in una colonia penale della regione di Vladimir dopo che in febbraio gli è stata inflitta una condanna a due anni e mezzo per violazione dei termini della libertà provvisoria. Navalny si era infatti rifugiato a Berlino, dopo l'avvelenamento da Novichok, quando avrebbe dovuto presentarsi al giudice, in quanto stava ancora scontando una vecchia condanna del 2014 per alcuni presunti illeciti, che lui contesta - e la Corte europea dei diritti gli ha dato ragione - come un falso. Fu arrestato nel momento in cui mise piede a terra a Mosca di ritorno da Berlino, in gennaio.

Negli ultimi tempi ha denunciato torture psicologiche in carcere, come la sistematica privazione del sonno da parte delle guardie, una perdita di peso consistente (almeno 8 chili) e dolori alla schiena e alle gambe, che attribuisce alle dure condizioni di detenzione e a alla mancanza di vere cure mediche. Ieri un ennesimo messaggio di Sos: "Ho 38 di febbre e tossisco, nella mia squadra di detenzione ci sono tre malati di tubercolosi su 15 persone, ovvero il 20% dei reclusi", ha scritto su Instagram. "Io naturalmente continuo lo sciopero della fame, per veder rispettato il mio diritto di essere visitato da medici di mia fiducia", ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Gallery
Italia
3 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
19 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
2 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
© Regiopress, All rights reserved